Depressione

Ho tentato il suicidio ma non ho superato la cosa come speravo

Adele

Condividi su:

Gentile dottor/ressa,
Mi chiamo Adele e sono una ragazza di 23 anni, delle Marche.
Le scrivo questa lettera perché non so a chi rivolgermi, non ho amici con cui parlarne perché mi sono auto-isolata da qualche mese e non esco quasi più di casa. Per quanto riguarda i miei genitori preferisco non parlarne con loro perché ho paura di farli preoccupare per una cosa che credevano superata.
Spero di essere il più chiara possibile e che possa ricevere una sua risposta per capire come debba comportarmi. Perché non lo so, al momento sento solo tanta sofferenza.

Circa un anno e mezzo fa ho tentato di togliermi la vita ingerendo diverse tipologie di psicofarmaci e bevendo una bottiglietta intera di lexodan, sotto la doccia. Ricordo successivamente di essere svenuta. All'epoca vivevo in una residenza universitaria con altre tre coinquiline, una delle quali mi ha visto sotto la doccia (così mi hanno riferito le altre due) schiumando dalla bocca e ridendo, se ne è andata via.
Mi hanno raccolta e mi sono risvegliata dopo 8 lunghe ore. Non potevo credere di essere sopravvissuta. Ho saputo più tardi che non sarei potuta morire in quel modo e al massimo avrei rischiato un intossicazione, ma ho voluto provare lo stesso.
Onestamente non so bene il motivo, ma a volte ripenso a quello che ho fatto, penso alla faccia dei miei genitori quando gliel'ho raccontato e mi colpevolizzo.
Io ricordo solo che soffrivo tanto in quel periodo. E soffro tuttora perché ho un carattere che mi porta ad essere molto insicura, nonostante di facciata io sembri una persona radiosa.
Ho fatto un anno di psicoterapia per questo motivo, ma ho smesso di andare all'improvviso e l'Asur del mio paese non mi ha più contattata.
Non so bene il motivo, ma spesso mi capita di ripensare a quello che ho fatto. In quel periodo sono stata tradita da molte figure che consideravo care, anche in ambito affettivo. E sono delusioni che mi sono rimaste dentro e per le quali spesso piango da sola la notte o il giorno, ma non voglio che i miei genitori si preoccupino.
Ho provato a parlarne con qualcuno ma non riesco a parlarne del mio tentativo, mi blocco e scoppio a piangere da sola il più delle volte.
Mi sento tanto sola, nonostante abbia un partner (che vedo poco in quanto abitiamo lontani) e ho chiuso molte amicizie, perché non riesco a fidarmi più di nessuno dopo un tradimento che ho ricevuto.
Non riesco a pensare a nessuna faccia amica a me in questo periodo e la cosa mi fa stare male. Passo i giorni chiusa in casa (non ho nemmeno la patente si figuri) a tormentarmi sul perché io non ci sia riuscita. Tante volte mi sento una nullitá per questo, una che fallisce in tutto quello che fa.
Tante volte penso che la vita sarebbe migliore se non esistessi.
Tante volte penso che tutta questa sofferenza è inutile e non mi porterà da nessuna parte.
Ho anche degli incubi a riguardo, su gente suicida in ogni modo possibile o di me che mi butto dal balcone, ad esempio.

La mia domanda era se ci possa essere un modo per andare avanti e non sentirmi colpevole.


Cordiali saluti


4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Adele,


farebbe bene a ricontattare direttamente lo/la psicoterapeuta con il quale ha iniziato il suo percorso di psicoterapia e che, poi, ha interrotto.


Nel servizio pubblico  gli utenti in lista d'attesa sono tanti e, quindi, molto probabilmente non è stata ricontattata proprio perché Lei ha smesso di presentarsi agli incontri. Nel caso non fosse più possibile la ripresa in carico, allora è bene che Lei riprenda il suo percorso personale con un altro professionista. Ok?


Adele, la vita non è perfetta per nessuno, ma esistono gli aiuti! Affrontare direttamente le sue difficoltà con coraggio certamente potrà permetterLe di sviluppare la capacità di far fronte agli eventi deludenti che la vita propone. 


Coraggio!


 


 


 

Gentile Adele, dalle sue parole si coglie tutta la sofferenza che sta provando e certamente ha fatto bene a rivolgersi a un sito specializzato per chiedere consiglio.


Credo però che una situazione così dolorosa e che dura da così tanto tempo come quella di cui lei parla non possa essere risolta da sola: capisco che essere delusi e traditi fa male ed è tanta la paura e la fatica nel fidarsi di qualcuno, ma chiudersi nell'autoisolamento non la aiuterà.


Nella lettera dice di avere interrotto improvvisamente la psicoterapia... come mai? Eppure penso che in questo momento ripartire da un percorso terapeutico che le permetta di affrontare i suoi incubi e il senso di colpa che la tormenta possa essere un primo passo per uscire da questo periodo buio. Un primo passo difficile, ma da fare!


Se desidera ancora parlarne con me, resto a disposizione.


Cordialmente.


 

Gentile Adele 


sono felice che abbia preso l'iniziativa di scrivere e chiedere aiuto, sento forte la sua sofferenza e il suo disorientamento e per questo ritengo molto importante già questo primo passo che ha voluto fare scrivendo quello che la tormenta.
Deve essere stato molto difficile per lei tenersi tutto dentro per tutto questo tempo, immagino anche come debba essersi sentita sola.
Mi arriva forte il suo bisogno di essere rassicurata e accompagnata e mi dispiace che si sia sentita abbandonata anche da chi l'aveva presa in carico. Mi piacerebbe chiederle come mai ha smesso di andare all'improvviso all'Asur del suo paese? 
Di certo il "tradimento" di cui parla deve averla segnata molto e non deve averla aiutata a costruire relazioni funzionali e mi verrebbe da chiederle tante cose al riguardo perchè forse ha tante ferite probabilmente anche antiche da elaborare.


Mi sembra proprio, cara Adele, che stia attraversando un brutto momento e che tenda a guardare tutto con le lenti di quella sofferenza che ancora si porta addosso. 


Forse la risposta alla sua domanda ha già cominciato lei stessa a darsela: lei ha bisogno di un supporto psicologico che l'aiuti ad andare oltre e a rafforzare quell'Adele fragile che in questo momento sta arrancando sotto il peso della sua sofferenza.


Le consiglio di riprendere un percorso psicoterapeutico che possa sostenerla in questo momento delicato in cui le sembra che la vita non valga la pena di essere vissuta. Sono sicura che se avrà il coraggio di andare avanti, troverà un'Adele capace di reagire e di godersi anche gli aspetti belli della vita.


Rimango in ascolto e qualora ne avesse bisogno non esiti a contattarmi.


Un affettuoso abbraccio. 

Buongiorno, molte volte la depressione con tendenza al suicidio è legata ad un'anomalia uditiva ... la invito a leggere l'articolo https://www.psicologi-italia.it/ansia-e-depressione/depressione/articoli/tendenza-suicida-depressione-e-udito.html


Nelle Marche il programma di rieducazione uditiva viene attuato nell'associazione "Michele per tutti" dalla dottoressa Monica Cameli.


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ho paura che la depressione stia tornando e non so come porre rimedio

Buongiorno, ho 25 anni e l'anno scorso - dopo circa un decennio di grandi difficoltà - mi è stata ...

3 risposte
Chiarimenti

Vorrei riuscire a capire se soffro ancora di depressione o se sono solo alcuni dei "sintomi residui" ...

1 risposta
ISTDP

Ho necessità di conoscere il nome di uno psicoterapeuta nella mia città, Pesaro, esper ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.