Psicologia del benessere

Come affrontare vecchi ricordi che tornano a trovarti e dei momenti tristi legati all infanzia

Davide

Condividi su:

Buongiorno, mi chiamo Davide ho 30 anni un lavoro, una morosa. Sono sereno, ma a volte vecchi ricordi, insicurezze legate alla mia famiglia e rimpianti sempre legati alla mia vita passata mi fanno vivere giornate negative. Mio padre era alcolista e alzava le mani su mia mamma. I due si sono separati io e mia sorella siamo andati in affidamento poi anni dopo le cose si sono risolte. Noi 3 (io, mia mamma e mia sorella) siamo andati avanti anche se ho notato che dei 3 io sono quello più forte. Mia mamma ha trovato il suo equilibrio anche se vorrei vederla più felice. Mia sorella a causa di una delusione sentimentale e complice un carattere sensibile è caduta in depressione ed è in cura al cps del paese, purtroppo non ha una vita normale alle sue coetanee ma anch'essa ha trovato un suo equilibrio che purtroppo non include molta felicità. Infine mio papà dopo una breve malattia è morto l'anno scorso, erano 6 o 7 anni che non lo vedevo, lui viveva con la madre ovvero mia nonna e anche con lei non ho molto rapporto. Ora il mio problema vedendo questo quadro, è che rimpiango di non averlo visto prima che morisse.. Di non averci dato questa occasione.. Sia a me che mio padre. Inoltre mi chiedo se potrei o avrei potuto fare di più per far essere felice o più felice mia mamma e mia sorella. Se avrei potuto essere più uomo e avere potuto affrontare certi giorni col sorriso (giorni trascorsi quando i miei genitori erano gia separati e non c'erano più problemi di violenza in casa). Ed infine mi chiedo se io ho lo stesso gene di violenza che aveva mio padre perché a volte mi capita di perdere la pazienza (soprattutto con mia mamma) trattandola anche male.. Magari rispondendole male(naturalmente nient'altro di più) .. Purtroppo io vedo che lei non è più felice e serena, credo si senta d'aver un po fallito con mia sorella ecc e quindi mi arrabbio perché vorrei vederla più forte come un tempo.

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Buongiorno Davide. Potrebbe essere utile indagare la frequenza e l’intensità con le quali questi pensieri riaffiorano nella sua mente e quanto influenzano la sua giornata quando le causano tristezza.
In secondo luogo, anche tutti gli aspetti della sua famiglia che riporta potrebbe essere utile indagarli in terapia per capire il vostro funzionamento ed arrivare a comprendere quali meccanismi  profondi la abbiano portata a questa sofferenza.
Potrebbe esserle utile una terapia con questi obiettivi e volta alla rielaborazione dei significati che ha attribuito al lutto e al malessere di sua sorella e di sua madre, per i quali non deve comunque sentirsi in colpa. Ci sono situazioni che prescindono dalle nostre azioni in un primo momento e ciò che possiamo fare è provare, con il tempo, a cambiare l’approccio e lo sguardo che vi rivolgiamo per affrontarle in modo migliore.
Se volesse intraprendere un percorso di supporto con questi obiettivi, mi rendo disponibile per colloqui più approfonditi ed adeguati al suo specifico caso.
Cordialmente,
dott. Alfonso Panella.

Salve Davide, mi dispiace per la situazione e il disagio espresso e comprendo quanto possa essere complesso per lei.


Potrebbe essere utile ritagliarsi un suo spazio di ascolto, avviando un percorso di psicologico in cui approfondire e lavorare sugli aspetti legati al passato e che la guidi nell’elaborazione dei suoi vissuti emotivi, oltre che nell'individuazione di strategie utili a gestire i momenti emotivamente più difficili. 


Cordiali saluti, Dott.ssa FM.

ve Davide, mi dispiace moltissimo per la situazione passata che ha descritto poiché immagino la sofferenza che possa aver vissuto da bambino ed il disagio che sta sperimentando attualmente.


Credo che lei abbia fatto molto di più di ciò che poteva fare: non può pensare di riuscire a fare tutto da solo, anche lei ha un carico emotivo importante da elaborare ed, anzi, avrebbe avuto bisogno lei di qualcuno che si prendesse cura di lei.


Comunque, credo che un consulto psicologico possa esserle d'aiuto per elaborare pensieri e vissuti emotivi connessi alla sua non facile infanzia, approfondire con ulteriori dettagli e soprattutto trovare strategie per fronteggiare i momenti particolarmente problematici onde evitare che la situazione possa irrigidirsi ulteriormente.


Resto a disposizione, anche online.


Cordialmente, dott FDL

Gentile Davide,


come prima cosa noto la sua grande determinazione, introspezione ma anche voglia di non essere solo "il più forte" ma anche una persona che si possa vivere il momento.


Quando avviene un lutto importante come la morte di un padre spesso insorgono sensi di colpa, paure, ecc. Come mai prima non si sentiva di vederlo? E' riuscito negli anni a riformulare il vissuto infantile? Non si giudichi in negativo ma stia soprattutto su cosa fare adesso per lei come persona, compagno e figlio.


Leggendo pensatezza e confusione personale le consiglio di valutare un percorso di psicoterapia individuale per riscoprire se stesso, le sue fragilità ma anche le sue risorse personale. pian piano magari anche ritrovare una completa serenità e una strada di vita meno tortuosa e più lineare.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive, eventuale consulenza o se volesse rispondere in privato alle domande poste.


Le auguro di trovare presto una soluzione al suo problema.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del benessere"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a dialogare con me stesso

Buonasera, sono un giovane di Napoli che da qualche tempo (probabilmente sin da piccolo), non &egrav ...

3 risposte
È normale che faccia male?

Ho realizzato di essere lesbica poche settimane fa e penso di averlo da sempre saputo! Però ...

4 risposte
Genitori oppressivi

Buongiorno sono una ragazza di 22 anni e mia madre non mi fa vivere. Non vuole che abbia un fidanzat ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.