Problemi di coppia

Quale futuro ?

Matteo

Condividi su:

Buongiorno. Sono un uomo di 38 anni, dirigente di azienda, due lauree, un dottorato, ex dipendente universitario e... profondamente insicuro con le donne. Dopo dieci anni di una storia bellissima con una persona fantastica, finita ahimè di comune accordo per problemi logistici irrisolvibili, mi ritrovo a convivere da un anno e mezzo in una coppia di single, o meglio una coppia tra un fidanzato e una single, che single lo è sempre stata, salvo due storielle di pochi mesi in cui entrambi i “lui” sono fuggiti e alcuni incontri occasionali durati una notte o poco più. Ho la sua foto ovunque, dal pc del lavoro, allo sfondo del telefonino, etc. Come facciamo una gitarella, faccio sempre mille foto per poi condividerle tutto contento sulla mia e sulla sua pagina. La mattina, come arrivo a lavoro, le mando un messaggino con un'immagine fantasy/romantica per avere come risposta: "miao, ho tanto sonno, ho bisogno di smaltire tutto lo stress arretrato, ho sofferto tanto e ora ho bisogno di pensare a me stessa e fare le cosa che mi piacciono e mi fanno star bene". Cosa fa lei invece? Zero di tutto. Il suo profilo FB è pieno di articoli sui problemi mentali, su sfighe di ogni genere. Non mi fa mai una foto. Quando siamo insieme mi sommerge di chiacchiere e discorsi da bambina di cinque anni; se io provo ad aprire bocca, subito mi ferma e mi parla sopra o si aliena pensando ai fatti suoi. Se non sono con lei, dentro di sé cova un misto tra rabbia e senso di abbandono. Se sono con lei si sente opprimere e va dicendo alle mie spalle che ha bisogno dei suoi momenti di libertà, di fare yoga, pilates, etc. Le dico di fare quello che vuole, visto che in questo periodo non lavora (lavora nelle scuole) per cui le ore le avanzano, ma rimane chiusa in casa col telefono in mano tutto il giorno a prendersi i fatti di amiche e sconosciute. È di una tirchieria patologica, per cui ogni tanto pago io. La sommergo di regali, tra weekend fuori in castelli, cene, etc. e va dicendo in giro che sono tirchio. Fa capire senza troppi giri di parole che se voglio un figlio, lei deve smettere di lavorare e io devo mantenerla a vita, altrimenti nisba (ricatto?). Di nascosto va chiedendo a sconosciute o poco più se sono interessate a fare weekend insieme in terme etc. ovviamente senza di me: qui i soldi li ha dicendo sempre che ha bisogno di amiche. Si lamenta che deve fare 14 minuti di treno di pendolarismo più qualche minuto a piedi visto che si rifiuta categoricamente di guidare, mentre io mi devo fare 30 minuti di auto in strade assurde. La scarrozzo sempre ovunque per cercare di farla divertire facendo tutto quello che fa piacere a lei (la ratio è circa 30 ad 1). L’ho accompagnata da psichiatri, psicoterapeuti, etc., pur di aiutarla. Dentro casa fa quasi niente. Si lamenta in continuazione di tutto. Sono costretto a farle da baby sitter, da clown, da infermiere, da badante, etc., visto che, ahimè, non sa fare proprio nulla. Ha parlato male di me con tutte le persone che conosce. Ogni volta che dico che vorrei chiudere, comincia una sceneggiata in cui piange come una fontana, dice che mi ama da morire, che io sono perfetto, minaccia di uccidersi, mi implora buttandosi per terra, mi sequestra telefono, chiavi della macchina, etc. Quando ha crisi di rabbia o di gelosia, mi aggredisce fisicamente, picchiandomi, graffiandomi e, una volta, cercando di strangolarmi. Dopo ogni lite promette mari e monti, ma l'unica cosa che sa realmente fare è parlare male di me il giorno dopo con la prima che le capita a tiro per punirmi. Sessualità: è mezza frigida e spesso mi lascia anche per un'ora in attesa di non si sa cosa, mentre lei magari sta distesa sul letto immersa nei suoi pensieri. Chiedo un vostro gentile parare.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Matteo,


ho letto con attenzione la sua lettera e vorrei capire meglio cosa pensa che la psicologia possa fare per lei in questa situazione. Con quale obiettivo sta chiedendo questo “parere”? Per capire meglio cosa fare lei, o per trovare un supporto per riportare all’ordine questa donna che sembra non comportarsi come lei si aspettava? Sarebbe interessante rapportare questa dinamica relazionale, in cui sembra venir meno il suo controllo della situazione, con il resto della sua vita, ad esempio con la vita professionale, nella quale sembra aver raggiunto diversi traguardi. Nella sua vita ha in generale bisogno di avere tutto sotto controllo? E sul lavoro ha questo tipo di padronanza delle cose, che invece sembrano sfuggirle di mano nel rapporto con questa donna?


