Pensieri ossessivi

Mia figlia si rifiuta di essere aiutata per il suo disturbo

Loredana

Condividi su:

Da Settembre di quest'anno, mia figlia quindicenne ha iniziato ad avere crisi di pianto dovute a pensieri negativi che le vengono in mente e le provocano sensi di colpa. Abbiamo subito contattato una psicologa psicoterapeuta cognitivo comportamentale per aiutarla e vedere di superare questo momento anche se questi incontri non bastavano....continuava a stare male, così abbiamo deciso di contattare una neuropsichiatra che ha deciso di darle delle gocce di Valium e Ansiolev compresse. Non abbiamo risolto neanche questa volta e le ha prescritto una compressa al giorno di Aripiprazolo che mia figlia non ha mai voluto prendere. Ad oggi la situazione non è cambiata, però noto che peggiora nel periodo del ciclo mestruale tantoché pensavo fosse disforia premestruale...ma mia figlia dice che anche gli altri giorni ogni tanto le viene questa tristezza che la porta ad isolarsi. Da Settembre mi sono dimenticata di dire che si. è fidanzata con un ragazzo che la adora e anche lei è pazza di lui tanto da aver paura di perderlo. Vedendo che non migliora le ho detto di provare a prendere l'Aripiprazolo anche se mi spaventa un po' per le molte controindicazioni ma se funziona dandole aiuto a stare bene e la neuropsichiatra dice che l'aiuterà voglio provare. Il problema nasce in questo momento, mia figlia è stanca di prendere questi farmaci e non vuole prendere più niente, addirittura vuole smettere di prendere il Valium e gli integratori Ansiolev anche se sa che starà più male, non so cosa fare, voglio aiutarla ma lei non vuole neanche provare a prendere l'Aripiprazolo....che posso fare?

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno, comprendo le sue preoccupazioni e le sue difficoltà nel gestire e affrontare questa situazione. Da quanto da lei riportato mi sento di dire di non trovarmi d’accordo nella somministrazione di farmaci. Penso sia invece necessario intraprendere un percorso diverso da quello cognitivo comportamentale già provato centrato più sul “sintomo” e quindi avviare un percorso di psicoterapia che consenta alla ragazza invece di lavorare su quanto le sta accadendo, sulla comprensione ed elaborazione dei suoi vissuti.


tenga conto di quanto sia delicata la fase dell’adolescenza e che i ragazzi risentono anche della pandemia. Elemento positivo sembrerebbe il ragazzo di sua figlia, probabile riferimento e risorsa.


Saluti Dott.ssa Manuela Patti

Buongiorno Loredana. Lei sta già facendo un eccellente lavoro preoccupandosi della salute di sua figlia e si mostra attenta alle sue emozioni e a ciò che può farla stare bene. Tuttavia il percorso verso la guarigione o almeno la gestione di tali sintomi deve essere caratterizzato dalla volontarietà della persona ad aderire al piano terapeutico. Potrebbe essere utile in questo senso avere con lei un confronto chiaro e sincero, in cui far emergere le vostre rispettive preoccupazioni circa la situazione. Un consulto con uno psicologo potrebbe poi aiutarvi a trovare un punto di incontro e nello specifico potrebbe stimolare in sua figlia la motivazione ad assumere i farmaci e a rimanere costante nella loro assunzione.
Se lei e sua figlia ritenete utile un percorso di questo genere, mi rendo disponibile anche online.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Salve Loredana, mi spiace molto per la situazione che descrive poichè posso comprendere il dispiacere ed il disagio che può provare la ragazza e le sue preoccupazioni di mamma.


Sarebbe chiaramente importante che la ragazza possa intraprendere un percorso psicologico: provate, prima di ciò, ad instaurare un dialogo schietto e sincero mediante il quale validare le emozioni della ragazza che la portano a rifiutare un aiuto, provate a vedere i vantaggi che un aiuto psicologico può portarle e capire quali paure sono sottostanti.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Pensieri ossessivi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Alcuni dubbi sul mio orientamento sessuale stanno diventando vere ossessioni. Cosa posso fare?

Buongiorno a tutti, ho 25 anni e da un po' di tempo ho iniziato a soffrire di pensieri ossessivi ...

2 risposte
Qualcuno mi risponde per favore????

Ciao Non so nemmeno perché sto scrivendo ciò, ma sento il bisogno di parlare, non ...

3 risposte
Non reggo

Ho 27 anni, non saprei nemmeno da dove cominciare, amo la mia famiglia anzi probabilmente amo maggio ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.