Depressione

Problematiche collegate alla ludopatia

Lorenzo

Condividi su:

Buongiorno, Mi trovo in una situazione difficile da oramai un anno. Ho lavorato e studiato per diversi anni ma tutti i lavori che ho svolto si sono rivelati a breve termine. c Nel percorso di uscita dalla malattia sono stato accompagnato da una psicologa psichiatra in quanto lo stop ha generato un burnout significativo accompagnato da diverse crisi di ansia e panico. Non riesco a capire ora se la sensazione di apatia ed infelicià che mi accompagna da tempo possa essere ricollegato alla ludopatia o se essa fosse semplicemente un mio rifugio per nascondere a me stesso tale condizione. Parallelamente realizzo che in diversi contesti sociali con amici fatico ad integrarmi, in particolare quando ci si trova in gruppi numerosi. Spesso ho la paranoia che loro fossero a conoscienza della propensione al gioco e per questo motivo si verifichi un distacco effettivo da parte loro nel considerarmi alla loro pari. Mi sento poco rispettato e considerato (ma non ho mai il coraggio di fare la domanda diretta riguardo la mia malattia e dunque confessare tale condizione). Un altro aspetto che può influire fortemente è la situazione a casa con la mia ragazza. Ha diversi problemi familiari e rischia di perdere entrambi i genitori. Per questa ragione io subisco la situazione e naturalmente vengo messo in disparte dalla situazione.Sto svolgendo uno stage e non mi sento valorizzato nemmeno in questo. La mia passata esperienza lavorativa ed i miei studi non sono stati utili allo svolgimento di tale lavoro e mi sono dovuto autoformare in un ambiente completamente nuovo e con poco supporto da parte dei colleghi. Data la mia scarsa esperienza e competenza mi sento poco valorizzato anche qui. Tengo duro da tempo in attesa di momenti migliori ma sembrano non arrivare mai. Non sono felice e non riesco a guardare positivamente il futuro. Tante volte mi verrebbe voglia di mollare tutto e tutti, ma non so nemmeno io cosa potrebbe rendermi felice. Non ho ambizioni, ho poche passioni che non riesco più a coltivare perchè demotivato. Il mio grido di aiuto è silenzioso perchè non voglio far preoccupare nessuno ne essere trattato ancora più diversamente. Non so che fare per uscirne e respirare a pieni polmoni...

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Le consiglio una psicoterapia strategica, seria, fatta con convinzione e con continuità. Solo lei può aiutare veramente se stesso. I passi più importanti per iniziare a convivere con la propria dipendenza è dire ripetutamente di avere un problema di dipendenza. Il secondo punto è rendersi conto che è un problema vero e proprio e non un momento o che si smette quando si vuole perchè è una bugia. Terzo punto ammettere di avere bisogno di aiuto, dire basta e affidarsi ad uno o più specialisti. Quattro: assumersi le proprie responsabilità, non è colpa degli altri se non abbiamo avuto la forza necessaria, l' entusiasmo necessario, se raccontiamo bugie per nascondere le nostre fragilità. Gli altri non ci devono nulla, ma noi dovremmo volere stare bene e fare il necessario. Gli altri forse sono uno specchio e lei vede ciò che produce con i suoi comportamenti. La vita è dura per tutti e non ci sono sconti, i fallimenti ci aiutano a sviluppare gli anticorpi se li usiamo come occasioni.

Invece di piagnucolare inizi a volere qualcosa di buono anche piccola, inizi a lavorare sulle sue emozioni(imparare a riconoscerle comunicarle condividerle....riconoscerle negli altri e mettersi nei loro panni) inizi ad agire. Solo attraverso nuove azioni siamo in grado di creare delle nuove condizioni. Si ricordi che lei può sempre scegliere.

Forza

Salve Lorenzo è difficile darle una risposta, occorrerebbe una raccolta anamnestica precisa. Propendo per la sua seconda ipotesi, ovvero che c'è un disagio antecedente alla ludopatia. Il gioco d'azzardo probabilmente ha avuto un ruolo nella sua vita importante, motivazionale, antidepressivo. Io le consiglierei di farsi seguire ancora dallo psicoterapeuta. Non le ho chiesto qual'è il suo rapporto attuale col gioco, certo vedo che lo percepisce con una vergogna. Non deve vergognarsi di una difficoltà che ha avuto in una fase della sua vita.

Salve continui a seguire la terapeuta, se ha interrotto, riprenda la terapia con il collega, un percorso può aiutarla a respirare a pieni polmoni se lei davvero vuole cambiare ed ha una forte motivazione! Leggendo la sua situazione, una terapia di sostegno può aiutarla ad andare avanti. Se non segue più le sue passioni, vuol dire che on erano tali, le passioni difficilmente si abbandonano, quindi cerchi passioni "reali" nel senso passioni che la travolgono tanto da non demotivarsi nel farle. Spero di esserle stata di aiuto, cordiali saluti.

Buongiorno, le consiglio di rivolgersi a centri specializzati che si occupano di ludopatia per intraprendere un percorso specifico contro questa dipendenza. Provi a rivolgersi ai SerD della sua ULSS, molto probabilmente hanno attivato gruppi per le persone che soffrono di gioco d'azzardo patologico o altre forme di trattamento che prevedono una presa in carico individuale.

Potrebbe rivolgersi anche ad uno specialista psichiatra per verificare l'opportunità di un sopporto di tipo farmacologico per lo stato d'ansia e l'umore depresso magari da associare ad un sostegno di tipo psicoterapico.

Buongiorno Lorenzo,

non so se il suo malessere attuale e' collegato alla Ludopatia, ovviamente  qualcosa da elaborare c'è ancora.  Forse sarebbe il caso di ricontatare la  terapeuta che l'ha seguita, se non fosse possibile si rivolga ad un altro professionista. Ha bisogno di uno/a psicoterapeuta per poter affrontare il suo malessere, la sua poca voglia di mettersi in gioco, il suo essere demotivato. 

Se vuole io ricevo a Padova, se le è' scomodo si rivolga ad un professionista della sua zona.

Cordiali saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Cerco di capire cosa mi succede

Buonasera, vorrei chiedervi un parere. Sono un ragazzo di 30 anni che vive da solo. Da 10 anni ...

9 risposte
Forte depressione, ansia e rifiuto del sonno

Da un po di anni soffro di ansia, fortissima depressione, rifiuto anche, in modo violento, il sonno ...

3 risposte
Bisogno di aiuto urgente

Salve a tutti, ho bisogno di un vostro aiuto sono una ragazza di 28 anni depressa, piena di rabbia, ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.