Depressione

Non ho amici

Federico

Condividi su:

Non ho più speranze di vita pur essendo un ragazzo di 16 anni, il semplice motivo è il fatto che mi ritrovo senza amici, senza nessuno con cui uscire o parlare e spiegare i miei sentimenti, di ciò che veramente è realmente provo ma niente. Ogni giorno vivo è sempre la stessa storia, mi sveglio, pranzo, poi? dormo, dormo tutto il tempo oppure sto a pensare ai miei inutili problemi e mai nessuno a dirmi "Ti va di uscire?"... sono chiuso in me stesso, in solitudine, e provo un dolore lancinante che non si può spiegare a parole eppure è molto strano perché sono un ragazzo pieno di vita, che ama vivere qualsiasi tipo di esperienza, un ragazzo simpatico..sorridente di cui vorrebbe trasmettere il suo sorriso agli altri ma non posso perché non so a chi. Questa situazione mi stressa di continuo perché a parte il mio dolore penso ai miei coetanei che magari in questo preciso istante si staranno divertendo ed io invece? Sono qui a soffrire come un cane. Nel dettaglio mi ritrovo in questa situazione da circa tre anni perché prima, all'età di 13 anni, avevo con chi uscire ma adesso mi hanno tutti abbandonato sicuramente sono risultato noioso o poco interessante. Alle medie vivevo davvero spensierato, non sapevo cosa significasse "dover affrontare un problema", quando sono andato alle superiori il vuoto più totale, isolato da tutti e anche in alcuni ambiti bullizzato, e pensate che passavo la ricreazione chiuso in bagno perché nessuno voleva passarla con me. Con il passare degli anni il dolore è peggiorato sempre di più fino ad adesso. Adesso ho qualche, poco e niente davvero, conoscenza che non si spinge al "dover uscire" e  questa situazione mi fa sentire malissimo come se avessi un inferno dentro di me  che brucia e brucia ogni secondo della mia vita infatti ho pensato piu e più volte al suicidio però non ho il coraggio di farlo, magari ho paura della morte o di far soffrire i miei familiari dopo non lo so. So solo che questa società mi ha abbandonato da un pezzo facendomi sentire una merda e non so davvero a chi rivolgermi a parte questo forum perché ai miei genitori non se ne parla proprio, non voglio andare da uno psicologo. Mi sento davvero molto male, piango spesso anche in doccia per non far capire niente alla mia famiglia. Vivo dietro una maschera e nessuno si è mai preoccupato di dirmi "Andrà tutto bene, sii te stesso" o un semplice "come stai?". Mi dispiace essermi presentato così, volevo raccontarvi di come sono realmente, dei miei sogni.. di ciò che ho intenzione di progettare in futuro ma sono qui a dover parlare della mia inutile situazione che sto affrontando da tanto. Grazie per aver letto.
(scusate se ci sono errori ma ho scritto tutto d'un pezzo)

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ti ringrazio del tuo testo così chiaro e sincero. forse non lo condividono con i coetanei ma seguo diversi ragazzi e ragazze della tua età con questo doloroso vissuto, che si sentono soli e inutili. Spero tu possa sforzarti e trovare in te una tale Forza e Coraggio da ricercare Esperienze che possano aiutarti. La vita nella sua quotidianità e routine è oggi caratterizzata da maschere e mascherine, isolamento, schemi, noia o trasgressioni, egoismi e relazioni fredde. E' comprensibile ciò che in modo molto consapevole descrivi. Prova a condividerlo. Vorrei aiutarti in questo. Scrivi molto bene e potresti usare questa dote per aprirti, anche ai tuoi coetanei, alla tua famiglia, o al mondo esterno in cui pochi si smascherano per terrore dei giudizi. Invece non siamo mai soli. Nemmeno nel provare sensazioni ed emozioni che ci distruggono o di cui ci vergogniamo. Di nulla devi vergognarti. Devi solo ricercare dentro di te le energie per chiedere aiuto, alle tue parti più ricche di Desiderio e aiuto di persone care o psicologi. Scrivimi che cosa ne pensi. Nascondersi aumenterà il disagio. Smascherarsi come hai fatto scrivendo ti aiuterà e sei stato bravissimo. Se desideri ti consiglierò esperienze in cui vivere in modo autentico per esempio il volontariato o turismo esperienziale presso l'università popolare anidra. Qui organizziamo stage, corsi, tirocini, turismo, esperienze di volontariato lunghe o anche solo di un week end, per aiutare persone di ogni età, italiani e stranieri, a fare esperienze nuove per ritrovare i propri Desideri e forza vitale e competenze trasversali grazie alla natura, gli animali, il movimento, e soprattutto il Gruppo, le persone, le relazioni. Un abbraccio virtuale

Salve Federico, come prima cosa dovresti pensare che la tua età è  un'età particolare, di trasformazione e cambiamento del senso di identità. Prova ad accettare questo transitorio stato depressivo come un passaggio tipico dell'adolescenza. Non giudicarti, perché quello che ti fa male è il tuo stesso pensiero, i tuoi tanti confronti con gli altri, con i coetanei. Ci sono fuori tantissime persone, tanti ragazzi che aspettano la tua solarità. Ed allora senza più guardarti al passato, alle esperienze negative della scuola, vai tu incontro agli altri, a conoscere persone nuove, senza paura. Perché la vita torna a sorriderti nel momento che tu torni ad aprirti, con fiducia.


