Mi ritrovo accanto una persona del tutto nuova

Angela

Salve , io sono Angela. Ho 24 anni premetto che mio zio é un suo collega, ma ho voluto parlare con qualcuno che non fosse legato alla famiglia ... sto con il mio compagno da 6 anni. É sempre andato tutto molto bene eccetto qualche discussione come ogni coppia .. quest'anno abbiamo avuto una bambina e procedeva benissimo fino al compimento del primo anno della piccola dove abbiamo avuto una discussione legata a delle incomprensioni, a tratti riconosco avvolte di essere stata un po egoista , e pesante nel modo di dire quello che era il mio pensiero, ma diretta. La stessa discussione mi spinge a prendere le mie cose e andare da mia mamma allontanandomi da lui, dove trascorro due settimane ... nell'arco di queste due settimane viene a trovare con la costanza di circa due volte a settimana la bambina fra cui un giorno la portiamo anche a giocare in un parco dove gli dico che sono dispiaciuta chiedo scusa e che avrei potuto affrontare la cosa in un dialogo invece che andar via. Mi ritrovo una persona completamente nuova che dice di non amarmi più ma comunque vuole riprovare perché c'è stato un sentimento davvero forte tra noi e aggiunge anche che mi ha amato come non ha amato mai nessuno. Torno a casa con lui e trascorrono tre mesi ad oggi, dove io cambio radicalmente, divento più riflessiva cerco di evitare qualsiasi discussione creandogli uno stato di serenità perché comunque ci tengo e decido di modificare il mio lato impulsivo, lui se ne accorge ed è felice di ciò ma nonostante mi dice spesso che forse è meglio chiuderla perché i sentimenti non sono più gli stessi ma nonostante, dal trovarmi una persona che mi dava continuo affetto mi cercava spesso quando stava a lavoro mi ritrovo una persona che non mi fa più una carezza non mi scrive durante le ore lavorative anzi dice che è meglio che non gli scrivo o chiamo neanche io perché non vuole ulteriore stress da quello che già é il suo lavoro ... io non credo che un : " come sta andando la giornata " possa recargli stress ma bensì mi ero illusa che potesse farlo sentire pensato, meno solo comunque sapere che c'è qualcuno che lo aspetta. Adesso dice di voler cambiare il lavoro, e gettarsi nel mondo del camionista pur sapendo che ciò lo terrà distante da me e la sua bambina ma dice che non gli importa e che vuole pensare a se stesso ... quando dico che mi ritrovo una persona del tutto nuova intendo anche il fatto che é sempre stato una persona presente in ogni aspetto della mia vita, questa cosa mi fa soffrire molto perché percepisco che non vuole cambiare lavoro per necessità ma per stare lontano e fare i suoi comodi . . . Ma nonostante ciò non mi sono permessa di dire che non ero d'accordo perché volevo lui scegliesse cosa fare veramente .... è sempre stato un bravissimo ragazzo, presente , gentile e affettuoso in maniera smisurata e mi fa proprio star male vedere adesso una persona priva di ogni emozione nei miei confronti. Con la bambina é un padre meraviglioso, dolce , premuroso non posso dire nulla di negativo ... .... non capisco perché prova tutto questo risentimento nei miei confronti, dopo ben tre mesi che ho messo tutta me stessa per cancellare quelli che erano i miei lati "pesanti" , penso che le incomprensioni ci siano in tutte le coppie ... avvolte le affrontiamo in modo sbagliato fin quando capiamo qual'é il modo giusto di affrontarle ed io ho capito il mio ... ho capito che la serenità, il dialogo è la base .... questa situazione mi crea uno stato di angoscia, io sono innamorata forse anche troppo perché non riesco ad accettare che forse é arrivato il momento di chiuderla , ma resto con la speranza che tutto si aggiusti , che tutto torni come prima perché in fondo le nostre discussioni non sono state per motivi legati a qualcosa di grave ma per le solite sciocchezze e non riesco a giustificare il suo comportamento... ma semplicemente non riesco a capire come fai non amare una persona da un giorno all altro ... non so se lasciar andare con tutta serenità che le cose vadano come devono andare , ed accettare un eventuale separazione concentrandomi su quelli che sono i miei obbiettivi e la nostra meravigliosa bambina , o cercare di recuperare la nostra storia ... la vera domanda é in che modo ? ....

1 risposta degli esperti per questa domanda

Salve Angela, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè capisco quanto questa situazione possa impattare sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale innanzitutto che lei faccia chiarezza circa ciò che sente e ciò che prova verso questa persona, ritagliandosi uno spazio d'ascolto per elaborare pensieri e vissuti emotivi legati alla situazione descritta pertanto la invito a richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL