Depressione

Non ce la faccio più

Cinzia

Condividi su:

Mi chiamo Cinzia e mi sento inutile...sono una ragazza di 35 anni che ha prevalentemente lavorato nell'azienda di famiglia, nel 2017 abbiamo dovuto chiudere l'attività per problemi di salute, sia della mia mamma che miei, da allora non sono ancora riuscita a trovare un lavoro fisso, ho solo fatto qualche lavoretto che mi ha tenuta occupata per qualche mese.

Non ho avuto un'infanzia facile, sono entrata ed uscita dagli ospedali un sacco di volte, il primo intervento l'ho avuto a soli 6 mesi, da lì ogni anno la cosa si ripeteva una o due volte. A scuola le cose non andavano benissimo, sono sempre stata presa in giro per il mio modo di camminare e per il fatto che fossi in carne, insomma, mi sono sempre sentita diversa.
All'età di 17 anni ho perso il mio fratello maggiore per un'overdose, vedere i miei genitori e il mio secondo fratello sempre tristi mi ha portata a chiudermi sempre di più in me, ha isolarmi ed a sentirmi inutile perché non riuscivo a fare nulla per farli di nuovo sorridere.

Ultimamente la salute dei miei genitori è peggiorata, l'anno scorso il mio papà è stato operato per un tumore, a breve mia mamma dovrà essere operata per un intervento importante alla schiena, il mio secondo fratello si è allontanato da noi e questo mi distrugge perché non posso fare nulla per aiutarli e per sistemare le cose.

Oltre a questo mi sembra che la sfortuna mi perseguiti, tutti i mesi succede qualcosa di diverso che mi ostacola nel vivere tranquillamente (una volta la lavatrice, una volta la macchina e così via...) dato che convivo con un uomo e dobbiamo andare avanti solo con il suo stipendio, che fortunatamente non mi fa pesare il fatto di non avere un lavoro.
Non ho amici con cui parlare, ho incominciato a scrivere un diario, ma mi sento una stupida e di conseguenza abbandono tutto.

Ci sono giorni che oltre a sentirmi inutile, mi sento un peso per tutti ed a volte penso che sarebbe meglio morire.

Credo di aver bisogno di aiuto, il parere di qualcuno su come andare avanti ed affrontare questo periodo.
Grazie.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buon giorno Cinzia


La vita e difficile per tutti, l'importante e come la si affronta.


Prima di tutto devi pensare ai tuoi problemi per poter in futuro aiutare anche i tuoi cari.


Una cosa positiva nella tua vita esiste, convivi con un uomo che ti sostiene.


Il mio consiglio e di pensare anche alle cose belle che tu vivi cosi facendo ti risulterà più facile risolvere i problemi della vita quotidiana.


Se desideri possiamo approfondire il tuo caso


Visto che siamo nella stessa regione possiamo sentirci via Skype o WhatsApp.


I miei contatti li trovi sul sito nel quale ai scritto.


Cordiali saluti


Dott.ssa Ileana Sighiartau

Cara Cinzia, affermare che la vita non è facile, così come portare avanti le angosce che accompagnano l'esistenza neppure. Lo scoramento a periodi può essere molto forte, perchè sembra che le cose brutte si accavallino impietosamente, o forse diamo peso solo a quelle, schiacciati dall'angoscia di non vedere uno spiraglio positivo. Il diario che stava scrivendo secondo me era una buona idea, trasportare i pensieri e le angosce sul foglio può aiutare a prenderne le distanze. Lei parla di sfuggita del suo rapporto sentimentale, perchè mai? E perchè non riesce a trovare un lavoro qualunque, che le dia l'indipendenza economica? Anche quella è una strada da perseguire... Mi riscriva in privato, se crede, potrò darle indicazioni più precise.


Un caro saluto

Gentile Cinzia,


dal suo racconto si osserva pesantezza, voglia di essere ascoltata e di riuscire a ripartire come donna e persona.


Alla base della sua vita attuale però ha questa bella fortuna: avere un compagno che la ama e da come descrive la vostra storia mi sembra che anche lei ricambi il sentimento. E' molto importante questo affetto e sicuramente da coltivare tra di voi e aprirvi al dialogo, al confronto, al conforto e anche riuscire a dedicare del tempo solo a voi.


Le consiglio di valutare però anche una psicoterapia individuale per essere aiutata a superare questa sua sofferenza, essere ascoltata, supportata e accompagnata a ri-trovare le sue risorse interne e perchè no iniziare veramente a credere nelle sue capacità perchè già dal suo racconto emerge una grande forza personale e una importante determinazione.


Potrebbe valutare, se una psicoterapia privata fosse troppo costosa anche un consultorio. 


Resto disponibile per informazioni, domande aggiuntive e/o eventuale consulenza online.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

AIUTATEMI AL PIÙ PRESTO

Sono Roberta e ho 15 anni, può sembrare banale scrivere qui dal nulla, ma ormai non so pi&ugr ...

3 risposte
Ragazzo con depressione moderata

Salve, vorrei chiedere consigli e aiuto su come affrontare al meglio una situazione di coppia dove a ...

1 risposta
Come comportarsi con chi è depresso

Buongiorno, ho bisogno di aiuto per capire come comportarmi. Sto con un ragazzo da due anni, lui 3 ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.