Depressione

Depressione e necessità di maggiore supporto

Alessandro

Condividi su:

Salve a tutti,
ho già scritto una volta per confrontarmi in merito ad un ipotetico trasferimento.
Ho 23 anni, soffro di ansia e depressione da quando ne avevo 13, e ad oggi credo di non riuscire più a proseguire.
Sono in terapia da quasi 2 anni, ho fatto alcuni progressi e chiarito alcuni aspetti del mio passato e del mio presente, ma il dolore sembra comunque essere troppo. Non dico che la terapia sia stata inutile, ho lavorato duramente e raggiunto risultati importanti, ma credo che il mio caso non abbia un margine di risoluzione completo. Sono di nuovo bloccato, senza sapere cosa fare della mia vita in termini di studio/lavoro, e tutto ciò a cui riesco a pensare ultimamente è di farla finita.
Non ho un lavoro, lo studio è un tasto dolente, non ho una persona con cui condividere la vita, la famiglia in cui sono nato ha già troppi problemi per curarsi anche di me (già è tanto che mi paghino le sedute di psicoterapia) e le prospettive per il futuro sono praticamente azzerate. Vedo gli altri proseguire nella danza della loro vita mentre io sono sugli spalti, seduto a osservarli e a cercare di imparare qualcosa.
Da un po' di tempo a questa parte ho smesso di provare emozioni significative, probabilmente è un meccanismo di difesa per quello che ho passato, ma è l'unico aspetto della mia persona che al momento mi tenga in vita.
Premetto che non ho mai fatto ricorso a farmaci antidepressivi (solo integratori per sostenere il tono dell'umore e benzodiazepine per un breve periodo prescritte dal medico un paio d'anni fa a causa di una grave insonnia), però ora sento il bisogno di un supporto maggiore. Esiste una struttura in grado di aiutarmi? Qualcuno a cui domandare aiuto per allontanarmi da questo ambiente che mi provoca solo sofferenze?
Non so davvero che altro fare, il tempo passa e io ho terminato i luoghi dentro di me in cui cercare la felicità.

7 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Alessandro, il tuo stato ansioso-depressivo necessita di un percorso di psicoterapia non breve per cui due anni non sono tanti, considerato anche che tu riconosci di aver avuto già dei vantaggi!! Sarebbe stato utile sapere se hai già parlato con la tua/o psicoterapeuta di queste tue perplessità circa l'esito della terapia stessa...e quale  risposta hai avuto!! In mancanza di ciò ed in considerazione anche dei tuoi attuali pensieri negativisti ed anche autolesionistici, il mio consiglio è che tu possa passare una visita neurologica (parlane prima con il tuo psicoterapeuta ed il medico di famiglia) affinchè ti possano venire prescritti dei farmaci stabilizzatori dell'umore, che dovresti assumere per un certo periodo di tempo e poi piano, piano (a scalare) interrompere!! Sono certa che il tuo stato depressivo dovrebbe migliorare.  Con i miei migliori auguri ti saluto con cordialità.    

Gentile Alessandro


I luoghi interiori in cui ricercare lq felicità sono infiniti . Basta non smettere di cercare e di lavorare su se stessi Potrebbe anche semplicemente bastare cambiare posto da quegli spalti e cercare una visuale migliore . E cambiando cambiando ci si può ritrovare in mezzo alla danza senza nemmeno rendersene conto.


Farla finita è solo un pensiero Come tanti Dato che ciò che la muove principalmente è la richiesta d aiuto . Quindi la invito a non prenderlo sul serio


Scrivo tutto questo nella piena coscienza del grado di sofferenza e del peso che si ritrova a portare..


Se è in cerca di strutture può provare le strutture sanitarie pubbliche . O anche cercare un canale espressivo da accompagnare alla terapia che già ha in corso Per esempio la scrittura o qualcosa di affine ai suoi interessi.


Non smetta mai di guardarsi attorno


Le auguro il meglio

Salve,


Si, le strutture in cui chiedere aiuto esistono ed è urgente che tu ti rivolga a loro dopo anni di sofferenza, senza una diagnosi chiara e un sosteno farmacologico adeguato.


Strutture: CSM Centri di Salute Mentale, CIM Centri di Igiene Mentale. 


Rivolgiti a loro. Cerca il più vicino alla tua residenza. Si accede con ticket. 


