Perché non provo piacere?

Chiara

Buongiorno, ho un problema che mi sta rovinando la relazione. Non riesco a venire in nessun modo, quando mi fa sesso orale è come se non sentissi nulla. Come anestetizzata. Mi ricordo che da ragazzina sentivo fastidio e ora da adulta invece non sento nulla, come se avessi fatto cortocircuitò di quel fastidio per poter avere rapporti. So che non e il mio partner perché e stato così con tutti. O avessi perso sensibilità a furia di masturbarmi sul cuscino, forse modalità troppo forte. Ora ne con le dita ne con le lingua sento nulla, nei rapporti non ne parliamo. L’unico modo per me per venire è mettermi o pancia in giù sul cuscino oppure in posizione supina ma contraendo e contraendo la vagina, come a stringerla, sollevando e stringendo i glutei. Diciamo come farebbe un uomo quando deve spingere. Ma vengo con quel movimento non toccandomi. Ovviamente modalità irreplicabile durante il rapporto. Cosa posso fare? Grazie a chi mi aiuterà. Sono disperata. Ho provato già a parlarne con uno specialista ma non ha saputo aiutarmi. Magari qualcuno di voi sa come trattare questo problema

2 risposte degli esperti per questa domanda

Salve Chiara, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè comprendo il disagio che può sperimentare e quanto sia impattante sulla sua vita quotidiana. Ritengo fondamentale che lei possa richiedere un consulto psicologico al fine di esplorare la situazione con ulteriori dettagli, elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi e trovare strategie utili per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.
Credo che un consulto con un terapeuta cognitivo comportamentale possa aiutarla ad identificare quei pensieri rigidi, disfunzionali e maladattivi che le impediscono il benessere desiderato mantenendo la sofferenza in atto e possa soprattutto aiutarla a parlare con se stessa utilizzando parole più costruttive.
Credo che anche un approccio EMDR possa esserle utile al fine di rielaborare il materiale traumatico connesso ad eventi del passato che possono aver contribuito alla genesi della sofferenza attuale.
Resto a disposizione, anche online.
Cordialmente, dott FDL

Gentile Chiara,

ha già fatto degli esami ginecologici? Mi sembra di capire che il problema potrebbe essere un blocco verso una sua apertura e fiducia da parte dell’altro? 

Ha già provato a fare degli incontri con uno psicoterapeuta? Qui potrebbe, durante un breve percorso, raccontare la sua storia affettiva, valutare magari anche strategie da usare nei futuri rapporti sessuali e tenere magari anche un diario delle emozioni che si provano durante questi eventi.

Gli incontri sono coperti da segreto professionale, senza giudizio e detraibili come spese sanitarie.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.

Le consiglio la lettura anche di alcuni miei articoli: https://www.psicologi-italia.it/psicologo/federica-ciocca/web/articolo-3527.html

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia e online