Depressione

La vita è una fatica intollerabile

emanuela

Condividi su:

Gentili dottori, mi chiamo Manuela ho 31 anni, una laurea in filosofia ed un'infanzia alle spalle serena. Soffro di una condizione chiamata "Maladaptive daydreaming" ancora poco conosciuta, che impegna chi ne è affeto in un fantasticare ad occhi aperti in modo compulsivo. Nella mia mente ho creato un universo paralello, dove tutto è perfetto e quando sono stressata ascolto la musica per accedere a questo universo e fantasticare per un pò di essere e fare ciò che desidero di più; ciò mi aiuta a diminuire lo stress, ma al contempo comparo la vita reale, per sua natura problematica ed imperfetta, al mio mondo idilliaco, ciò che ne consegue è una profonda frustrazione.

Odio la città in cui vivo e non ho affatto amici, l'unica persona che davvero mi ami al mondo è mia madre, ma temo di perderla nei prossimi anni perchè affetta da una malattia autoimmune. Non riesco a provare nessuna empatia per le persone, e la gente che vive in questa città non mi fornisce neppure uno svago intellettuale, perchè sono tutti uguali gli uni agli altri, con poche esperienze e conoscenze alle spalle. In passato ho girato il mondo da sola, credo di essermi sentita viva e libera solo in quei brevi momenti di viaggio, ma ora mi sento sola, isolata e piena di angoscie, temo di andare incontro ad un futuro vuoto, senza l'affetto di mia madre nè di nessuno, senza una sicurezza economica. Nonostante comprenda che è il momento di cambiare rotta, la paura di mettermi in gioco mi terrorizza al punto tale che subentra una stanchezza fisica e mentale. Mi sento annichilita è come se fossi ai comandi di un aereo che sta precipitando e nonostante io possa riportarlo in quota mi rifiuto di farlo. Vorrei amare, ridere, sentirmi serena e libera da pensieri ansiosi che mi annebiano la mente non appena apro gli occhi la mattina. In buona sostanza la mia vita è governata dalla paura, anche da bambina avevo paure assurde che mi tormentavano. So che la terapia è l'unica soluzione, ma non avendo una stabilità economica è difficile per me affrontare un percorso terapeutico, spero di ricevere qui alcuni consigli che possano in qualche modo darmi lo stimolo per provare a cambiare, grazie per la vostra pazienza.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Recentemente mi sono imbattuta in una ricerca sulle neuriscenze, che mi ha fatto riflettere sul perchè noi ci portiamo dietro eventi e traumi fino alla terza generazione passata, senza averli realmente subiti. il fatto che ci sono delle sostanze che modificano il nostro sistema celebrale ed in definitiva il nostro modo di vedere la vita, che si ereditano, già a livello intrauterino. Nel tuo caso non sò bene cosa, possa essere successo prima che tu nascessi, le esperienze dei tuoi genitori o quella dei tuoi avi. Non so se tu lo hai mai fatto, di farti raccontare, magari storie che vengono normalmente taciute perchè non ritenute importanti, ma che hanno evidentemente lasciato un segno. Ti dico questo, perchè dalla tua lettera, mi dici di avere passato un'infanzia relativamente serena, ma caratterizzata sempre dalla paura. In questa ricerca tu verresti definita una personalità cortisonica, il cortisolo è un ormone che normalmente viene secreto in condizioni di stress, che se passato al feto, le lascia questa sensibilità alla paura. Il fatto che tu temi di perdere tua mamma, che è per te l'unica persona che a sentirti ti ama, ti ha fatto entrare in questo circuito dove, hai trovato rifugio in un tuo mondo fantastico. Però, da come mi pare di capire, sei una persona con capacità di sapere stare anche da sola, di viaggiare ed aprirti al mondo. Prova a ripartire da li, e vedrai che piano piano le cose si sistemeranno o cosi te lo auguro.


Buona Vita!

Gentile Emanuela,


non propriamente catalogato come una malattia, il maladaptive daydreaming è un termine coniato nel 2002 dal professore di psicologia clinica israeliano Eli Somer per indicare un’immersione prolungata in un universo immaginario che genera stati di isolamento e di estraniazione dalla vita reale.


Non si tratta, tuttavia, di una forma patologica, perché il livello di comprensione  della differenza tra ciò che è reale e ciò che è fantastico è perfettamente mantenuto, così come le qualità intellettuali e le capacità di comunicazione e di scambio sociale. A farne le spese è però la sfera affettiva, che convoglia timori e ansie, con la conseguente rinuncia a partecipare al gioco della vita.


Lei scrive, cara Emanuela, di essersi sentita viva e libera quando girava il mondo da sola; sognare ad occhi aperti è un po’ come viaggiare con la mente esplorando il mondo che è dentro di noi, recuperando un po’ di serenità quando le situazioni si fanno difficili.


Questo attuale stato di disagio potrebbe essere una grande opportunità per iniziare un percorso di crescita personale e riscoprire così talenti e passioni forse assopiti, i quali costituiscono l’unico vero antidoto contro paure e apatia.


Potrebbe cominciare praticando delle tecniche di rilassamento psicocorporeo oppure iscrivendosi ad un corso yoga. Soprattutto le tecniche di pranayama e di pratyahara sono molto efficaci per ripulire la mente dai pensieri angosciosi e accedere a nuovi equilibri coscienziali.


Un caro saluto e in bocca al lupo!

Buongiorno Emanuela,


per l'aiuto psicologico esistono anche i servizi della Asl convenzionati, a volte persino gratuiti. Rivolgiti al tuo medico di base che ti potrà fornire i riferimenti.


... ... ...


Ora, Emanuela,veniamo a te e al tuo malessere. Trovo che sia positivo che tu abbia scritto. Questo dice che sei interessata a te.


Da come parli di te, ti piace vivere in un mondo immaginario dove tutto è perfetto e funziona per come ti piacerebbe. Peccato però che questo mondo sia fatto di vuoto, di assenza di relazioni. Ed ora tu soffri perchè ti accorgi dell'assenza di vita in questo mondo "apparentemente perfetto" dove non ci sono confronti. Probabilmente adesso che lo sai, ti spaventa cominciare a relazionarti con il mondo reale, fatto di persone che non sono perfette, di eventi che non sono perfetti, ma che contengono in sè la vita. Anche tu non sei perfetta. Nella realtà esistono tutte le sfumature dei colori e delle emozioni della vita, mentre nel mondo immaginario che ti sei creata non c'è nulla di vero.  


Cosa preferisci a questo punto?


Goditi la tua mamma ora che c'è e ogni momento che hai da vivere ancora con lei. Ti auguro di cambiare opinione sulla realtà.


Ti auguro di dare spazio e concretezza ai tuoi desideri...


Cordiali saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Depressione e apatie per paura di fare le mie scelte

Buongiorno. Scrivo perché ormai da troppo tempo ho un nodo alla gola che non riesco più ...

6 risposte
Figlia ribelle e aggressiva perchè?

Buonasera sono Alessandro felicemente sposato, e padre di una adolescente di 14 anni, che purtroppo ...

6 risposte
Sono così stanca.....

Salve, io vado tutte le sere a letto senza riuscire a prender sonno facilmente e mi ripeto che sono ...

11 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.