Problemi di coppia

Problemi di coppia

davide

Condividi su:

Buongiorno,
sono un 50 enne divorziato con tre figli e sto vivendo una storia da due anni e mezzo con una donna di 38 anni vedova con due figlie ( 13 e 17 anni). Vi scivo perche' trovo abbastanza frustrante sapere di avere una compagna e sentirsi solo, si solo perche' non ha tempo da dedicarmi non ha tempo per fare un we insieme (sino ad ora mai successo), non mi sento considerato calcolando che ci vediamo (da soli) circa due/tre volte al mese la mia sensazione e' come sentirsi di elemosinare del tempo da trascorrere insieme.
Lei dopo tanta fatica mi ha detto che il suo tempo e' questo non puo' farci nulla e il problema e' solo mio che evidentemente non so stare solo. Domanda, ma se fosse cosi sarebbe peggio perche' sapere di non essere soli ma sentirsi soli e' effettivamente peggio.
Ora voi mi direte ma se e' cosi che ci stai a fare insieme? la amo e sono cosciente che cosi non potra' durare a lungo.
Grazie.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Carissimo Davide,


É necessario che tu chiarisci con la tua compagnia ciò di cui hai bisogno e cerca di comprendere se dietro la sua mancanza di tempo vi siano solo scuse. Una delle domande che mi pongo come psicoterapeuta è da quanto tempo é vedova e quanto é stato importante per lei il suo matrimonio. Queste sono cose che davvero ti serve per capire qualcosa di più di lei. Dopo un grande amore è difficile potersi innamorare fortemente . Quindi ti auguro che potrai avere una conversazione chiara con la tua donna che ti aiuterà nel prendere le adeguate decisioni.


Cordiali saluti


 


 

Il punto è che il cuore dell'uomo desidera un amore stabile, per sempre, una unione che implichi il dormire insieme e quindi


il condividere uno stesso luogo quotidianamente. Tutte le forme diverse da questo implicano una sofferenza che è il prezzo da pagare, 


così come lo sta pagando lei. Se ama questa donna può imparare ad accettare questo. 


Si ricordi comunque che anche in tutte le forme vi è una sensazione di solitudine che è connaturata alla natura dell'uomo. 


Può imparare a convivere con questa sensazione, che ripeto ognuno di noi ha.


 

Salve Davide,


la solitudine è spesso una sensazione. Ci si può sentire soli insieme ad altre persone. Molto spesso quello che sentiamo "non combaciare" con gli altri sono: aspettative, bisogni, desideri, necessità. A volte ci ci trova a dover fare i conti con ciò, andando oltre il concetto dell'amore/dell'amare l'altro, per comprendere fino a che punto si è disposti ad andare incontro oppure a bypassare alcune situazioni. Abbiamo sempre la possibilità di prendere una decisione e di non aspettare passivamente che "qualcosa cambierà".


Un caro saluto.


 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come salvare un rapporto di coppia?

Buongiorno,mi chiamo Marina e ho 34 anni, ho due figli, un bambino di 11 avuto dalla mia precedente ...

1 risposta
Ho tradito mio marito

Salve sono una donna di 44 che 1 anno fa ha tradito suo marito. Avevamo appena comprato casa, lui ...

1 risposta
Perché ci facciamo così male se ci amiamo così tanto?

Ci amiamo molto, non riusciamo a separarci da quando ci conosciamo (circa 10 mesi) non è ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.