Psicologia del benessere

Psicologia del mal di denti e del sorriso

03 Marzo 2015

contattami

Condividi su:

Psicologia del mal di denti e del sorriso

Socrate diceva: “le parole devono superare la barriera dei denti”.
per cui può essere che quando non  abbiamo coraggio di pronunciarle, le parole che non fuoriescono dalla bocca, si trasformano in male ai denti.

Il dente che si deteriora, che emette un segnale doloroso o crea  problemi è soprattutto un segnale d’allarme che il corpo manda e che dice:“ attenzione, c’è un campanello d’allarme che suona in un ambito della tua vita, un’emozione che non esprimi, un pensiero che hai paura di esprimere o credi di non aver diritto di esternare… “.

Così può essere che ogni attacco ai denti (carie, piorrea …) siano l’espressione di una carica emozionale che non ha potuto essere espressa verbalmente.  Viene da se quindi che Come il resto del nostro corpo, i nostri denti traducono il nostro stato d’animo.

Ogni malattia esprime anche una sofferenza psichica; corpo e mente nel linguaggio psicosomatico, sono due facce della stessa medaglia.
Se i dolori del corpo sono le parole dell’anima, quelli dei denti lo sono ancora più chiaramente dato che i denti e quindi la bocca sono espressione della parola, che è la forma di linguaggio più tipica nell’ambito della comunicazione.

Si dice che quando sogniamo di perdere un dente, un parente verrà a mancare;  non è vero che succederà, ovviamente, Sono detti popolari privi di ogni validità scientifica.

Però un collegamento c’è, perché i denti, oltre che della parola, sono l’organo della forza fisica e del vigore; coi denti la tigre “sbrana” la sua preda e, digrignandoli, spaventa il suo avversario.

Il dente è quindi non solo l’organo del sorriso, ma anche quello con cui manifestiamo la nostra forza, la nostra volontà di aggredire ma anche di difenderci.

Ci sono persone infatti che sorridono spesso, ma non è detto che lo facciano per puro piacere; può essere che lo facciano più per scaricare una tensione interna o magari inconsciamente per manifestare verso l’altro una forma di disagio o fastidio, o addirittura di minaccia, qualora le emozioni sottostanti al sorriso, fossero spiacevoli o legate a un sentimento di paura.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicologia del benessere"?

Domande e risposte

Preoccupazione

Ciao a tutti, ho paura che le poche cose che ho nella vita finiscano o che durino troppo breve, sono ...

5 risposte
Ottimismo in mezzo al nero

Buongiorno, sto cercando qualcuno che mi aiuti ad avere una visione ottimistica della vita, che mi ...

1 risposta
Un interminabile senso di vuoto..

Sono una ragazza di 20 anni, con la testa sulle spalle, forse troppo per la mia età ( ho 20 ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.