Condividi su:

Trasgredire
La trasgressione astuto incantesimo, uno spazio confuso tra respiro e sensi in cui le emozioni si confondono con le tentazioni.
La trasgressione sessuale si colloca agli antipodi della brutale sessualità, complice indissolubile dell’erotismo squisitamente cerebrale, intimamente legato alla storia di ogni individuo ed alla cultura della sua società.
Fin dai primordi possiamo pensare di trovare questa realtà, quando nasce l’uomo nasce l’erotismo nasce la trasgressione.
Nel mondo antico a confronto con il nostro tempo il sesso era vissuto con molta più semplicità e naturalezza.
Cercando di non confondere l’erotismo con il semplice richiamo dei sensi, pur avendo la presenza di una apparente ufficiale morale comune che riteneva disdicevoli determinati costumi, di fatto, come si evince da molte antiche scritture, diversi ricercavano situazioni estreme che non dobbiamo interpretare come esagerato edonismo o di puro appagamento dei sensi, erano momenti di forte erotismo.
Cosi Marziale racconta di Lesbia in un suo felice epigramma (I 34,1-4): “A porte incustodite e spalancate ,Lesbia, pecchi con i tuoi amanti, ne nascondi i tuoi atti. Più e più ti fa godere chi ti sbircia che l’uomo a te che e unito. Solo quel godimento ti e gradito che anche ad altri venga fatto noto”.
Giovenale narra ( VI 114 ss.) che ella: “Nottetempo, dismesse le suntuose vesti imperiali e mascheratasi con una parrucca. andava ad offrirsi in un sordido lupanaro, dove intascava con voluttà il soldo, ed era, anzi, sempre l’ultima a chiudere i battenti della propria cella”.
Messalina moglie dell’imperatore Claudio non aveva problemi a soddisfare le sue smanie sessuali all’interno del palazzo, nel modo e con le persone che volesse. Non possiamo quindi che ritenersi supremo impulso erotico il suo volersi concedere la più proibita delle lussurie immaginabile per una imperatrice del mondo.
Abbiamo parlato fin ora di trasgressione, ma quanti confondono la stessa con il termine Perversione?
Be ad oggi mi sentirei di dire che purtroppo ancora moltissime persone fanno confusione tra le due realtà sovrapponendole, realtà che invece sono ben distinte.
Infatti la perversione allontana dall’intimità mentre la trasgressione ne è parte fondamentale, le trasgressioni semplice desiderio di allontanarsi da ciò che è la regola, se condivisa liberamente con il proprio partener fa da collante creando un clima di gioco e condivisione.
Nella trasgressione si vuole infrangere consapevolmente una regola sociale o morale, nella perversione invece non si ha scelta, non c’è nulla di razionale. Un’ulteriore differenza tra trasgressione e perversione è l’esclusività. Nella perversione sessuale la persona riesce ad eccitarsi solo in quel modo, mentre nelle trasgressioni la pratica sessuale particolare è un gioco condiviso che avvicina la coppia rendendola più complice e non al contrario allontanandola. Energia vitale che può essere in ciascuno di noi, a volte incontra ostacoli che creano resistenze alla sua espressione allora potrebbe esserci utile conoscere la natura di questi ostacoli, trovare la giusta chiave che possa permetterci di essere più liberi o semplicemente per sentirci più VIVI.


 

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Salute Sessuale"?

Domande e risposte

Asessualità?

Buonasera a tutti, io sono Gioele e ho 18 anni. Il dubbio che mi spinge a fare questa domanda ...

1 risposta
Aiuto

Buongiorno. Comincio col dire che sono una donna di 42 anni, sono sposata da venti anni, con due ...

4 risposte
Varie problematiche sessuali di coppia

Salve, mi chiamo Giulia e ho 26 anni, sono fidanzata da un anno e mezzo e ultimamente sto avvertendo ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.