Condividi su:

Il giudizio degli altri…

 Quello che gli altri pensano di noi, sono solo pensieri degli altri, dettati dal giudizio critico della mente; se li facciamo nostri, rischiamo di offenderci e di ferire la nostra anima.

Come possiamo non essere condizionati dal giudizio degli altri, come se fosse un fantasma che ci perseguita? Forse provando, per primi, a sospendere il giudizio su noi stessi, a non essere troppo severi, attribuendoci colpe delle quali non siamo responsabili.

Nella vita non siamo in un’aula di tribunale, non esiste alcuna colpa da espiare ma solo una verità da difendere: la verità che appartiene ad ognuno di noi, con la propria esperienza di vita vissuta e da vivere, con i propri sogni e speranze e un’unica responsabilità, quella di conoscere la propria natura e rispettarla.

Se riusciamo ad essere “immuni” al giudizio degli altri, ci allontaniamo da quell’immagine di noi riflessa nei loro occhi, nella quale rischiamo di identificarci, e possiamo rivolgere uno sguardo sincero su chi siamo.

Caterina Mauceri

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Domande e risposte

Psicoterapia e giocosità

Salve, mi sono reso conto che un elemento per me imprescindibile in un rapporto psicoterapeutico, ...

4 risposte
Andarsene di casa: significa davvero voler fuggire?

Salve a tutti, sono un ragazzo di 22 anni e sto pensando di andarmene di casa. Sono in terapia da ...

6 risposte
Lo xeplion è indicato per la sindrome di Asperger?

Salve sono un ragazzo di 26 anni affetto da SA, lo psichiatra mi ha prescritto lo xeplion, ma andand ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.