Depressione

Come non pensare più al suicidio come risoluzione di ogni problema?

Maria

Condividi su:

Buonasera. Vorrei provare a fare un resoconto della mia situazione e capire se sia grave o meno. Ho da poco deciso di prendere coraggio e chiedere nei prossimi giorni delle sedute con lo psicologo/a del consultorio del mio paese. Da quando sono piccola soffro di picchi assurdi di apatia o rabbia. Quando ho avuto un problema familiare da 7 anni a questa parte, con conseguente divorzio dei miei genitori, ho avuto un calo assurdo di autostima, non credo in me stessa, mi sento una nullità, mi sono completamente fissata su qualsisi difetto del mio corpo e penso che qualsiasi persona sia meglio di me. Ho cominciato a soffrire di attacchi di panico dall'anno scorso. Non riesco più a socializzare, non ho più amici, ma nonostante tutto se mi vengono presentate delle persone sono accogliente e simpatica, ma non mi suscitano nessun tipo di interesse per iniziare un eventuale amicizia. Sono fidanzata da 5 anni, ma non capisco se sto col mio ragazzo per paura di stare sola o perché lo amo. (Durante un rapporto non sono mai riuscita ad arrivare al picco del piacere). A tutto ciò io pongo come soluzione il suicidio, non tagliandomi le vene perché ho paura del dolore, sia fisico che emotivo. Ma ho sempre pensato di buttarmi da una struttura molto alta che sta nella mia città, anche perché cosi non potrei più tornare indietro. L'unica cosa che mi trattiene è il senso di colpa, non voglio far soffrire nessuno. Sono diventata estremamente empatica, mi commuovo o trattengo il pianto per qualsiasi cosa. Vorrei sapere cosa fare perché sento di stare indossando una maschera da tanto tempo e anche se mi sfogo sento le persone non capiscano davvero cosa sento dentro; vuoto, apatia e dolore. Grazie per l'ascolto, attendo una risposta...

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Maria, lei ha fatto il passo della richiesta di aiuto, mi sembra che questa risoluzione esprima la sua volontà di affrontare la depressione, dipanando ciò che l'ha innescata e i problemi che a cascata ne derivano. Quello che prova lo sa soltanto lei, e non deve stupirsi se quelli con cui si sfoga il suo stato d'animo fatichino a comprendere il suo intimo dolore.


Un aiuto psicologico può aiutarla senza alcun dubbio, purchè si stabilisca tra lei e il professionista una buona alleanza terapeutica, e questo solo lei lo potrà valutare.


La depressione non è una malattia nè una debolezza, è il modo con cui la nostra psiche ci avvisa che abbiano dei nodi da sciogliere che ci impediscono di vivere appieno come meritiamo.


Molti auguri

Gentilissima,


La prima questione che mi preme sottolineare, è che non c'è cosa al modo che possa equivalere alla vita. Detto questo, ha provato a esprimere il suo disagio, dal quale, se adeguatamente supportata, potrà favorevolmente uscire.


Piuttosto che impegnare le sue risorse in pensieri disadattivi, provi a frequentare con motivazione le sedute al consultorio.


Sono certa ne trarrà grande beneficio.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Perchè non riesco a mettere fine alla mia esistenza?

Non riesco a suicidarmi e non riesco a capire il perchè, a volte sono ad un passo dal compier ...

5 risposte
Come uscire dal senso di fallimento?

Buongiorno Ho 25 anni e mi sento una nullità. Questa sensazione mi sta distruggendo perch&ea ...

3 risposte
L'unico che mi abbia mai resa felice

Salve a tutti, è la prima volta che scrivo e spero di non sbagliare nulla. Sono anni che sono ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.