Auguri auguri 


Dr. Cameriero Vittorio 

Caro Federico,


La tua lettera mi fa molto male perché la sofferenza che racconti è un terribile tormento interiore... è stato molto coraggioso scrivere come ti senti.


Però, vorrei chiederti se credi davvero che una frase come "andrà tutto bene, sii te stesso" ti potrebbe bastare o ti potrebbe essere, almeno, d'aiuto?


A mio avviso, il lavoro specifico che ti servirebbe, per la situazione contingente, riguarda la dimensione dell'autoaffermazione e dell'autostima.


Capisco che a 16 anni non si abbia voglia di andare da un/a psicologo/a, ma credo che, se la tua sofferenza è così grande, potrebbe valere la pena di fare un tentativo (e ovviamente la tua età prevederebbe un consenso da parte dei tuoi genitori).


Prova intanto a riflettere sulle risposte che riceverai dai colleghi, oltre che da me, in questo spazio e valuta quanto esse ti servano da stimolo o da supporto in questo momento.


Dall'età delle medie all'età delle superiori ci sono grossi stravolgimenti nei ragazzi.


Si tratta di cambiamenti fisici e psichici; questi sono dovuti principalmente ai cambiamenti cerebrali che avvengono sotto la spinta ormonale e che modificano il modo di pensare, l'intensità delle emozioni, la stabilità dell'umore... Adesso sei un adolescente ed è questo che fa la differenza.


Il "ragazzo pieno di vita" che faceva parte della tua età preadolescenziale, secondo me, è ancora presente, ma va "richiamato" e integrato nella tua "nuova" personalità di adolescente.


Dal mio punto di vista, ti sarebbe utile riattivare quella tua parte di ragazzo solare che sai di avere e provare a "indossare" un sorriso ("agire come se" è una tecnica psicoterapica). Puoi provare a pensare quella parte di te come a una energia che possiedi e che ti aiuterà a trovare una tua dimensione sociale; prendine nota, descrivine le qualità, scrivi o memorizza come ti fa sentire.


Resto a disposizione per ulteriori domande, puoi contattarmi senza problemi.


Ti auguro di sorridere presto ;-)


Saluti,


Dott.ssa Verusca Giuntini

Ciao Federico, ho letto la tua lettera. Può forse sembrare strano ma i sentimenti e le emozioni che ti disturbano sono abbastanza frequenti, soprattutto nei ragazzi della tua età. Queste cose, anche se sono molto dolorose, possono essere la base per un cambiamento davvero positivo. Quando ne hai voglia puoi chiamarmi  senza impegno, giusto per parlare un po' della "faccenda"..


Buona giornata


Dott. Andrea Vignolo


Psicologo Psicoterapeuta


Genova

Caro Federico, la tua lettera è molto toccante, facciamo insieme qualche riflessione?


Ciò che si percepisce di te da quanto hai scritto è che sei un ragazzo dotato di intelligenza e sensibilità non comuni per i tuoi 16 anni, età che- te ne sarai reso conto- non è delle più facili da vivere, nè per te nè per i tuoi coetanei. Magari, non sapendo con esattezza chi sei e come appari agli altri, sei portato a misurare il tuo valore sul rimando che ti restituiscono gli altri, ma sappi che non è così che possiamo "costruirci".


Il clima che hai trovato alle superiori e, ancor peggio, il bullismo subito hanno inciso negativamente su come ti percepisci, non hai reagito, o, peggio, ti sei avvolto in te stesso dando voce ai pensieri negativi. Invece questo dolore che di certo non hai meritato lo devi buttare all'esterno di te, perchè non sei tu quello sbagliato, mi devi credere. I bulli, quelli sì che sono sbagliati!


Non so perchè non vuoi parlare coi tuoi genitori, ma con qualcuno devi confrontarti, psicologo, insegnante, parente, chi vuoi purchè tu faccia qualcosa per te stesso. Resto a disposizione se vuoi scrivermi in privato. Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Malessere e tristezza apparentemente immotivata

Ciao a tutti, sono una ragazza di 20 anni e mi trovo a scrivere qui perché ormai sono mesi e ...

8 risposte
Si può essere perennemente infelici a 20 anni?

Ciao, non avrei immaginato di scrivere a degli sconosciuti in cerca di risposte in una sera di vener ...

5 risposte
Perché sono sempre stanca

Salve sono Valentina e ho sofferto di depressione tre anni fa. A febbraio scorso mi è stato ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.