Superare il trauma del suicidio di una persona caraè possibile.

Una questione fondamentale che ruota attorno al tema del suicidio, generalmente ignorata, è la situazione dei “survivors”, di coloro che sono sopravvissuti al suicidio di una persona cara.

Per ogni suicida ci sono almeno sei vittime (genitori, figli, partner, fratelli), a cui si aggiungono amici, compagni di scuola, colleghi, insegnanti, ecc.

L’American Psychiatric Association afferma che perdere un caro per suicidio è un'esperienza paragonabile a quella che si sperimenta in un campo di concentramento.

I survivors sono vittime, anche dello stigma, a rischio di suicidio.

Vivono nella colpa e nella vergogna, nascondendo il proprio dolore e sentendosi spesso dire di guardare avanti, farsene una ragione, cercare di dimenticare. In realtà, parlarne, è un bisogno e serve ad affrontare la questione, a condividere i propri sentimenti, a portarli alla luce, perché tenerli segreti fa solo più male.

Lo strumento ideale per il sostegno a chi è passato attraverso questa esperienza, sono i gruppi di auto aiuto. Piccoli gruppi coordinati da un facilitatore/coordinatore, che permettano ai partecipanti di sperimentare l’appartenenza ad una piccola comunità di individui che possono davvero capirsi e condividere sentimenti ed emozioni, dalla disperazione, alla rabbia, al senso di colpa, senza sentirsi giudicati.

In questi gruppi si è liberi di raccontare che cosa è avvenuto, di condividere anche i perché, le domande, cosa che difficilmente avviene nella quotidianità, poiché il tema del suicidio rappresenta un forte tabù.

Chi è sopravvissuto al suicidio di una persona cara ha il diritto di trovare soluzioni per ritrovare una qualità della vita buona, dando un senso all’esperienza vissuta.

commenta questa pubblicazione

Sii il primo a commentare questo articolo...

Clicca qui per inserire un commento