Elaborazione del lutto

Come recuperare la propria integrità?

14 Aprile 2020

contattami

Condividi su:

COME RECUPERARE LA PROPRIA INTEGRITA'?

“Quando ci rendiamo conto che siamo pienamente responsabili
di chi e che cosa siamo dal momento del concepimento, la
nostra capacità di guarire aumenta notevolmente.” 
                Gaston Saint-Pierre

L'integrità è un concetto di cui non sentiamo parlare spesso, più frequente è sentire parlare di onestà.
L'integrità è un'attitudine molto più complessa dell'onestà.
Essa è il risultato dell'accettazione di ciò che è accaduto in passato, di ogni accadimento verificatosi in questo o in altri contesti spazio temporali.
Esperienze vissute personalmente, appartenenti alla storia famigliare o risalenti ad un contesto più ampio: quello dell'albero genealogico.
Ogni rifiuto, ogni ingiustizia, inflitta o subita, intacca l'integrità, produce una separazione, e ogni separazione si trasforma in malessere, infelicità, sintomo.
Più separazioni ingiuste e traumatiche porti nel tuo bagaglio, più importanti saranno i sintomi.
Questa visione rende evidente l'importanza di guarire ferite, ricucire strappi, superare distanze, perdonare ingiustizie, attraverso la misericordia, che nasce là dove il cuore viene toccato dalla miseria umana.
Solo seguendo la via del cuore, possiamo raggiungere il nostro spazio sacro, dove si annulla ogni separazione, là dove la coscienza entra in comunicazione ed unione con il tutto.
La guarigione più profonda è quella dell'anima.

Ritrovare la propria integrità è come ricomporre un puzzle composto da centinaia di pezzi, dispersi in tempi, situazioni, relazioni, vissute personalmente o ereditate dagli antenati.
Scoprire di essere persone del 2000, ancora condizionati da ricordi, ferite, tradimenti, colpe, risalenti all'antico Egitto, alla civiltà Maya, al Medioevo, al Rinascimento o a qualsiasi altro tempo, può essere un'esperienza che lascia stupiti, increduli, ma che ha il potere di liberare dal bisogno di rappresentare antichi copioni, ripetendo ruoli sempre uguali, che portano infelicità e disperazione.
Grazie a questa ricomposizione i vari tasselli possono trovare la giusta collocazione e si delinea un'immagine chiara, che dà senso e permette di comprendere contraddizioni, scelte apparentemente assurde, illogici fallimenti.
Tutto ciò che appariva illogico diventa comprensibile e coerente con uno schema che, come un filo rosso, unisce e percorre la storia personale.
La complessità di cui ognuno è portatore è difficilmente immaginabile, finché non vengono sperimenti questi ritrovamenti e la compassione per ciò che è stato prevale su qualsiasi altro sentimento.
Allora è possibile fare pace e con amore ricomporre il cerchio che era stato spezzato.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Domande e risposte

Forse sto impazzendo...

Parto dal presupposto che questo non sia uno dei periodi più facili della mia vita. È ...

9 risposte
Ho tradito il mio fidanzato dopo la morte di mia mamma

Circa sei mesi fa è morta mia madre a 57 anni dopo una malattia durata 5 anni. Io sono fidanz ...

4 risposte
Ho perso per un incidente la mia ex compagna

Martedì 17 giugno la mia ex compagna, con la quale ho convissuto per la maggior parte della ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.