Condividi su:

“La repressione dell’ombra fa di noi delle persone a metà: l’ombra ci rammenta la nostra incompletezza. Basta guardare i contenuti dell’ombra perché la luce penetri nelle tenebre.”

(Marie Louise Von Franz)

 

L’ombra è quel regno che non viene illuminato dalla luce della coscienza, è quindi buio e inconsapevole; rappresenta la persona che abbiamo scelto di non essere, tutto ciò a cui non è stato possibile esprimersi, parti di noi che abbiamo allontanato e che restano marginali. 

L’ombra è l’archetipo della “vita non vissuta”: Jung la definisce la “coscienza dell’ombra”, quel volto di noi che non riusciamo ad accettare e che neghiamo a noi stessi.

Chi diviene conscio della propria ombra, si avvia verso il cammino della propria individuazione. Chi impara a conoscerla e a viverla, si risveglia, diventando più autentico, naturale, umano, completo.

 

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Psicoterapia"?

Domande e risposte

Psicoterapia e giocosità

Salve, mi sono reso conto che un elemento per me imprescindibile in un rapporto psicoterapeutico, ...

4 risposte
Andarsene di casa: significa davvero voler fuggire?

Salve a tutti, sono un ragazzo di 22 anni e sto pensando di andarmene di casa. Sono in terapia da ...

6 risposte
Lo xeplion è indicato per la sindrome di Asperger?

Salve sono un ragazzo di 26 anni affetto da SA, lo psichiatra mi ha prescritto lo xeplion, ma andand ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.