Un fortissimo augurio 


 

Salve Alessandro,
sono Rosa Luana Marra, psicologa clinica, della salute e di comunità. Intanto sarei curiosa di sapere cosa abbia scelto in merito all'ipotetico trasferimento, mi sembra di capire che non sia avvenuto.
Capisco che è in un momento in cui si sente bloccato, sente come di aver raggiunto il massimo dei progressi che avrebbe potuto fare e, al momento, non vede alternative possibili. Se lei prova a immaginare la sua vita come un viaggio in macchina, può pensare di essere ad un semaforo rosso in questo periodo? Il rosso può durare a lungo, la fa stare fermo, la fa vedere come le altre macchine interagiscano senza poter proseguire il suo tragitto, ma poi finisce e riscatta il verde.
Lei sente che i suoi meccanismi di difesa lo tengono in vita, ed è proprio così: è il modo “creativo” che lei ha trovato e sta utilizzando per rimanere vivo di fronte ad un dolore che potrebbe, invece, schiacciarla. È questa l'energia che bisogna prendere e trasformare. E sono d'accordo con lei che, per fare questo, potrebbe esserci bisogno di un supporto farmacologico maggiore. Può parlare con la sua terapeuta di questo bisogno che sta emergendo, e insieme cercare e creare qualcosa che possa aiutarla di più in questo periodo.


Cordialmente.

Ciao Alessandro, 


il collega che lavora con te da due anni è la persona più indicata per approfondire i nuovi blocchi che sono subentrati (se di nuovi si tratta), oppure se si tratta di uno stallo che tu consapevolmente o no metti nel tuo lavoro di crescita impedendoti di progredire.


Perché Alessandro può accadere che questi aspetti subentrino durante il percorso. Noi, però, senza conoscerti non possiamo certo essere più bravi di chi già lavora con te, rischiando oltretutto di disorientarti e allontanarti dal focus del tuo lavoro in terapia. Perciò è bene che  tu approfondisca tutte le richieste che hai posto a noi con il tuo psicoterapeuta.


Cordiali saluti 

Gentile ragazzo, 


sembra che il problema sia il suo ambiente socio-relazionale. In questi casi un allontanamento o una rottura traumatica può portare dei benefici, ma in genere non una vita felice.


La terapia migliore pertanto sarebbe quella familiare; se però è difficile avere la collaborazione almeno dei suoi genitori, è ugualmente possibile ottenere ottimi risultati con la terapia della Gestalt. Sul mio profilo può trovare un articolo in cui si accenna all'utilizzo di questo indirizzo terapeutico quando l'interlocutore nella comunicazione non sia disponibile a venire in terapia.


Anche le terapie brevi possono trovare tecniche molto efficaci per risolvere problematiche relazionali pur in terapie individuali; è lo psicologo psicoterapeuta a dover valutarne la fattibilità.


Cordiali saluti

Gentile Alessandro,


mi dispiace molto per la situazione che sta vivendo e comprendo il dolore e la frustrazione del non vedere i risultati sperati.


Lei ha detto di aver comunque ottenuto dei buoni risultati con impegno e fatica e di questo deve esserne molto orgoglioso; la terapia non sempre è un percorso lineare (direi anzi che non lo è quasi mai...) ma è fatto di piccoli passi, battute d'arresto, momenti di regressione e slanci in avanti.


Se valuta positivamente il percorso terapeutico che ha intrapreso e la relazione instaurata con il suo terapeuta (come mi sembra dalle sue parole), parli apertamente con lui di ciò che la preoccupa in questo momento. Ogni psicoterapia è suscettibile di momenti di blocco e di empasse  che però possono diventare occasioni di crescita, di cambiamento e di attivazione di nuove risorse, se paziente e terapeuta si confrontano e collaborano nella ricerca di strategie alternative.


Parli con il suo terapeuta anche del suo bisogno di un supporto farmacologico (lo psicoterapeuta non può prescrivere farmaci ma potrà eventualmente indirizzarla verso l'ausl di riferimento o verso qualche psichiatra o struttura di sua conoscenza).


Spero di esserle stata di aiuto.


Un caro saluto.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Tristezza infinita e pensieri suicidi

Salve a tutti, mi rivolgo a Voi perche' non so darmi una spiegazione specifica al mio malessere: mi ...

7 risposte
Pigrizia, paura e sconforto

Buongiorno. Sono un "ragazzo" di 40 anni e, ancora adesso, provo delle sensazioni che avvertivo ...

5 risposte
Come faccio a cambiare se la mia personalità è questa?

Ho 37 anni..ho fatto 13 anni di collegio, diplomandomi come cuoco. Ho cercato di farmi strada nel ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.