Depressione

Come si può uscire da una situazione che sembra irrisolvibile?

Michele

Condividi su:

Buongiorno a tutti,

io soffro di vari problemi come ansia, depressione, scarsa autostima, difficoltà a relazionarmi con le persone ed altri disturbi. Ho lasciato il lavoro, perché non sono in grado di gestire certe situazioni, ora vivo come un recluso, con l'unica differenza che mi sono recluso da solo.

Il punto è che io so che questo è sbagliato, ma nello stesso tempo mi sembra che sia tutto inutile, a breve incontrerò un medico sperando che questa volta io guarisca una volta per tutte.

Comunque mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi, e preciso che ho iniziato ad andare dallo psicoterapeuta a 16 anni.

Grazie

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Michele. In poche righe ha sintetizzato una serie di importanti difficoltà esistenziali, quindi, anche a causa delle poco informazioni disponibili sul suo conto, non le si può fornire una risposta esaustiva e risolutiva. Ma  partiamo dalla fine… innanzitutto, il percorso terapeutico, in quanto finalizzato al cambiamento attraverso una serie di strategie, contempla un’assunzione di responsabilità che “forse” fino ad oggi non si è ancora assunto. Il secondo punto, che riguarda la speranza che l’intervento del medico possa finalmente “guarirla”, denota, a mio avviso, almeno due temi su cui riflettere: a) il primo si ricollega a quanto detto sopra, ossia alla propria responsabilizzazione nel percorso di cura. Nello specifico, mi riferisco a quello che c’è dietro alla sua speranza, ossia che qualcosa o qualcuno le cali dall’alto la “guarigione” come per magia: per quanto riguarda le difficoltà psicologiche questo modo di porsi rispetto al problema non funziona; e b) il medico, in quanto tale, molto probabilmente le proporrà un intervento di tipo farmacologico (o di rivolgersi a uno psicologo, ma non è questo quello che ci interessa ora), il quale, anche se non vi è certezza, potrebbe aiutarla a sentirsi meglio nel breve periodo (soprattutto se combinato a una psicoterapia). Il problema è che con questo tipo di intervento non si va ad agire sulle motivazioni che l’hanno portata al suo attuale stato di malessere, ma sui sintomi (che ne sono la conseguenza). Lei non è una macchina che deve essere aggiusta (meccanicisticamente), non è che ci sia qualcosa che non funziona dentro di lei: ansia, depressione, bassa autostima e le difficoltà a relazionarsi con gli altri sono modi di essere ed emozioni che si manifestano nell’incontro con il mondo. Quindi, è lì che bisogna intervenire, nella sua esistenza (fuori di lei e non dentro). Con questa ultima parte, spero di averle chiarito meglio anche il punto in cui lei dice che anche se consapevole dell’irrazionalità di questo atteggiamento non riesce ad affrontarlo: probabilmente le sue difficoltà sono antecedenti al pensiero razionale.


Cordiali saluti

Salve Michele, penso che l' ansia e le soluzioni che troviamo da soli per tenerla a bada ci faccia costruire circoli viziosi che man mano aumentano il proprio raggio. Le consiglio di rivolgersi ad uno psichiatra e di fare un percorso di psicoterapia costante e duraturo. Se già lo fa e non ha sortito grandi effetti, laddove lei però abbia messo massimo impegno e collaborazione, scelga un nuovo terapeuta, preferibilmente ad Approccio Stragico.


Cari Saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come si può fare per riprendere in mano la propria vita?

Salve Dottori, Sono una studentessa di psicologia clinica, laureata alla triennale dopo un percors ...

5 risposte
Vertigini da tre mesi

Salve mi chiamo Lorenzo e ho 32 anni, sono affetto da sindrome di klinefelter in forma depressiva, ...

4 risposte
Crisi di pianto, tristezza, insoddisfazione

Salve, Vorrei chiedervi delucidazioni in merito alla problematica che mi affligge da un po’...

7 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.