Problemi sessuali

Mio marito ha un problema legato alla pornografia e masturbazione

Cristina

Condividi su:

Buongiorno mi chiamo Cristina, sono sposata da 3 anni e ho 29 anni, mio marito ha 33 anni. Il problema della nostra coppia e che mio marito ha un problema legato alla pornografia e masturbazione, e quindi sono sempre io a chiedere di avere rapporti sessuali ma puntualmente mio marito si gira dall'altra parte dandomi le spalle e si addormenta senza darmi spiegazioni. A me fa star male questo suo atteggiamento mi cerca solamente per toccarmi e basta, per lui va bene se stiamo anche mesi senza avere rapporti sessuali. E poi quando capita che abbiamo rapporti quella volta al mese lui non riesce a raggiungere l'orgasmo per me è frustrante passo più le notti a piangere che altro, e lui non si preoccupa di altro. Per favore aiutatemi perché non so proprio come mi posso comportare.

10 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Cristina, da come scrivi emerge una difficoltà di natura sessuale che dovrebbe essere approfondita. Possono infatti essere numerevoli le motivazioni che portano a vivere un difficoltà nei rapporti sessuali. Ti consiglio quindi di chiedere aiuto a un/a collega psicoterapeuta con formazione specifica in sessuologia clinica così da inquadrare il problema tendendo conto anche della possibilità di attivare un trattamento prettamente sessuologico. Io personalmente lavoro su Caserta ma all'occorrenza faccio anche sedute via Skype. Sperando di esserti stata d'aiuto ti saluto. 

Gentile Cristina,

le cause del problema sono presumibilmente psicologiche: potrebbero tanto avere a che fare con la vostra relazione in se stessa (ad esempio, insufficiente o distorta comunicazione reciproca o insufficiente coinvolgimento e compartecipazione emotiva); tanto con le modalità specificamente sessuali secondo le quali interagite, non adeguate ad uno o ad entrambi i componenti della coppia (ad esempio le modalità ed i tempi del contatto fisico o la scansione delle diverse fasi di ogni singolo rapporto sessuale); tanto più direttamente legate a problemi del ‘profondo’ , insomma inconsci e psicoeducativi di lui, che le impediscono, nonostante la sua volontà contraria, di provare desiderio e  piacere durante il rapporto, e segnatamente nella fantasia amorosa e ne desiderio nei Suoi confronti (mentre li prova altrove, in via virtuale). È probabile che una non lunga rieducazione psicosessuale, in un limitato numero di sedute di coppia, possa risolvere definitivamente il problema.

Buona giornata Cristina, ho letto attentamente quanto da lei descritto circa il conflitto coniugale che attualmente sta vivendo. Innanzitutto desidero dirLe di perseverare nel cercare di risolvere il problema senza lasciarsi scoraggiare perchè le problematiche da Lei indicate si possono risolvere in tutto o in gran parte con delle terapie adeguate (psicologiche e farmacologiche). 

Ipotizzando che Suo marito possa avere una certa patologia (dipendenza sessuale di tipo perverso) Le consiglio di parlargli  - con amore e con fermezza - per decidere insieme di recarvi ad una visita specialista (psicologo sessuologo o medico sessuologo). Solo tale  professionista - dopo avervi ascoltato e se necessario visitato - potrà indicarvi cosa è meglio fare nel vostro caso. Ritengo che questa sia l'unica possibilità per cercare di risolvere - al più presto -  la vostra situazione coniugale.  Le faccio i mei auguri e La saluto cordialmente

Cara Cristina,

da quanto scrivi si evince la tua frustrazione e sofferenza. Le problematiche di coppia, di qualsiasi natura esse siano, andrebbero affriontate in due, maggiormente nel tuo caso, il silenzio contribuisce solo ad esacerbarle. Consiglio a te e tuo marito di rivolgervi ad un teraputa di coppia, per affrontare al meglio la questione.

