Adolescenza

Ultimamente mi sento persa e non soddisfatta di tutto ciò che faccio.

Aleksandra

Condividi su:

Ciao, mi chiamo Aleksandra e sono una ragazza di 18 anni. Sono una ragazza che va al liceo linguistico, e sono all'ultimo anno. Premetto di non essere una delle migliori riguardo la scrittura, quindi è possibile che non capiate qualcosa perchè non è stato spiegato bene. Vi scrivo semplicemente per chiedervi un aiuto. Ultimamente mi sento persa e non soddisfatta di tutto ciò che faccio. Non ho più voglia di studiare, non ho più voglia di uscire a fare una camminata, non ho più voglia neanche di parlare con le persone. Sono sempre stata una ragazza timida,introversa,indecisa e molto insicura sia per il mio carattere che per il mio aspetto fisico( quando avevo 15 anni ero sovrappeso e stufa di essere presa in giro da tutti, sono dimagrita un po'). Il problema è che arrivata a questa età il fatto di essere così sola, non avere amici o neanche avere almeno un/a amico/a mi fa stare male a tal punto che molte volte mi metto a piangere. Tutte le ragazze che conosco, sono felici, escono ogni sabato sera, hanno un ragazzo, hanno diciamo un “rapporto“ con i parenti. Io non riesco ad avere neanche quello. Ma non è colpa loro, credo sia colpa mia perchè non riesco ad aprirmi o non so neanche il motivo. Inoltre, non so perchè ma questo periodo è orribile,sono arrivata al punto di pensare se ha senso vivere o no ( per il fatto di rimanere così sola, e non riuscire più a fare niente). Forse sembrerà scontato detto così, ma io seriamente, voglio essere felice, voglio avere dei bei voti, essere contenta ed apprezzare il mio corpo, e perchè no, anche un gruppo di amici che mi apprezza per quello che sono. Non voglio allungarmi tanto, ma ci sarebbe ancora tanto da dire. Spero di essere stata chiara sul mio problema. Intanto, aspetto una vostra risposta.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Aleksandra,


in realtà sei stata molto chiara ed incisiva nel descrivere il tuo malessere, nel poco spazio che consente questo contesto. Molto più difficile è darti una risposta altrettanto incisiva su cosa c'è alla base delle difficoltà che stai attraversando; servirebbe un'indagine più approfondita sulla tua storia personale e familiare e, del resto, tu stessa sei consapevole che c'è molto altro da approfondire.


Mi sembra di aver capito che queste tue difficoltà vanno avanti ormai da un po' di tempo, probabilmente da anni, perciò penso sia giunto il momento di rivolgerti ad un professionista della tua zona (puoi farlo anche attraverso la scuola, oppure tramite il Consultorio della tua città, il servizio è gratuito), che ti aiuti ad affrontare le tue insicurezze, ma anche a riconoscere e riattivare sia le tue risorse personali, che sociali e relazionali dei tuoi contesti di vita (famiglia, scuola, gruppi sportivi o parrocchiali, ecc...), che al momento non riesci ad individuare.


Mi sembri una ragazza in gamba e determinata (come dimostra anche il tuo essere riuscita a dimagrire) e sono convinta che, con l'aiuto di un professionista e con la tua motivazione, potrai ottenere dei buoni risultati.


Un grande in bocca al lupo!

Cara Aleksandra,

è stata chiarissima nell'esporre le sue difficoltà, con coraggio e trasparenza. Sembra, da una prima impressione, che la timidezza come fattore caratteriale e l'incerta autostima dovuta ad un disagio con l'immagine corporea, abbiano generato una chiusura verso gli altri che via via è diventata sempre più difficile da combattere. Detto questo, tuttavia, non è presto fatto, potrebbero esserci altre ragioni che alimentano le radici di questo malessere, ed è importante porvi un'attenzione concreta, non trascurando i suoi desideri più profondi. Mi ha molto colpita la sua affermazione "ma io seriamente, voglio essere felice, voglio avere dei bei voti, essere contenta ed apprezzare il mio corpo, e perchè no, anche un gruppo di amici che mi apprezza per quello che sono", così carica di energia e di intenzioni positive che devono trovare soltanto il giusto sostegno per esprimersi. 

Sembra che sia finalmente pronta ad "uscire dal guscio" e incontrare il mondo con tutte le sue sfumature. 

Credo che un percorso di sostegno psicologico possa esserle utile per prendersi cura dei suoi bisogni, attraverso l'aiuto di una figura competente che affronti insieme a lei queste difficoltà. 

Tanti cari auguri!

Salve, la mia risposta è questa. Le consiglio di cerare un collega nella sua città e di continuare ad approfondire con lui o lei, quanto ha raccontato e scritto. Scrive infatti che c'è ancora molto da dire e farlo in uno spazio privato, con più tempo e possibilità di essere seguita, può sostenerla ed aiutarla. Lei si descrive una persona timida, le faccio i miei complimenti per aver trovato il coraggio di eprimersi pubblicamente sul sito e chiedere aiuto. E' stato il primo passo avanti per il cambiamento. Coraggio. Spero di esserle stata di aiuto. Cordiali Saluti.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mio figlio non stringe amicizie

Buonasera, sono una mamma separata con due ragazzi di 15 e 13 anni. Il più grande, pur non ...

4 risposte
mia figlia non socializza più

Grazie per avermi accolto. Mia figlia di 12 anni è stata sempre una bambina estremamente ...

4 risposte
Mio figlio di quasi 14 anni non riesce a dormire nel suo letto

Buonasera, sono una madre divorziata da quando mio figlio aveva sei anni. Sono molto presente nella ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.