Depressione

Sono troppo strana e non potrò mai vivere in questo mondo

asia

Condividi su:

Sono una donna di 35 anni, ho una laurea in filosofia. Vivo con i miei e non ho mai lavorato, non ho mai avuto una relazione, non ho amici. Non ho raggiunto nessun obbiettivo che la mia famiglia si sarebbe aspettata. Se non lavoro è perché non voglio e i motivi per cui non voglio sono i seguenti: non mi so relazionare con la gente, non riesco a guardarli negli occhi, non so dire di no se sono contraria, se mi trattano male non so perdonare, parlare di continuo e ascoltare le chiacchiere mi stressa e mi far star male, ho seri problemi a svegliarmi presto la mattina, non parlo di pigrizia ma di veri e propri malesseri. Non ho amici perché i miei interessi sono diversi. La gran parte delle mie coetanee sono etero e pensano solo ai loro uomini e a cosa gli permettono di fare. Hanno figli o li aspettano, sono cattoliche, mangiano carne, si vestono di scuro. Io faccio cose da "bambina" mi piace pattinare, uscire da sola e andare in mezzo alla natura, mi piacciono gli artisti, la gente intellettuale, mi piace vestirmi colorata, tagliarmi i capelli da sola, mi piace scrivere, imparare nuove cose, vorrei amici che non stanno in relazioni monogame dove il loro partner è più importante degli amici, e gli amici sono solo quattro conoscenze superficiali con cui andare a bere e fumare il sabato. Non ho una relazione perché tengo troppo alla mia libertà e mi sento così brutta che mi vergogno ad approcciare chiunque, anche se ricevo spesso e volentieri sgraditissime attenzioni da parte di uomini. In tutto questo soffro di MALADAPTIVE DAYDREAMING e il mondo di fantasia che mi sono creata in testa sopperisce alla mia totale mancanza di relazioni reali. In famiglia sono figlia unica con mio padre non ho rapporti, mia madre si è sempre presa cura di me ma mi ha cresciuta con enorme frustrazione ricordandomi costantemente che ero e sono diversa da tutti (tutti quelli che lei conosceva) Soffro di ansia, fobie, ocd, depressione. Ho tentato il suicidio due anni fa dopo che mia madre mi ha fatto sentire inutile e fallita. Io davvero non voglio mai lavorare, ne venire a contatto con nessuno, mi basta uscire e trascorrere tempo nella natura, amare i miei gatti e prendermi cura del mio corpo e della mia cultura, ma in questo maledetto mondo devi lavorare per continuare a vivere questa miseria di esistenza. Non penso che reggerò a lungo.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissima


Ti hanno insegnato ad essere strana e diversa e, pare tu ci stia bene in questa etichetta, salvo poi avere sintomi vari e descriverti come bisognosa di vivere la fantasia, fantasista la vita é misera....e richiede sforzo e lavoro....


Non c'è nulla di male nell'amare stare sola e in mezzo alla natura, nell'amare l'arte e tante altre cose che dici, no, non c'é nulla di male, salvo notare che sembra tu stia fuggendo.... da cosa? Di cosa hai paura?


Vedi, se le tue fossero scelte e fossero fonte di benessere, andresti fiera per il mondo , con il naso all'insù....passeresti serena tra la gente che "non ti piace"....ma in tutto questo tuo racconto tutto appare fuorché la tua serenità.


Consiglio vivamente un percorso psicoterapeutico per conoscere a fondo te stessa nella tua autenticità, nelle tue scelte e nelle tue paure.


Un saluto

Gentile Asia,


mi dispiace molto leggere la sua forte sofferenza e la invito, così come ha scritto a me e ai miei colleghi, a prendere contatto con uno psicoterapeuta così da iniziare un percorso che possa farla sentire accolta e non giudicata, nel quale lei senta di poter condividere i suoi sentimenti senza giudizio per la sua diversità.


Capisco che i suoi interessi, alcuni molto belli come lo stare nella natura o la filosofia, possano farla sentire diversa dagli altri, ma la diversità non vuol dire qualcosa di negativo, anche se può far sentire molto soli. Iniziare a parlare con uno psicoterapeuta potrebbe aiutarla a trovare, passo dopo passo, il suo posto nel mondo un senso alla sua esistenza.


Un caro saluto,


Dott.ssa Chiara Crespi

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come salvare il matrimonio?

Buongiorno,Mi chiamo Andrea, ho 41 anni e la mia relazione matrimoniale dopo 15 anni e due bambini ...

2 risposte
Come aiutare qualcuno che non vuole essere aiutato?

Buonasera, quale consiglio mi potete dare per aiutare una persona cara in forte difficoltà, ...

2 risposte
Problema per vivere

Salve sono un ragazzo di 25 anni, non riesco a vivere perché ho dei problemi tra cui paranoie ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.