Condividi su:

Il BENESSERE IN GRAVIDANZA IN ACQUA
Il Funzionalismo moderno affonda le sue radici nella pratica clinica, nella diagnostica, nell’analisi dei processi terapeutici e di cambiamento; ma anche nelle ricerche di tipo psicofisiologico, nello studio del bambino prima e dopo la nascita, nelle ricerche sul Sé nello sviluppo evolutivo, negli studi relativi al campo delle complesse relazioni mente- corpo; in una concezione della persona, dell’organismo umano, visti nella loro interezza.
Luciano Rispoli, Il Manifesto del Funzionalismo Moderno, S.E.F Edizioni

PRESENTAZIONE
Il Progetto Benessere in Gravidanza in Acqua, nasce dal forte desiderio di apportare un valido contributo di ricerca rispetto non solo i benefici che si possono ormai constatare comunemente in un“Percorso di preparazione al parto,  ma si è scelto in via sperimentale di  sfruttare le potenzialità e i benefici che l’acqua come elemento naturalmente ci offre.

Come sappiamo, il periodo della gravidanza è una tappa fondamentale, segna un importante passaggio ad un nuovo ciclo della vita, ( sia come famiglia qualora siano presenti già altri fratelli, sia all’interno della coppia (rapporto marito/moglie), e nell’acquisizione di un “nuovo”, atteso o inaspettato ruolo genitoriale , (madre-padre).
La donna in particolar modo vive una serie di cambiamenti fisici e psicologici  propedeutici per accogliere il nuovo nascituro. In questa riorganizzazione secondo il Neofunzionalismo Moderno e le Scienze Integrate ( Rispoli L. 2014) , il “Sé donna”,si riorganizzapositivamente o negativamente in nuove o già esistenti “Esperienze di base”(vissuti strettamente personali che caratterizzano la vita di ognuno di noi) diventando elementi predittivi per il benessere del futuro nascituro.
La metodologia della Psicologia Funzionale permette di affrontare in modo complesso il sistema vitale costituito dalla madre e dal bambino in interazione profonda, agendo in modo integrato su tutti i piani Funzionali del Sé, ( Cognitivo simbolico- emotivo-posturale - fisiologico).

Si opera a livello del cognitivo, fornendo informazioni su gravidanza e parto, ridimensionando convinzioni errate e fantasie paurose, spesso sciogliendo con la chiarezza le ansie indotte da medici e indagini mediche.
A livello della sfera dell’emotivo, si lavora lasciando spazio alle emozioni sia positive che negative connesse alla condizione stessa, elaborando un profondo contatto con l’emozioni attuali ed attese, rispetto all’ evento parto e permettendo alla donna di esprimere in gruppo quello che spesso non può esprimere fuori.
Si lavora sul posturale, non solo per correggere atteggiamenti, posizioni errate e contratture muscolari croniche, ma anche per aumentare la gamma di movimenti lenti e morbidi, utili per facilitare oltre che una maggiore integrazione fra madre e bambino in fase peri-natale e durante il momento della nascita.
Dal punto di vista strettamente  fisiologico, si opera in modo tale da ripristinare una respirazione diaframmatica profonda, spesso alterata che incide inevitabilmente sul sistema neurovegetativo sia della madre che del bambino, allentando l’ irrigidimento muscolare , volto a trattenere  tensioni e  rigidità.
Proprio attraverso una “respirazione diaframmatica profonda”, sia ha la possibilità di aprire le sensazioni sperimentando un maggiore contatto tra Sé e il bambino e conseguentemente una diminuzione di ansie e paure legate all’evento parto.
Il corso di accompagnamento alla nascita secondo la metodologia Funzionale, vuole essere uno spazio pensato oltre che per la donna per la coppia genitoriale,  un percorso  di interscambio con le figure professionali coinvolte, condivisione di esperienze, informazione- prevenzione,  per conoscersi meglio e  raggiungere una piena armonia con le proprie sensazioni fisiche, contrastando  ansietà e timori sarà più semplice accogliere il futuro nascituro in un ambiente sereno e sano.
Percorso di accompagnamento alla nascita e benessere in gravidanza in acqua è stato pensato per proporre una scelta alternativa alle tradizionali metodologie, permettendo alla donna gravida non solo di aprirsi ad un ventaglio di scelta rispetto il proprio benessere, ma allo stesso modo seguire un percorso di accompagnamento alla nascita  sfruttando come valido strumento per raggiungere  gli obiettivi prefissati, l’acqua.
L’OMS dà una definizione di Salute: Non solo assenza di malattia ma stato di completo benesserefisico, psicologico e sociale. E suggerisce che per arrivare a questo stato di benessere, non basta quindi curare maanche prevenire, informare, sensibilizzare, promuovere comportamenti sani e orientatial benessere. “Ma ‘benessere’ è anche qualcosa di più dell’utilizzare bene ciò che giàesiste (…): è anche la possibilità di sviluppare maggiormente le proprie qualità vitali, diampliarle, di raggiungere livelli di vita ancora più soddisfacenti"( Rispoli 2011, p.71).Il Benessere va costruito e preservato sin dall’inizio della vita, protetto nella crescita,mantenuto nell’età adulta e assicurato sino alla terza età. Rispoli sostiene che “per conservare vitalità e benessereanche da adulti, bambine e bambini debbano trovare protezione, calore, serenità, e soprattutto soddisfazione deiloro bisogni fondamentali; diversamente si formeranno pericolose alterazioni del nucleo profondo del Sé: perdita dicontatto con le capacità vitali, disagi, malesseri.