Ion bocca al lupo

Buongiorno Cristina, capisco il suo dolore e la sua frustrazione. Mi sembra di capire che tra lei e suo marito non c'è molto dialogo, pertanto l'aiuto di un esperto potrebbe rivelarsi indispensabile. Se suo Marito è disponibile sarebbe opportuno intraprendere un percorso di coppia presso uno psicologo specializzato in sessuologia. Altrimenti faccia lei un suo percorso di psicoterapia. Un caro saluto

Cara Cristina, la situazione che lei descrive mi sembra particolarmente penosa per lei, mentre sembra non essere un problema per suo marito. Questa discrepanza di sentire forse ci dice qualcosa su come quest'ambito viene vissuto da ognuno di voi due. La questione che si pone è di chi sia il malessere: se solo suo o anche di suo marito. Nel primo caso, forse quello che potrebbe fare è cercare un sostegno per affrontare questo aspetto della sua vita e sul suo disagio, mentre nel secondo caso, potrebbe essere molto utile un consulto con un terapeuta della coppia. La sessualità mette in gioco tante dimensioni e una situazione così complessa e compromessa dal punto di vista relazionale sicuramente merita un approfondimento altrettanto complesso. Rimango a disposizione per ulteriori chiarimenti. 

Salve Cristina.

Come lei stessa scrive è un problema di coppia, più che un problema di suo marito. E come tale, andrebbe affrontato insieme, rivolgendosi ad uno psicoterapeuta. Nel caso in cui suo marito (come a volte accade in casi simili) non riconosca l'esistenza di un problema (nemmeno l'insoddisfazione e l'infelicità della propria moglie) o non sia disposto ad affrontarlo, il problema diventa suo, in quanto si ritroverà a fare i conti con la propria situazione di insoddisfazione personale. In questo caso il mio suggerimento sarà di rivolgersi ad uno psicoterapeuta che possa aiutarla ad affrontare la sua sofferenza ed eventualmente accompagnarla nelle sue scelte future.

Spero di esserle stato di aiuto nell'orientarsi in questo momento di difficoltà. 

Cordiali saluti

Gentile Cristina,

la situazione che descrive è indice di sofferenza da parte sua, ma anche di scarsa comunicazione all'interno della coppia. IL fatto che suo marito rivolga il suo interesse sessuale alla pornografia e all'autoerotismo, fa pensare che lui mantenga questa sfera in un compartimento isolato, in cui può permettersi di non confrontarsi con lei. Ciò implica che dobbiate iniziare a parlare di questo tema, a condividere desideri ed esigenze, ma suppongo non sia facile se questo tipo di dialogo non è mai stato messo in atto fino ad ora.

Le consiglio quindi di sollecitare suo marito ad intraprendere una terapia di coppia, con un professionista che vi aiuti ad instaurare un dialogo attorno a questo tema, in modo da creare un immaginario comune che possa essere da stimolo alla vostra relazione.

Un caro saluto.

Salve in risposta alla sua preoccupazione le posso scrivere che un percorso di coppia presso un collega psicologo specializzato in sessuologia, potrebbe aiutarvi a ritrovare la vostra intesa. Può ricercare nella sua città colleghi con questa specializzazione e la sapranno consigliare più accuratamente di me che ho studiato solo un esame all'Università. Provi a parlare con suo marito del disagio che prova e a dirgli quello che ha scritto qui online, parlandone potrete chiarirvi e trovare un accordo. Spero di esserle stata di aiuto, Cordiali saluti.

Carissima amica, proprio per il dolore che tale situazione le provoca è arrivato il momento di arrivare ad una svolta. Mi verrebbe da chiederle di più, ad esempio: da quanto tempo dura questa situazione? Avete provato a parlare con tranquillità, della faccenda e se si, quali sono state le spiegazioni di suo marito? Purtroppo a volte è difficile poter rendersi conto di una determinata situazione. Probabilmente suo merito non sa cosa fare, la sua non curanza in realtà, e incapacità nel trovare una via d'uscita, forse anche perche magari, sta anche sottovalutando la cosa. Io personalmente ritengo che così, come lei ha presentato la situazione, sarebbe necessario seguire una terapia di coppia che sappia riavvicinarvi e rimettere eventualmente, in discussione il vostro rapporto. Rimango a vostra disposizione. Cari saluti. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problemi sessuali"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Problemi di erezione con persone nuove e nella masturbazione

Buongiorno, sono un ragazzo di 30 anni che ha cominciato ad avere rapporti completi relativamente ...

5 risposte
PERCHÉ MI BLOCCO?

Salvea tutti, Mi chiamo Rosalia ho 23 anni, e da sempre so che sono lesbica... Ho sempre provato a ...

12 risposte
Buio totale

Buongiorno... Sono un uomo di 37 anni, e in vita mia ho avuto la fortuna di stare davvero con molte ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.