Problematiche sociali

Psicologo AntiCrisi

07 Novembre 2012

contattami

Condividi su:

IMPRENDITORI E LAVORATORI SULL’ORLO DI UNA CRISI DI NERVI.
Riconoscere e capire i segnali di disagio psicologico.

In questi tempi di vacche magre, di “mungitrici assetate di latte” e di “formaggio” sempre più scarso chi ne paga il conto salato è “l’allevatore” e i suoi collaboratori. Se la ciclicità dei corsi e ricorsi è una verità di biblica memoria possiamo proprio dire che non siamo nei sette anni di vacche grasse. Sentiamo orami a tamburo battente notizie di persone che perdono il lavoro, la ditta, la casa, la dignità, la testa…la vita.

E soprattutto in questo nostro nord est dove il dio-lavoro siede nel gradino più alto della scala dei valori il rischio di cadere in basso e farsi molto male è alto. Se da una parte questa crisi può farci riconsiderare l’importanza di altri valori quali il profitto solidale, i legami famigliari, la sincerità nell’amicizia, un tempo lento da dedicare a stessi e al proprio benessere dall’altra visto che il danno è fatto e cambiare non è sempre facile e immediato è opportuno imparare a capire i segnali che una persona manda quando si trova sull’orlo di una crisi di nervi e sta lì li per precipitare giù dal burrone.


I SEGNALI D’ALLARME A CUI FARE ATTENZIONE

 

  • Esplosioni di rabbia, irrequietezza, ansia, stress
  • Manifestazioni depressive quali, pensare, parlare o desiderare di farla finita. 
  • Mancanza di scopo nella vita, di speranza e ottimismo
  • Sensazione che non vi sia nessuna via d'uscita
  • Consumo smodato di alcol o droghe
  • Isolamento da famiglia, amici, lavoro, scuola, attività, hobby
  • Avventatezza e comportamenti ad alto rischio per se e per gli altri 
  • Repentini ed eccessivi cambiamenti d’umore 
  • Ricerca su Internet su come togliersi la vita, con pistole, pillole, gas ecc ... 
  • Miglioramento improvviso dell’umore; può significare che la persona ha pianificato come e quando andarsene definitivamente 
  • Visite o chiamate alle persone care, soprattutto se non usuali 
  • Fare accordi, regolare gli affari, chiudre conti correnti, spostare investimenti ecc..
  • Dare via oggetti, come beni preziosi, soldi ecc..



CAUSE CHE POTREBBERO PORTARE UNA PERSONA SULL’ORLO DEL PRECIPIZIO

 

  • Problemi finanziari
  • Mmorte di una persona cara
  • Fine di un rapporto affettivo 
  • Insorgenza di una malattia debilitante
  • Abuso di sostanze Più del 90 per cento delle persone che muoiono per suicidio rientrano in questa categoria 
  • Precedenti tentativi di suicidio
  • Storia familiare di disturbi psichici 
  • Presenza di altri suicidi in famiglia
  • Violenza in famiglia, tra cui abuso fisico o sessuale 
  • Presenza di armi da fuoco in casa; il metodo utilizzato in più della metà dei suicidi
  • Detenzione carceraria 
  • Esposizione al comportamento suicida altrui, come membri della famiglia, coetanei o personaggi dei mass-media 
  • Sentirsi socialmente isolati o avere pochi rapporti umani
  • Avere problemi legali
  • Essere di sesso maschile; gli uomini hanno più probabilità delle donne di portare a termine il suicidio perché utilizzano in genere mezzi più letali, come fucile o pistola 
  • Essere omosessuali con una famiglia non solidale o in un ambiente ostile
  • Essere un uomo di oltre .65 anni



CONSIGLI

Il suicidio è una soluzione definitiva ad un problema transitorio. Spesso passata la burrasca torna il sereno ma è importante che durante la forte perturbazione la persona non si senta sola. Il fatto di non trovare la via d’uscita non è perché essa non ci sia più, è piuttosto l’individuo sofferente che ha perso temporaneamente la “vista mentale” che gli permetteva di trovare le strade per orientarsi nel labirinto della vita, con i suoi inevitabili dislivelli talora anche molto terrorizzanti.

Va ricordato che quanto elencato sopra non sono necessariamente cause che portano a gesti estremi ma indicazioni da tenere sotto controllo. Spesso esistono una complessità di motivi soggettivi che spiegano certe azioni di auto distruzione pertanto una valutazione di uno specialista è opportuna tanto quanto il fatto che chi soffre cerchi aiuto, ne parli in famiglia con gli amici, con le associazioni di categoria o con uno psicologo.


PSICO BARZELLETTA

Un'escursionista entra in un bosco e vede un uomo appeso ad
un albero, con una corda intorno alla vita, che si dimena.
- "Ma cosa fa? Le serve aiuto?"
- "No, se ne vada! Mi voglio impiccare!"
- "E si mette la corda intorno alla vita?
Intorno al collo la dovrebbe mettere!"
- "Ci ho provato, ma mi soffoca..."

Commenta questa pubblicazione

Iscriviti o accedi per lasciare un commento

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Problematiche sociali"?

Domande e risposte

Figlia della ex compagna troppo presente

Salve, ho un problema, o meglio una invasione in corso!Da circa 9 anni sto insieme ad un compagno, ...

2 risposte
I miei genitori non accettano che io abbia una relazione con un non credente.

Cari dottori, sono in una situazione davvero esasperante. Ho 22 anni, vengo da una famiglia di crist ...

7 risposte
Anaffettività, è possibile?

Salve, sono un ragazzo di 20 anni con un passato non molto facile. Sono figlio unico, cresciuto con ...

9 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.