Acquaticità
Da sempre l’acqua attrae, sostiene, massaggia e avvolge. Fin dal concepimento siamo immersi in un liquido caldo ed il contatto con l’acqua evoca una molteplicità di piacevoli sensazioni, che ci accompagnano verso una dimensione di benessere e rilassamento. In acqua ci percepiamo molto più leggeri e le articolazioni lavorano con minor carico rendendo possibile d efficace il movimento. ( Piera Maghella)
L’ acqua è senza dubbio il luogo ideale per svolgere pienamente attività fisica in gravidanza determinando un immediato senso di leggerezza già nell’immersione e permettendo contemporaneamente l’utilizzo del corpo senza apportare nessuna restrizione rispetto il carico  di alcuni distretti corporei.
La condizione immediata di rilassamento è indotta dalla riduzione di ben 80% del peso corporeo se immersi fino al seno, del 90% con corpo in movimento e del 97% se siamo completamente immersi, creando una meravigliosa sensazione di leggerezza.
 I benefici sono notevoli è interessano tutto il nostro corpo

  •  Cambia l’effetto della gravità sul corpo
  •  Spinge il corpo verso la superficie
  •  Permette il galleggiamento,
  •  Offre sostegno al movimento degli arti
  •  Riduce la pressione sulle articolazioni
  •  Da sollievo alla colonna ed al bacino
  •  Sostiene in modo uniforme tutte le parti del corpo immerse
  •  Riduce il peso del corpo
  •  Riduce lo sforzo necessario per controllare le attività posturali
  •  Assecondando la spinta idrostatica si stimola la mobilità e la flessibilità
  •  Migliora il tono e la forza muscolare.

L’obbiettivo del percorso “Benessere in gravidanza acqua” è quello di integrare i benefici del percorso “Benessere in Gravidanza” seguendo la metodologia della Psicologia Funzionale, usufruendo  dunque, di un nuovo e antico elemento quale l’acqua,  da sempre amica della nostra salute.
Creare occasioni e luoghi d’incontro in cui donne che si avviano a vivere l’esperienza del parto possano ritrovarsi insieme e mettere a confronto il proprio vissuto: condividere le proprie paure con qualcuno. Avere la possibilità di esprimere liberamente apprensioni e aspettative in modo da sviluppare una maggiore fiducia in se stesse ridurre notevolmente lo stress.
Fornire informazioni sulla gravidanza, sul parto e sul neonato, per vivere con maggiore consapevolezza il periodo della gestazione del puerperio, affrontando al meglio i cambiamenti.
Allentare gli stati  d'ansia per il travaglio in modo che il dolore fisico non risulti amplificato dalla tensione generalizzata dei muscoli. Uno stato di tensione acuta, infatti, può influire negativamente sull'utero, fino a rallentare il processo della nascita o a renderlo più difficoltoso.

Prevenire i disturbi nel bambino, sia delle alterazioni funzionali precoci, che della situazione di integrazione originaria che possono agire direttamente sul bambino durante la gravidanza attraverso attività laboratoriale svolta in acqua, utile per sperimentare la capacità proprio-cettive corporee.
Ripristinare la  respirazione diaframmatica profonda, in grado di interagire sugli equilibri vegetativi e su quelli ormonali, è inoltre quella che permette di dare fisiologicamente il massimo dell’ossigenazione possibile a madre e bambino. Sfruttando la leggerezza che l’acqua conferisce al peso corporeo.
Riequilibrio della postura per incoraggiare movimenti lenti e morbidi e prevenire mal di schiena o pesantezza.
Indurre nella coppia genitoriale sentimenti positivi  rispetto l’attesa del concepimento, che deve essere considerato un'esperienza da vivere con pienezza da entrambi i genitori.
Nota: tutte le attività sono di tipo aerobico e saranno svolte in acqua .


RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

  •  Organizzazione mondiale della sanità (OMS, o World Health Organization)
  •  Neofunzionalismo e scienze integrate. Nuove frontiere di cura, prevenzione e benessere Rivista n2 2014
  •  Ecologia della nascita di M. Odent. Ed. Red
  •  Stringo i denti e diranno che ridodi R.Papa e R Arsieri Ed. Guid
  •  Per una nascita senza violenza. F. Leboyer (1974) Tascabili Bompiani, Milano, 1981.
  •  La scientificazione dell’amore. di M. Odent (1999) URRA, Apogeo srl, Milano, 2008.
  •  Il libro delle coccole.
  •  Il sorriso del corpo i segreti dell’anima, Luciano Rispoli.
  •  L’ esperienze di base Luciano Rispoli
  •  Corso di acquaticità per gestanti Piera Maghella.

 

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del benessere"?

Domande e risposte

Sono ossessionato dal sogno di diventare un bravissimo clarinettista

Mi presento, sono Riccardo Lollo e ho 16 anni... il mio più grande sogno è diventare ...

7 risposte
Ansia di non riuscire a fare alcunchè di positivo nella vita lavorativa

Buonasera, ecco il mio problema. Sono ansiosa, ho l'ansia di restare l'ultima rispetto agli altri...

6 risposte
Come posso uscirne da questa ansia che non mi fà piu' vivere?

salve mi chiamo angela ho 41 anni da 12 anni soffro di attacchi di panico e ansia..l' ansia si è ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.