Psicoanalisi

La paura di essere se stessi

24 Novembre 2017

contattami

Condividi su:

Essere se stessi é una modalità comportamentale prevalentemente nascosta. In realtà, la paura di apparire ciò che si é senza apparenze mistificate o addirittura false identità, risiede nella "poca accettazione" di quel che si é realmente, si potrebbe dire, in gergo comune "senza veli".

La matrice di ciò va ricercata nell'ambiente familiare, soprattutto, nei primi anni di vita. Infatti, quando un genitore, ad un bambino troppo vivace comincia col definirlo "problematico" e, in ogni situazione in cui lui pecca di iperattività o di "essere distratto" - prevalentemente, in ambito scolastico - struttura, nella sua mente, lentamente, la consapevolezza di essere "problematico" ed alla fine, lui da adulto, in ogni circostanza si definirà tale.

Infatti, nel suo inconscio si sarà creata una simile convinzione e lui, tenderà a non essere più quello che é, ma cercherà di apparire come gli altri vorrebbero che fosse. É lapalissiano che, presentarsi al mondo esterno con una maschera, interiormente genera un disagio che, nel tempo, si cristallizza e, inevitabilmente si sviluppa uno stato nevrotico che si può manifestare nei modi più svariati: dall'ansia alla depressione, dall'anoressia alla colite spastica, gastrite, tachicardia e altro. Evitare tutto ciò, non é semplice però un ausilio sicuro é quello di affrontare se stessi con una consapevolezza di auto-accettazione ed una minore auto-critica, in quanto ogni essere umano é un prodotto d'amore e tale si deve sentire.

Se gli altri non lo hanno accettato e lo hanno reso insicuro, da dover cambiare il suo modus vivendi, é opportuno che egli si autoconvinca di "essere prezioso" pensando ad amarsi, a coccolarsi, guardando non se stesso con occhio critico, ma il mondo esterno che per "par  condicio" anch'esso non é perfetto e, spesso neanche migliore. Infine, se il disagio assale, é opportuno non indugiare e rivolgersi ad uno psicoterapeuta. La vita non può essere un cammino di sofferenza, ma un cammino, con percorsi semplici e percorsi ripidi, se non é vissuta con questa percezione qualche cosa va cambiata. 

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoanalisi"?

Domande e risposte

Capire se esiste un disturbo o di cosa si tratta

Salve, vi scrivo perché vorrei capire se esiste un problema oppure è nella norma, ...

5 risposte
Amore o fissazione?

Buonasera! Sono una trentenne che attualmente sta vivendo un periodo confuso della propria vita! Ho ...

3 risposte
Perché trovo che tutto quello che riguarda me sia inutile?

Trovo che tutto quello che faccio sia inutile nonostante cerco di andare avanti con la mia vita per ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.