Depressione

Perché non mi risponde più?

Michela

Condividi su:

Buongiorno, sono una donna di 36 anni, sposata da 10 senza figli, nel mio lavoro ho conosciuto un uomo circa 4 anni fa, un bel uomo affascinante siamo sempre stati a distanza anche perché entrambi sposati ...lui ha sempre provato ma io l'ho sempre tenuto a distanza, di recente per motivi di lavoro ci siamo visti spesso ci siamo baciati nel suo ufficio, mandati messaggi mi cercava e mi chiedeva di uscire, non ho mai accettato anche se lo desideravo tanto, sono sempre stata onesta con il mio marito e non ho mai guardato un'altro uomo e mi sento in colpa che ho ceduto ai suoi baci.
Nel frattempo sono passati 4 mesi poi ci siamo rivisti per motivi di lavoro e ci siamo baciati di nuovo eravamo ad un passo di fare l'amore ...poi ho detto di no...e lui ha detto che si è giusto non è il momento e posto giusto e che dobbiamo vederci con calma anche per conoscersi meglio non per forza di fare qualcosa ...sono andata via e il secondo giorno mi ha chiesto cosa ho sentito mentre mi baciava se sto bene e se ci vediamo , gli ho detto di no ....da quel momento no mi scrive più addirittura lo cerco per lavoro senza dire niente di quello che c'e stato fra di noi ma lui non mi risponde più .....non capisco perché si comporta cosi ...è offeso che l'ho rifiutato oppure è rimasto deluso da qualcosa ...
Sono rimasta molto male, non so più che pensare è non riesco a chiedergli niente di quel giorno ...tutti i miei messaggi verso di lui sono formali
Grazie

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Cara Michela, 


il desiderio si nutre di distanza e riavvicinamento.., talvolta anche di rifiuto. Chissà cosa ha mosso in lei il rifiuto (la non risposta) di quest'uomo per interrogarsi così a fondo. Chissà quale prezzo sta pagando per questa situazione e per quella matrimoniale, dato che inserisce la sua domanda nella sezione "depressione".


Varrebbe lo sforzo di dirne qualcosa in più in colloquio. Se le va mi contatti. 


Un caro saluto, 


Dr.ssa Veronica Rinaldo 

Buongiorno Michela,


i suoi dubbi e le sue perplessità sono molto significativi e penso lei debba concentrarsi su di essi. I suoi vissuti rappresentano una fase di passaggio all’interno del suo rapporto di coppia e come ogni fase di passaggio può essere un po’ faticosa: nei momenti più critici è ricorrente  la comparsa di una terza persona.


Potrebbe essere necessario dedicare spazio e tempo al suo matrimonio, magari elaborando i suoi dubbi nell’ambito di un percorso di coppia. Spesso è difficile per una coppia attraversare da sola il cambiamento e può succedere che l’emotività del momento prenda il sopravvento, in modo poco costruttivo. Valuti quindi la possibilità di avvalersi dell’aiuto di uno psicoterapeuta.


A disposizione, Chiara Buti

Gentile Michela,


 mi soffermerei su due aspetti:



  1. Avergli detto più volte "no" può aver provocato in questa persona un senso di rifiuto o di abbandono. Altro aspetto da valutare è anche la presenza dei rispettivi partner. Quest'uomo potrebbe essere "abituale" in questi "giochi" sentimentali? Quindi al di là del suo comportamento dopo un po' "sparire"? 


Capisco non avere il coraggio di riprendere quel discorso però ad oggi è un momento di vita lasciato a metà senza avere nè lei nè lui risposte ai vostri possibili dubbi. Cosa le crea paura di un possibile dialogo tra voi? Di una possibile ed eventuale email chiarificatrice?


    2. Afferma di voler esser sincera con suo marito ma col tempo questo uomo deve aver risvegliato in lei un'attrazione o una voglia di "vivere" certe emozioni. Non si giudichi per questo ma provi a valutare e riflettere su cosa le potrebbe mancare nella vita di coppia, cosa si aspetta lei da un matrimonio, come è il dialogo tra di voi e anche la vita sessuale, ecc. Osservare magari anche come sta lei come donna e compagna, cosa ha provato nel ricevere certi sms dal collega o nel durante e subito dopo il vostro bacio.


Forse, non mi soffermerei solamente su cosa fare con il collega ma più su una riflessione personale. Per cercare di capire cosa vorrebbe veramente lei, eventualmente anche come far tornare il sereno e la continuità nella sua vita di coppia.


Le consiglio pertanto di valutare anche un percorso di psicoterapia breve dove osservarsi da una nuova prospettiva, conoscersi meglio, essere supportata in questo momento di confusione ne poter riflettere su alcuni pensieri ed emozioni riferiti alla sua vita quotidiana. Gli incontri sono coperti da segreto professionale.


Resto a disposizione per chiarimenti, richieste, informazioni, se volesse rispondere in privato alle domande poste e per eventuale percorso online.


Cordialmente


Dr.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo: Torino, Collegno e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come affrontare ansia da rimpianto?

Salve a tutti. Ho 47 anni e ho trascorso tutta la mia vita convinto di poter far a meno dell'amore...

1 risposta
Come uscirne?

Sto passando un periodo molto brutto, ho una depressione fortissima, premetto che sono bipolare e ...

1 risposta
Non mi sento padrona della mia vita

Buongiorno, Da qualche anno a questa parte mi sento passiva e in balia degli eventi. Non riesco a ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.