Pensieri ossessivi

Non so se sono lesbica o no

Giulia

Condividi su:

Buonasera,
Ho un dubbio (che in realtà mi assale da tempo) e che non riesco a capire se lo è per davvero o no. Riguarda il mio orientamento sessuale, ho costantemente paura di essere lesbica e mi manda in panico questa cosa, perché non riesco a trovare una risposta certa. Un giorno lo sembro, il giorno dopo no. Se non ci penso in maniera costante noto che sto meglio e sono tranquilla, ma quando ci penso tutto il giorno non é cosi, vado in paranoia. In più si aggiunge il fatto che una mia collega fa "battute" del tipo: ci posso provare con te? E ora lavorare con lei mi manda in agitazione e preferisco non rivolgerle la parola perché mi chiedo: allora si vede che sono lesbica e che l'unica ad non essersene accorta sono io. Io dalle donne non sono mai stata attratta, ho avuto ragazzi, anche se con nessuno di loro le cose sono mai andate bene e non ne sono mai stata innamorata. Penso anche che magari a livello mentale mi ci possa trovare meglio con una donna piuttosto che con un uomo, ma pensare di far sesso o avere una relazione con una donna non mi tocca minimamente, mi fa ribrezzo, non mi attrae. Se ci rimugino sopra penso anche che dico queste cose solo per autoconvincermi che non sono lesbica, quando invece non é cosi, lo sono e devo accettarlo. Basta!! Io non so più veramente che fare.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Giulia, credo che i suoi problemi ossessivi non siano altro che lo "spostamento" da altri problemi che sono alla base del suo conflitto interiore. In altre parole, non credo che i suoi problemi riguardino il suo orientamento sessuale, avendo spiegato in maniera inequivocabile che non è attratta dal suo stesso sesso. Provi piuttosto a spostare l'attenzione su quello che nella sua vita non funziona e che potrebbe essere variato o modificato. Molto spesso i pensieri ossessivi tengono a bada e nascondono problemi di altra natura, che non vogliamo o abbiamo paura ad affrontare per non alterare l'equilibrio del nostro percorso di vita. Le faccio tantissimi auguri

Carissima innanzi tutto è bene chiarire alcuni concetti semplici ma importanti, relativi alla sessualità di genere. Tutti i tipi di orientamento sessuale sono forme normali con cui gli esseri umani intrecciano legami affettivi; a dispetto di stereotipi diffusi secondo cui le persone con orientamento sessuale non eterosessuale sarebbero disturbate o anormali. La ricerca, infatti, non ha evidenziato alcun tipo di collegamento tra l'orientamento omosessuale o bisessuale e la psicopatologia, e pertanto la definizione dell'omosessualità come "disordine mentale" è stata abbandonata da tempo. Posta questa semplice premessa colpisce in lei la “paura” o “l’incertezza” sull’interpretazione delle proprie pulsioni come se da ciò dipendesse fortemente la percezione (definizione/cognizione) della propria identità tout court, non soltanto in ambito sessuale. Credo che lei debba “fidarsi maggiormente” di ciò che sente e semmai cercare un aiuto professionistico non tanto sul piano sessuologico quanto su quello personologico. Riconoscere le proprie sensazioni ed emozioni, anche in chiave sessuale/emotiva è una competenza importante che non ricade soltanto sulla scelta (consapevole o meno) di un partner erotico di questo o quel genere. Nella sua comunicazione, inoltre, non specifica la sua età né si trattiene nella descrizione delle sue esperienze già maturate. Questo è sicuramente un dato importante da prendere in considerazione e che un buon professionista può considerare in un quadro più ampio che comprenda la sua storia e la struttura (di attaccamento, cognitiva, relazionale etc.) che fa di lei la persona che è. Oltre a questo credo debba cercare serenità nel considerare il fatto che in tutti l'orientamento sessuale può variare dalla completa attrazione verso persone dello stesso sesso alla completa attrazione verso persone del sesso opposto. Vengono utilizzate solitamente tre categorie per definire l'orientamento sessuale: eterosessuale, omosessuale (lesbico, gay) e bisessuale ma probabilmente non è tutto qui. Secondo certe formulazioni teoriche viene considerato un orientamento sessuale anche l'asessualità (ovvero la scarsa o nulla attrazione verso persone del sesso opposto o dello stesso sesso; o ancora, semplice mancanza di orientamento sessuale), così come la pansessualità (orientamento sessuale caratterizzato da una potenziale attrazione (estetica, sessuale o romantica) per delle persone indipendentemente dal loro sesso o identità di genere) e la polisessualità (che al contrariosi riferisce a coloro che sono attratti da più di un sesso ma non vogliono identificarsi come bisessuali).Come vede il mondo della sessualità è ben complesso ma non implica una definizione della personalità né certamente problemi di sanità o equilibrio mentale. Se proprio lo desidera si confronti con uno psicoterapeuta che, ne sono certo, inquadrerà le problematiche che lei pone su un piano più complesso ma, dal mio punto di vista, più corretto


 

Gentile ragazza,
l'orientamento sessuale è un "continuum", vale a dire ci possono essere diversi gradi e sfumature in esso. Inoltre può anche, in determinati periodi della vita, spostarsi e avvicinarsi di più verso l'uno o l'altro estremo.


In ciò che dice ci sono elementi un po' contraddittori che meritano un approfondimento che sarebbe bene fosse intrapreso con l'aiuto di uno psicologo, meglio se psicoterapeuta.


Probabilmente anche una consulenza potrebbe fare luce su aspetti importanti ed esserle utile.


Cordiali saluti


 

Salve Giulia,


credo che questa sua paura possa essere affrontata e possa avere attraverso un aiuto una risposta. Ha categorizzato la sua richiesta nella voce "PENSIERI OSSESSIVI" che arrivano mentre lei non li vorrebbe e perciò troverà qualcosa da fare per distrarsi e poterli evitare. L'evitamento sembra aiutarci nel breve termine, ma a lungo andare ci sovraccarica di ansie. Per non convivere con questa agitazione, potrebbe essere d'aiuto identificare quali sono i suoi pensieri e le sue emozioni e valutarli in base al suo percorso di vita e ai suoi valori attraverso un percorso psicologico.


Cordiali saluti

Buonasera Giulia. L'identità sessuale e di genere  sono costrutti estremamente complessi e visto che i dubbi e le paranoie le causano sofferenza e paranoia le consiglierei di intraprendere un percorso di psicoterapia che possa aiutarla ad ascoltare veramente se stessa, e che possa anche arrivare ad avere maggiore consapevolezza sulla  sua identità personale. Non si spaventi, lavorare su se stessi è sempre una grande ricchezza e richiede impegno e volontà di assumersi la responsabilità di sé stessi. Resto a disposizione per altri dubbi.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Pensieri ossessivi"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio marito desidera le prostitute

Buongiorno dottore o dottoressa volevo spiegare il mio problema io ho 27 anni e mio marito 30, ...

7 risposte
Forma dei pensieri del DOC

Gentili dottori, ho 22 anni e soffro di doc dal mese di aprile di quest'anno. Ho sempre sofferto di ...

2 risposte
Ansia e mancata concentrazione dopo aver conosciuto una ragazza omosessuale

Buonasera, mi chiamo Emma e ho 24 anni. Da qualche settimana ho difficoltà a concentrarmi ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.