Disturbi dell'eccitazione sessuale

Perdo subito l'erezione. Come risolvere questo problema?

marco

Condividi su:

Salve avrei una domanda da porvi. Sono un ragazzo di 30 anni e fino ad 3 anni fa il mio corpo ha sempre funzionato bene. Un giorno uscendo con una ragazza mi sono accorto che durante i preliminari nn riuscivo ad eccitarmi se nn ero stimolato con masturbazione, è come se mi devo abituare ad una ragazza per farmi eccitare. Ieri sera sono uscito con un altra ragazza ed ho avuto di nuovo questo problema niente erezione eppure lei si è impegnata molto e quando sono riuscito ad averla l'ho persa subito. Chiedo a voi dottori devo preoccuparmi cosa posso fare per risolvere questo problema?

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno, a mio parere il "perchè" non conta molto ai fini della risoluzione del suo problema quanto il "come" il problema viene mantenuto (immagino che dalla prima esperienza di insuccesso lei nel momento dell'atto si concentri sulla parte del corpo in questione entrando nel paradosso del controllo che fa perdere il controllo). Il consiglio che mi sento di darle è di mettere in pratica uno stratagemma che di solito in casi come il suo funziona: la prossima volta che avrà occasione di intraprendere un rapporto sessuale, prima di iniziare dovrà dire alla sua partner del suo problema, vale a dire che lei la desidera moltissimo ma che ha quel tipo di difficoltà e quindi non garantisce la riuscita del rapporto; detto questo, potrete cominciare senza pressioni. Se lei riuscirà a superare l'imbarazzo nel dichiarare la sua difficoltà, potrà sperimentare una piacevole sorpresa.

Spero di esserle stato utile

Dott.ssa Erica Carbone Salerno (SA)

Ciao Marco. Il problema che riporti tu è molto diffuso ed è fonte di grande disagio. Come specifichi in passato non hai mi avuto problemi di questo tipo mentre con il passare del tempo la cosa sembra peggiorare. E' difficile poterti dare una risposta soddisfacente a quanto tu chiedi. Puoi, però, interrogarti un pò da quando precisamente hai iniziato ad avvertire questo disagio e se c'è stato qualche evento significativo della tua vita (non necessariamente in ambito sessuale) che ha caratterizzato quel periodo. Ancora puoi soffermarti sulle emozioni negative che provi nei momenti di intimità e provare a ricollegarli a qualcosa di simile che vivi al di là della sessualità Ti consiglio un breve percorso di counselling che potrebbe darti una grande mano in merito. In bocca al lupo.

salve, la mancanza o il rallentamento dell'erezione è un "problema" molto diffuso, in tutte le età. in genere, se si esludono patologie di tipo organico, ha a che fare con un disagio di tipo psicologico. Chiedendo aiuto e capendo da dove nasce, si risolverà! una buona psicoterapia  che approfondisca il suo rapporto con la sessualità e/o con le sue partner è il consiglio più chiaro ed immediato che mi sento di darle. in bocca al lupo!

Dott. Giovanni Romito Benevento (BN)

Gentile utente, tenga conto che la maggior parte dei problemi connessi all'erezione presentano una forte  componente psicologica a maggior ragione se la persona in questione presenta un'età giovane come nel suo caso. Tuttavia, a mio parere, è buona prassi procedere sempre con un'anamnesi che escluda altre eventuali cause. Del suo problema lei non deve preoccuparsi ma occuparsi; la sessualità è un aspetto fondamentale della nostra vita e deve essere vissuto in modo sereno e soddisfacente. Se vuole, mi consulti ancora sarò lieto di indirizzarla su come risolvere il suo problema. Cordiali saluti.

Dott. Luigi Ferraro Napoli (NA)

Salve, la sua preoccupazione è comprensibile data la sua giovane età e il peso che l'intimità ha in questa fase della sua vita. Il fatto che lei si rivolga a degli psicologi deve far suppore che ha già visto un andrologo ed ha escluso cause organiche? se non è così lei ha pensato che il problema sia riferibile ad aspetti più interni (emozionali e/o relazionali). Un indicazione che posso darLe è recarsi da un andrologo per l'esclusione di cause organiche e se sente che la problematica impatta negativamente sulla sfera emotiva e relazionale ovvero da essa ha origine di fissare un appuntamento con uno psicologo per una consultazione.

Dott.ssa Rita Romano Salerno (SA)

Mi colpisce molto l'aspetto "sintetico", il fatto che lei parli del suo disturbo facendo riferimento solo all'aspetto "meccanico", come fosse una macchina che improvvisamente smette di funzionare. C'è tutto un mondo, dietro i disturbi sessuali o presunti tali - potrebbe infatti essere solo una defiance momentanea, dovuta allo stress, all'ansia, o ad altre cause non propriamente organiche e profonde - che lei non menziona assolutamente, ma che invece, a mio avviso, andrebbe indagata. Il sesso, anche occasionale, ha comunque una componente emotiva.

Saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Disturbi dell'eccitazione sessuale"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Ansia di non avere un'erezione

Salve a tutti, sono disperato! Sono fidanzato da 2 anni, e la mia ragazza la reputo perfetta! Provo ...

1 risposta
Paura pre rapporti

Salve, ho 22 anni, sono FELICEMENTE fidanzato da oltre un anno, non potrei desiderare di più ...

2 risposte
"Ansia da prestazione o mania del controllo"

Ciao, Vi scrivo perché ho dei problemi intimi con la mia ragazza, nel senso che non riusciam ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.