Condividi su:

Vivere una sessualità “misurata” caratterizzata dalla “morigeratezza”, intesa come controllo e pudore, significa incatenare Eros. Sul muro del tempio di Delfi appare quello che dovrebbe essere il motto in ambito intimo “ Niente di troppo”, poiché la sessualità per poter essere davvero piena, appagante e felice deve essere libera di potersi totalmente esprimere, senza dover sottostare ad una quantificazione, che determina quanto i nostri sensi possano essere sollecitati. Viviamo in un’epoca dove tutto deve essere controllato, misurato, vagliato e … giudicato; mentre sappiamo che Eros si nutre di mistero, quindi di tutto quello che ci sfugge e che non riusciamo e dobbiamo comprendere.

Coloro che invitano ad essere “pacati” ed a vivere il sesso con moderazione, spesso sono coloro che hanno problemi sessuali: aspirano a vivere l’intimità con controllo e senza eccessi in modo da giustificare le loro scarse performance o la loro mancanza di gioiosa fantasia. Potremmo quasi fare un paragone con la storia, infatti nelle epoche e nelle società dove esistono rigide gerarchie sociali e una scarsità di risorse si inneggia alla morigeratezza per abbassare le pretese degli individui e per placare le aspirazioni degli esclusi a conseguire i vantaggi dei “più fortunati”.

L’uomo per sua natura é portato a superare i limiti ed è proprio la natura che spinge l’uomo a non “accontentarsi”, ma a cercare “oltre” le fonti del proprio appagamento. Se così non fosse, non ci sarebbe evoluzione! Alcuni sono contrari a questa visione della sessualità intesa come libera manifestazione dei sensi, ritenendo che se un uomo ottiene tutto, poi non ha più nulla da desiderare!

Ma è proprio questo il concetto che Eros ci invita a far evolvere: per Eros l’intimità deve essere una scoperta grazie ad una ricerca “CONTINUA”: mai dare se stessi e il partner per scontati, mai fare l’amore nello stesso modo, usando magari sempre la stessa posizione! Abbiamo cinque sensi, impariamo ad usarli tutti e tutti in modo sempre nuovo e diverso, ma soprattutto usiamo la nostra fantasia che è una fonte inesauribile di stimoli.

La prigione più buia in cui rischiamo di incatenare Eros è quella dove non c’e’ spazio per gli eccessi, per la fantasia e per la libera sensualità. Impariamo allora a vivere senza limiti, seguiamo l’esempio dei classici come Achille, eroe omerico esempio di comportamenti estremi, o semplicemente godiamo senza limiti e senza ipocrisie!

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Salute Sessuale"?

Domande e risposte

Problemi di erezione con persone nuove e nella masturbazione

Buongiorno, sono un ragazzo di 30 anni che ha cominciato ad avere rapporti completi relativamente ...

5 risposte
Mio marito preferisce i porno a me

Salve, ho 24 anni e sono mamma di 2 bimbe. Io e mio marito siamo sposati da 5 anni e tra noi ci ...

7 risposte
Come poter eliminare una perversione?

Sono un ragazzo che ha il feticismo per i piedi femminili, un certo masochismo, mi piace essere ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.