Cosa c'è di sbagliato?

Giorgia

Buonasera, sarò concisa. Sono felicemente insieme da 5 anni e mezzo a X. Non viviamo insieme ma ci vediamo regolarmente. Entrambi ci amiamo sinceramente. Il dubbio per cui scrivo riguarda un fatto che per due volte si è ripetuto in estate, esattamente due anni e fa e pure l'estate scorsa. X diventa improvvisamente più staccato e riconosce di non stare bene con sè stesso, riconosce di avere curiosità nel provare altro, riconosce di non essere un fidanzato ideale. Io ovviamente lo percepisco e non passo un bel periodo. Passando del tempo assieme e lasciando scorrere (nonostante i numerosi dibattiti) il problema si risolve. Ho timore di una prossima estate con eventualmente la stessa problematica. Perchè? X non riesce a spiegarsi il motivo, dice che non riesce a controllare queste emozioni, è tutto molto istintivo. In entrambi i periodi estivi passati tengo a precisare che X non ha mai dubitato della relazione, anzi, era determinato a risolvere rimanendo insieme. La mia domanda è perchè? E' "normale" che un uomo abbia queste "curiosità" con l'inizio dell'estate? Cosa manca, se manca qualcosa? A me questo provoca molta ansia.
Grazie.

2 risposte degli esperti per questa domanda

Gentile Giorgia,

come trascorrete il periodo invernale? Durante l'estate ci sono dei cambiamenti nella coppia? Le vacanze le passate insieme o separati?

Lei pone anche la domanda, cosa c'è di sbagliato? Lei ha già provato a darsi delle risposte? Potrebbe anche essere che non ci sia nulla di sbagliato ma che sia solo una difficoltà interna del suo fidanzato.

Non c'è un vero e proprio motivo o una differenza uomo donna nell'avere momenti durante l'anno dove la convinzione viene un po' a mancare o dove insorgono bisogni "diversi".

Mi sembra inoltre di capire che non ci siano difficoltà interne alla coppia. Potrebbe consigliare magari al suo fidanzato di valutare un percorso di conoscenza personale con un professionista di sua fiducia per essere ascoltato e ri-osservare le emozioni che prova in quei momenti, i pensieri e capire dentro di sè cosa vorrebbe per il suo e vostro futuro.

Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.

Cordialmente

Dott.ssa Federica Ciocca

Psicologa e psicoterapeuta

Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Buongiorno Giorgia. È comprensibile come questa situazione le causi disagio, soprattutto per il fatto di non avere risposte a disposizione che le permettano di gestire, almeno in parte, i periodi in cui il suo compagno inizia a stare male con se stesso. Ciò che può fare è cercare di parlare con lui in modo non giudicante e trovare un compromesso per quei periodi, compromesso che solo voi potete valutare ed adottare. Tuttavia, se doveste avere bisogno, potete anche rivolgervi ad uno psicologo per un supporto nel trovare una risposta o una motivazione a quei periodi, riuscendo così a gestirli meglio entrambi e arrivando a preservare l’integrità della vostra relazione.
Se decideste di intraprendere un percorso di questo tipo, sono disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.