Pensieri ossessivi

Forma dei pensieri del DOC

Alberto

Condividi su:

Gentili dottori,

ho 22 anni e soffro di doc dal mese di aprile di quest'anno. Ho sempre sofferto di ansia, la quale però è sempre stata "sotto-controllo" fino ad aprile di quest'anno appunto. Il DOC è sorto in un momento piuttosto tranquillo della mia vita. Da lì ho cominicato terapia, prima con una psicologa che però non seguiva la terapia cognitivo-comportamentale, cambiando nel mese di maggio con un'altra che invece la pratica. Il mio tipo di DOC è quello dell'aggressività e della violenza, ma ha subito anche delle sfumature sulla sessualità nel corso di questi mesi.
Il mio disturbo è molto altalenante, ma sempre presente. Vi sono momenti dove sto abbastanza bene e i miei pensieri non mi disturbano, poichè ho imparato a lasciarli correre rispetto a prima, ma ogni tanto ricado nella trappola.
In particolare, ad esempio, i miei pensieri sono sempre stati sottoforma di domanda "e se facessi... e se fossi?", ma ultimamente hanno preso anche la forma affermativa ad esempio "faccio x con y...". E questo mi spaventa molto.

Ho appreso che non bisogna lasciarsi spaventare da i pensieri, ma in questa forma mi spaventano perchè sembra una cosa che penso davvero, ma non è così.
È mesi che seguo la terapia, ho notato dei miglioramenti ma ancora non mi sento "guarito" nel senso dove posso vivere serenamente con questo disturbo. Spesso penso a quando non avevo tutto ciò, solo qualche mese fa.. e mi abbatto, perchè è successo tutto in fretta. Ho 23 anni, faccio l'università e mi ritengo un ragazzo nella norma... il DOC ogni tanto mi tormenta e io non sempre riesco a far finta di niente.

Grazie per una risposta

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buonasera Alberto, 


comprendo la sua paura e la difficoltà a convivere con questo disturbo ma non si lasci scoraggiare. Sta affrontando il problema in modo corretto, vedrà che col passare del tempo e continuando la psicoterapia avrà dei risultati apprezzabili e imparerà a controllare i suoi pensieri prima che questi prendano il sopravvento su di lei e sulla sua vita. Ci vuole molto impegno, ma anche pazienza e fiducia negli strumenti della terapia. In bocca al lupo!


 


 


 


 


 

Caro Alberto, attualmente la terapia cognitivo comportamentale si è rivelata statisticamente il trattamento che ha dato i migliori risultati nel trattamento del disturbo ossessivo compulsivo. I miglioramenti però arrivano in maniera un po' discontinua, il paziente deve rendersi conto che il suo impegno deve essere costante ed attivo e i risultati non sono sempre in progressione lineare; talvolta si può avere l'impressione che vi sia uno stallo, ma se non ci si scoraggia i risultati prima o poi ci saranno.


Stabilire una buona alleanza terapeutica esprimendo con sincerità i propri dubbi al terapeuta è un buon punto di partenza.


Resto a disposizione per ulteriori chiarimenti ed approfondimenti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Pensieri ossessivi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come faccio a controllare la mia ossessione per lo studio

Soffro di stati di ansia da quando ho 16 anni ,fino ai 20 anni più o meno con conseguenti ...

8 risposte
Non ce la faccio più ...credo di essere arrivata al capolinea.

Sono mamma, ho 3 figli meravigliosi e fino ad un anno fa la mia vita seppur non facile sembrava ...

3 risposte
Perché se una persona che conoscevamo si suicida pensiamo che dovremmo farlo anche noi?

Sono una ragazza di 21 anni. Sto per entrare fuori corso nel corso di laurea di Infermieristica...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.