Elaborazione del lutto

La gestione della sofferenza

12 Febbraio 2021

contattami

Condividi su:

La gestione della sofferenza

Come gestiscono le persone la sofferenza?
Ricordando che la sofferenza cioè il dolore assieme alla paura rappresentano le due emozioni di base più scomode e difficili per gli esseri umani...
Facciamo ora qualche esempio per capire come nelle varie situazioni le persone tendono a gestirla in una maniera o in un'altra..

Ci sono persone che la sofferenza la negano immediatamente e sentono subito tanto la rabbia, ma non la esprimono.
Altre persone non la danno a vedere e non chiedono aiuto nella sofferenza, sopportando per motivi di contesto, familiari, ideali, e arrivano così al limite per poi sentir tantissimo dolore, una sorta di crollo emotivo quando una loro relazione o situazione creata idealmente va a finire o entra in crisi.

Altre persone invece appena toccate (verbalmente) scattano eliminando la fonte della frustrazione, altre la vogliono proprio soggiogare e sovrastare andando in competizione per prevalere.

Ci sono poi persone che per la sofferenza propria non hanno intenzione di darci peso e perdonano con facilità, queste persone hanno scarso amor proprio e pochissimo polso. Le puoi ritrovare per la rabbia a fare lavori tanto per, compulsivamente.

Altri invece evitano proprio fuggendo da essa e ricercando immediati piaceri in altro(fumo, bevande, cibo, sostanze, etc) o altri (relazioni o persone che servono a non stare nel dolore, il classico "chiodo schiaccia chiodo" quando si esce da un rapporto e ci si butta in un'altro. .); ma se non è possibile evitare dato che essi non provano immediatamente rabbia hanno bisogno di una mamma surrogato e quindi di un conforto da qualcuno amico o parente che possa come dire calmare la mente e la ferita che brucia.
Infine poi c'è chi sente il dispiacere tanto, ma proprio tanto esageratamente e subito e sfocia sempre in meccanismi autolesionistici, drammatici, vittimistici e depressivi, odiando se o il mondo.

Vedete bene che ci sono tanti modi e stili di gestire la sofferenza, affrontare la vita senza saper il proprio modo di gestire la sofferenza è come vagare in un labirinto bendati...
Una impresa frustrante!!!

E tu che stile hai..?

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Domande e risposte

Elaborazione lutto genitori

Buongiorno, 9 anni fa ho perso mia madre e non ho piu' potuto vederla in quanto si trovava all'ester ...

2 risposte
Superare la perdita della mamma

Buongiorno. Ho 50 anni, un figlio di 12, un ex compagno molto presente. Ho perso mio fratello 8 anni ...

4 risposte
Relazioni familiari post lutto

Mi ritrovo qui a sera tarda a scrivervi, poiché non riesco a venire a capo di ciò che ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.