Condividi su:

Faccio mie le parole di Adrian Wells, professore di Psicopatologia Clinica e Sperimentale all’Università di Manchester, con alle spalle 130 articoli scientifici e più di 20 anni di ricerca sul trattamento metacognitivo dei disturbi d’ansia e depressione, per condurvi a riflettere su questo aspetto: “chissà quante centinaia di pensieri hanno investito la nostra mente finora?!”. Alcuni di essi saranno stati piacevoli, altri meno. E tutti questi pensieri avranno avuto un impatto sul nostro funzionamento psicologico. Noteremo anche che tutti questi pensieri possiedono vita breve, non perdurano nella nostra mente ma scorrono via. I pensieri appaiono e scompaiono come un naturale processo di autoregolazione. Tuttavia i pensieri non sono sempre gentili o funzionali. Spesso la loro natura risulta ripetitiva, autoperpetuante, trascinandoci  all’interno di una catena di pensieri che diventano preoccupazioni, che diventano rimuginio. Insomma i nostri pensieri si affollano nella nostra mente senza che siano stati smaltiti. Il processo di smaltimento, di selezione e controllo dei pensieri lo dobbiamo alla metacognizione ovvero quei processi cognitivi che garantiscono un salutare rapporto con i nostri pensieri e le nostre esperienze interne.

Commenta questa pubblicazione

Condividi su:

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Terapia Cognitivo Comportamentale"?

Domande e risposte

Comportamento infantile e effeminato a 9anni

Buonasera, mio figlio ha 9 anni e mezzo ha un ritardo mentale lieve, ha un insegnante di sostegno a ...

1 risposta
Come posso darmi un limite?

Salve, sono una ragazza di 24 anni, da quando sono adolescente nel weekend ho l'abitudine di bere ...

6 risposte
Le mie parole non corrispondo al mio pensiero

Buongiorno, sono una dislessica "compensata", come si dice. Mi è stata diagnosticata una ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.