Elaborazione del lutto

La gestione della sofferenza

12 Febbraio 2021

contattami

Condividi su:

La gestione della sofferenza

Come gestiscono le persone la sofferenza?
Ricordando che la sofferenza cioè il dolore assieme alla paura rappresentano le due emozioni di base più scomode e difficili per gli esseri umani...
Facciamo ora qualche esempio per capire come nelle varie situazioni le persone tendono a gestirla in una maniera o in un'altra..

Ci sono persone che la sofferenza la negano immediatamente e sentono subito tanto la rabbia, ma non la esprimono.
Altre persone non la danno a vedere e non chiedono aiuto nella sofferenza, sopportando per motivi di contesto, familiari, ideali, e arrivano così al limite per poi sentir tantissimo dolore, una sorta di crollo emotivo quando una loro relazione o situazione creata idealmente va a finire o entra in crisi.

Altre persone invece appena toccate (verbalmente) scattano eliminando la fonte della frustrazione, altre la vogliono proprio soggiogare e sovrastare andando in competizione per prevalere.

Ci sono poi persone che per la sofferenza propria non hanno intenzione di darci peso e perdonano con facilità, queste persone hanno scarso amor proprio e pochissimo polso. Le puoi ritrovare per la rabbia a fare lavori tanto per, compulsivamente.

Altri invece evitano proprio fuggendo da essa e ricercando immediati piaceri in altro(fumo, bevande, cibo, sostanze, etc) o altri (relazioni o persone che servono a non stare nel dolore, il classico "chiodo schiaccia chiodo" quando si esce da un rapporto e ci si butta in un'altro. .); ma se non è possibile evitare dato che essi non provano immediatamente rabbia hanno bisogno di una mamma surrogato e quindi di un conforto da qualcuno amico o parente che possa come dire calmare la mente e la ferita che brucia.
Infine poi c'è chi sente il dispiacere tanto, ma proprio tanto esageratamente e subito e sfocia sempre in meccanismi autolesionistici, drammatici, vittimistici e depressivi, odiando se o il mondo.

Vedete bene che ci sono tanti modi e stili di gestire la sofferenza, affrontare la vita senza saper il proprio modo di gestire la sofferenza è come vagare in un labirinto bendati...
Una impresa frustrante!!!

E tu che stile hai..?

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Elaborazione del lutto"?

Domande e risposte

Dopo la perdita di mio padre, il senso di colpa mi toglie la voglia di vivere.

Buongiorno. Purtroppo più di due mesi fa ho perso improvvisamente mio padre, di quasi 85 ...

1 risposta
Decesso Moglie

Sono passati 15 giorni che è mancata mia moglie, il mese prossimo avrebbe compiuto 73 anni, ...

1 risposta
Ogni volta che cerco di risollevarmi dal ansia e depressione arriva una nuova botta sto ricadendo

Tre anni fa un dolore cronico con varie diagnosi sbagliate mi ha gettato in ansia e depressione.....

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.