Depressione

Cerco aiuto ma nessuno mi ascolta.

Noemy

Condividi su:

Salve, mi chiamo Noemy, ho 22 anni.
Scrivo qui perché ho cercato aiuto ma nessuno mi ha ascoltato.
Mi sono trasferita da 6 mesi per motivi di studio, in una città che non conosco, da sola. (Anche senza coinquilini a causa di questa pandemia)
Non sta andando nulla nel verso giusto: mi sento sola, lo studio non frutta per mancanza di concentrazione e di voglia.
Sento il peso economico dei miei genitori, vorrei contribuire anch'io ma non riesco perché tendo a stare tutto il giorno nel letto al buio, non riesco ad affrontare la giornata.
Infatti, non riesco ad essere presente nemmeno all'università.
Ho amici, fidanzato e genitori ma non riesco a farmi capire da loro.
Ho sempre avuto pensieri suicidi da anni ma quest'anno sono troppo insistenti, non riesco più ad allontanarli... sto giungendo ad una fine.
Sono stanca, ho provato di tutto: meditazione, sport, distrarmi, passeggiate, creare nuove amicizie. Inutile dire che è stata soltanto una perdita di tempo.
Ultimamente ci sono giorni che ho un rigetto verso il cibo e giorni in cui mi abbuffo.
Sono stanca di me stessa, stanca di questa situazione.
Anzi, sono arrabbiata, ma non riesco a farne a meno di questi istinti suicidi.
L'unico vero motivo per cui non sono ancora giunta alla conclusione di suicidarmi è quello del pensiero della gente, dei miei genitori, dei miei amici. Cosa penseranno? Di essere egoista? Sicuramente non voglio essere ricordata come una persona "egoista" oppure "era una brava persona".
Perdonatemi per la confusione della domanda ma sono arrivata al limite del limite (se esiste). Mi sono scocciata.
Sono arrivata al punto di pensare di scrivere una lettera d'addio e morire da brava egoista, tanto sono sola, il momento è quello giusto.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Noemy, 


dalle sue parole emerge moltissima sofferenza e mi dispiace. Credo potrebbe essere arrivato il momento di approfondire come mai prova queste emozioni con l'aiuto di un professionista. Come mai si è trasferita? Le emozioni che descrive sono peggiorate o migliorate? I suoi famigliari e il suo fidanzato sono a conoscenza di questo suo profondo malessere?, Quando ha iniziato ad avvertire questa tristezza e solitudine? Ha mai pianificato davvero il suicidio?. Le posso consigliare di valutare un percorso con un professionista, eventualmente online se si trova lontana da casa e non conosce ancora bene il territorio oppure contatti il suo medico di base con il quale comprendere come affrontare questo momento di difficoltà. 


Resto a disposizione, 


Dr. Matteo Radavelli 

Noemy il periodo che affronti non è sicuramente tra i più facili soprattutto per giovani adolescenti. Se mi permetti vorrei conoscerti meglio. Non lasciarti andare. La vita seppur difficile , a volte, ha sempre una via di uscita . Insieme possiamo vedere la luce e tornare a vivere.  Sento il tuo dolore e il tuo smarrimento  e se vuoi ricevo anche su skype per un colloquio. A tua disposizione.


Dott.ssa Valeria Ciolli 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia e depressione gravi scatenate da evento traumatico

Gentili Professionisti di Psicologi Italia, sono un ragazzo di 25 anni che da circa tre settimane ...

6 risposte
Non ne posso più

Ho 28 anni classe 1993. Sono cardiopatico dalla nascita frutto di 4 operazioni a cuore aperto e ...

1 risposta
Come affrontare questo brutto periodo?

Sono una ragazza di diciotto anni con un passato alle spalle che non auguro a nessuno, i miei litiga ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.