Problemi di coppia

Tradimento: le condizioni per provare a ricostruire

Giorgia

Condividi su:

Buongiorno,
dopo 8 anni di relazione e 4 di convivenza, scopro che il mio compagno ha una relazione da vari mesi con una collega di lavoro, con cui è andato a letto, lui dice, una volta, per poi rendersi conto subito di aver fatto un errore. A suo dire questa persona si è inoltre rivelata aggressiva, egocentrica e prevaricatrice, e non l'ha più lasciato stare minacciando anche di chiamarmi e rivelarmi tutto. Io biasimo la sua totale mancanza di volontà e maturità (io sono la sua prima relazione, nonostante abbiamo entrambi superato i trenta oramai). Stiamo soffrendo entrambi moltissimo, non viviamo più assieme perché quando ho scoperto tutto attraverso alcuni messaggi - e la sua successiva confessione - io gli ho chiesto di andarsene di casa, perché sentivo che stando insieme io avrei continuato a tormentarmi e non avrei avuto la tranquillità di calmarmi e ragionare, e per lui perché volevo dargli una scossa, visto che lui non è riuscito a tirarsi fuori dalla sua situazione da solo.
Sto ragionando sul caso di dargli o meno una seconda opportunità. Quello che penso è che per poter voltare pagina e ricostruire il rapporto su basi rinnovate ci devono essere segni tangibili e concreti da parte sua (fermo restando che ovviamente anche io sto analizzando le mie mancanze e possibili azioni positive future). Da parte sua vorrei un atteggiamento più aperto ed affettuoso (lui è sempre stato poco propenso al confronto e al dialogo su argomenti amorosi, quasi lo mettano in imbarazzo); vorrei meno attaccamento al lavoro, di cui è letteralmente dipendente (basta tornar tardi la sera, cosa che alimenta i miei sospetti); ma soprattutto, e questo è il problema, mi rendo conto che quello che vorrei davvero è che lui cambiasse lavoro. E qui mi rendo conto che chiedo moltissimo, perché andrebbe a lasciare un posto veramente molto buono. Ma al momento sono intransigente e non riesco a sopportare che lui lavori con lei. Perché in passato io ho avuto un'esperienza simile di relazione su luogo di lavoro, che non sono riuscita a troncare fintanto che non ho lasciato il lavoro. Rivedo in lui le mie debolezze, so che non è facile svincolarsi da una persona che si vede in continuazione. E allo stesso tempo, in forza del dolore che mi è stato causato, mi sento in diritto di pretendere.
Cosa ne pensa?
Grazie

1 risposta degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Giorgia,


mi sembra di percepire dalle sue parole il prevalere di una sensazione di rabbia per quanto accaduto e il bisogno di comprendere meglio cosa sia successo alla vostra coppia, come è naturale sia soprattutto in una prima fase.


Ogni evento nella vita di coppia può porre la coppia stessa bella condizione di trasformare quanto accaduto in un'occasione per rivedere la propria e altrui posizione nella coppia stessa e focalizzarsi sui propri e altrui bisogni. Quando se la sentirà credo quindi potrà essere utile per voi fare questo passaggio, che vi potrà portare a riavvicinarvi o a prendere le distanze (questo non si può sapere prima a priori) ma che sicuramente vi aiuterà a fare maggiore chiarezza con voi stessi e con l'altro.


A quel punto la vostra relazione, se tale continuerà ad essere, vi permetterà di esprimete nella coppia le vostre certezze come i vostri timori e prendere delle scelte condivise, nel rispetto di entrambi e del vostro rapporto.


Restando a disposizione, vi auguro il meglio


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi di coppia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come faccio a far andare il mio compagno rispetto al passato?

Sono Serena da 4 anni ho una relazione con un uomo separato con due figli. La sua ex compagna mi ...

1 risposta
Tradimento

Salve, Sono un uomo di 41 anni, sono con la mia compagna da 7 anni. Ci siamo conosciuti in Inghilter ...

5 risposte
Mio marito mi vede come una sorella

Buongiorno ho 39 anni sto con mio marito da 21, e 13 anni di matrimonio, all inizio tutto bene poi, ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.