Droghe e psiche

Barbiturici

Condividi su:

Si ha un mutamento del comportamento accompagnato spesso da irritabilità, obnubilamento del sensorio e diminuzione della capacità di organizzazione. Danno dipendenza fisica e la sindrome di astinenza si manifesta con allucinazioni, manie di persecuzione, delirio, agitazione, febbre, convulsioni, collasso cardiocircolatorio. Questa sindrome da astinenza scompare dopo 8 o 9 giorni.

DISTURBI CORRELATI A SEDATIVI, IPNOTICI O ANSIOLITICI - Le sostanze sedative, ipnotiche o ansiolitiche includono le benzodiazepine, i carbamati, i barbiturici e gli ipnotici simili ai barbiturici. Questa classe di sostanze include tutte le prescrizioni di farmaci per il sonno e quasi tutte le prescrizioni di farmaci antiansia. Come l’alcool, questi agenti deprimono il sistema nervoso centrale e possono produrre simili disturbi indotti da sostanze e disturbi da uso di sostanze. A dosi elevate, possono essere letali, particolarmente quando sono mescolati ad alcool.

DIPENDENZA DA SEDATIVI, IPNOTICI O ANSIOLITICI - Si possono sviluppare gradi considerevoli di dipendenza fisica, marcata sia da fenomeni di tolleranza che di astinenza, nei confronti dei sedativi, ipnotici e ansiolitici. La sindrome di astinenza prodotta dalle sostanze di questa classe può essere caratterizzata dallo sviluppo di un delirium che può comportare rischi per la vita. Una diagnosi di dipendenza da sostanze dovrebbe essere considerata solo quando, in aggiunta alla dipendenza fisica, il soggetto che fa uso della sostanza mostri con evidenza di avere una serie di problemi.

INTOSSICAZIONE DA SEDATIVI, IPNOTICI O ANSIOLITICI
Criteri diagnostici per l’Intossicazione da Sedativi, Ipnotici o Ansiolitici

A. Uso recente di un sedativo, ipnotico o ansiolitico.

B. Modificazioni maladattive psicologiche o comportamentali clinicamente significative (per es., comportamento sessualmente inappropriato o aggressivo, labilità dell'umore. compromissione della capacità critica o del funzionamento sociale o lavorativo) che si sviluppano durante, o poco dopo, I'uso di sedativi, ipnotici o ansiolitici.

C. Uno (o più) dei segni seguenti, che si sviluppano durante, o poco dopo, I'uso di sedativi, ipnotici o ansiolitici:

  • eloquio indistinto,
  • incoordinazione,
  • marcia instabile,
  • nistagmo,
  • deficit di attenzione o memoria,
  • stupor o coma.


D. I sintomi non sono dovuti a una condizione medica generale e non risultano meglio giustificati da un altro disturbo mentale.

ASTINENZA DA SEDATIVI, IPNOTICI O ANSIOLITICI
Criteri diagnostici per l’Astinenza da sedativi, ipnotici o ansiolitici

A. Cessazione (o riduzione) dell'assunzione di un sedativo, ipnotico o ansiolitico, il cui uso sia stato pesante e prolungato.

B. Due (o più) dei segni seguenti, che si sviluppano in un lasso di tempo variabile da diverse ore ad alcuni giorni dopo che è stato soddisfatto il Criterio A:

  • iperattività del sistema nervoso (per es., sudorazione o frequenza cardiaca maggiore di 100),
  • aumento del tremore delle mani,
  • insonnia,
  • nausea o vomito,
  • allucinazioni o illusioni transitorie visive,
  • tattili o uditive,
  • agitazione psicomotoria,
  • ansia,
  • crisi di grande male.


C. I sintomi del Criterio B causano disagio clinicamente significativo o menomazione del funzionamento sociale, lavorativo o di altre aree importanti.

D. I sintomi non sono dovuti a una condizione medica generale e non risultano meglio giustificati da un altro disturbo mentale.

La sindrome di astinenza è caratterizzata da segni e sintomi che sono in genere opposti agli effetti acuti che si osservano in chi consuma questi agenti. I farmaci con una durata di azione di 10 ore producono sintomi di astinenza entro 6, 8 ore dalla diminuzione dei livelli plasmatici. Come per l’alcool questi sintomi possono essere interpretati erroneamente per disturbi depressivi o d’ansia non indotti da sostanze. Il delirium da astinenza di sedativi ecc., è caratterizzato da disturbi di coscienza e cognitivi con allucinazioni visive, tattili, o uditive.

Manifestazioni e disturbi associati - La dipendenza e l’abuso di sedativi, ecc.., spesso può associarsi a dipendenza o abuso di altre sostanze. Alcuni dati indicano che gli effetti disinibenti di questi agenti, possono analogamente all’alcool, contribuire di fatto a slatentizzare comportamenti aggressivi con conseguenti problemi interpersonali e legali, Episodi ripetuti di intensa intossicazione da sedativi, ecc... possono essere associati a gravi depressioni che, possono essere abbastanza intense da condurre al suicidio, Episodi volontari di intossicazione per raggiungere uno sballo si osservano nei teen agers o nei soggetti ventenni.

Decorso - Il decorso più usuale riguarda soggetti giovani che aumentano progressivamente l’uso ricreativo di sedativi. Il secondo decorso clinico osservato meno di frequente comincia quando il soggetto si procura i farmaci mediante, in genere per il trattamento dell’ansia, dell’insonnia o di disturbi somatici. La tolleranza può raggiungere livelli elevati e può verificarsi astinenza.

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Droghe e psiche"?

Domande e risposte

Credo di essere un'alcolista, aiuto!

Ho iniziato a bere all'età di 14 anni ogni fine settimana. Ogni sabato sera con i miei amici ...

13 risposte
Padre cocainomane

Salve! Aspetto un figlio da un tossicodipendente (ho capito tardi) a cui voglio molto bene. Volevo ...

3 risposte
Allucinazioni cocaina

Buonasera vorrei sapere come posso aiutare mio figlio. Ultimamente è fissato che le hanno ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.