A inizio lettera lei parla di insicurezza nei rapporti con le donne, ma in questo caso non mi sembra si tratti di questo, quanto piuttosto di quale siano le motivazioni per cui si trovi in una relazione cosi conflittuale con questa donna, del tipo di relazioni che instaura con le donne, ma ci sarebbe da capire meglio quali schemi di relazioni stabilisca di solito nei rapporti sentimentali. Sempre di questo tipo? E perché non prova a cambiare modalità di relazione? Che ruolo hanno relazioni di questo tipo entro il contesto più generale della sua vita, quanto senta che le faccia bene o male restare in queste dinamiche senza provare altre modalità di relazione. Di solito nelle relazioni sentimentali – nonché in quelle amicali, o parentali o lavorative – si è mai domandato quanto spazio ci sia per poter costruire qualcosa di reciprocamente salutare per tutte le parti in gioco? E se le sue valutazioni al riguardo sono negative, che tentativi ha fatto per provare a cambiare la situazione?


In generale mi sembra che la situazione di cui ci parla, segni un punto critico che va inquadrato meglio nel contesto dei rapporti tra vita sentimentale, vita lavorativa, tempo libero, eccetera. Sembra che essa ci indichi – come un lieve indizio – la necessità di ripensare più in generale i suoi modi di stare nelle relazioni, in quali relazioni, con chi e perché.

Caro Matteo, la situazione che descrive è sicuramente dolorosa ed esasperante. In coppia si dovrebbe costruire insieme, condividere, avere un progetto comune, ma ciò che emerge da ciò che scrive è una carenza di tutto ciò oltre ad un grande dolore.


La domanda che le suggerisco è la seguente: "perché continuo a portare avanti una relazione che mi fa soffrire?". Forse anche lei ha bisogno di analizzare certi suoi bisogni, valori, credenze che la portano a continuare questa storia.


Se dovesse avere bisogno di ulteriori risposte o chiarimenti non esiti a contattarmi.


Le auguro il meglio.

Carissimo Matteo,


ma tu la ami? Tutto dipende cosa provi per lei. Si possono fare sacrifici per coloro che si amano. Se non provi nulla, mi sembra di capire che non siete sposati e non avete ancora figli. Quindi magari troverete che dei partner reciprocamente dove starete bene. Il parlare male di te bisogna capire cosa dice di te e cosa non dice...ma sperimenta nella sua parte più intima. L’amore non deve essere convenienza di soldi o di cene, deve essere condivisione, dialogo e desiderio di una progettualità comune. Buona riflessione! Potete anche consultare una psicoterapeuta di coppia che vi possa aiutare a rivedere a che punto siete. 


Cordiali saluti

Quale futuro? ll presente relazionale come lo  descrive lei è un inferno e quindi il futuro lo  vedo molto nero.


Non si intravede neanche una minima ragione che sostiene il vostro stare insieme, a meno che a lei, Matteo, non faccia piacere soffrire in questo modo.


Le due lauree non servono per imparare a stare con le donne, ma ad ottenere una posizione lavorativa che le sia di fondamento per la sua identità di uomo in quanto tale ma non di uomo in relazione affettiva con una donna. Abbia lei il coraggio di fare il passo verso l'allontanamento da questa persona. Non si preoccupi più di tanto delle minacce di suicidio,  perchè non si può basare una relazione sul ricatto. Inizi a vivere da solo, non CERCHI nessuno. Vedrà che poi INCONTRERA' 


 

Gentile utente, il successo e l'impegno lavorativo purtroppo costituiscono una sfera spesso nettamente separata da quella emotivo-affettiva.  La "compagna" di cui ci parla sembrerebbe corrispondere ad un profilo narcisistico, dunque ad una personalita' disturbata che non permette la messa in gioco di se' e la condivisione. E' come se Lei cercasse accanitamente di tirare su acqua da un pozzo secco. La questione piu' seria pero' sta nel chiedersi perche' accanirsi con una personalita' disturbata e distruttiva...e' proprio qui che a mio avviso risiede il nodo su cui lavorare con una persona esperta in materia psicologica. Ci rifletta... una buona giornata. 

Buona sera


Non è facile rispondere per non dire e dire troppo o troppo poco, è una lettera molto complessa, credo che entrambi dobbiate fare una terapia non so da chi sia seguita la sua compagna, ma credo che prenda anche dei farmaci, forse dico forse c'è anche una diagnosi, forse ipotizzo che abbiate bisogno di aiuto, lo cerchi nella sua regione. Poi anche lei a bisogno di sostegno per capire come gestire le sue e le emozioni della sua ex.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento intrappolata in una vita che non sento mia.

Salve a tutti, sono Sofia ho 27 anni e da tre anni sto insieme ad un ragazzo lui è serio, ...

1 risposta
Fine di una relazione, come fare?

Stavamo assieme da 9 anni di cui 4 di convivenza. Avevo notato un suo distacco negli ultimi mesi e ...

9 risposte
Come posso competere con il suo lavoro?

Sono una ragazza di 27 anni fidanzata da 9anni con un ragazzo molto ambizioso e che ha fatto di ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.