Adolescenza

Un solo motivo per vivere? Io non ne trovo.

Davide

Condividi su:

Salve dottori, sono un giovane ragazzo di 19 anni che all'incirca dall'età di 11 ha cominciato ad avere un umore non proprio positivo.
Vi dico anche che non ho cominciato a conoscere il dolore ad 11 anni, ma fin dalla tenera età avevo avuto a che fare con la sofferenza: forse ad 11 anni ne ero semplicemente più consapevole.
Sono in cura da qualche mese presso un centro Psico-sociale alternando sedute con la psichiatria a sedute con la psicologa (per il momento gli psicofarmaci non sono sopra il mio comodino), ma comunque andavo in terapia già dai 17 anni.
Sono un ragazzo che passa una settimana tra l'apatia interna e la teatralità esterna, e quella dopo in un completo stato depressivo e ansiogeno.
Vivo con molte paure e penso che la più importante sia la paura di perdere il controllo.
In merito a quest'ultimo so anche dire le ragioni (le sedute di terapia servono e le consiglio vivamente a chiunque): i miei genitori, due eterni Peter Pan, se ne sono da sempre lavati le mani del mio benessere, sacrificandolo per il loro.
Non ho mai avuto le spalle coperte e non ho mai sentito qualcuno che da dietro mi tenesse, lasciandomi in un perenne stato di allerta...
Come se tutti volessero infilarmi un coltello nel cuore da un momento all'altro.
Oltre a questo, i miei genitori non mi hanno mai accettato per come sono, mi hanno sempre fatto sentire sbagliato perché sono sempre stato un ragazzo effeminato, che privilegiava le bambole alle macchinine e i vestiti sfarzosi al calcio.
Hanno sempre tentato di reprimere la mia personalità e il mio sorriso perché volevano fossi una persona che non sono.
Quindi vedendomi in uno stato sospeso, senza alcun aiuto, mi sono rimboccato le maniche a 6 anni (ovviamente inconsciamente) e ho iniziato a controllarmi, fino a quando la mania del controllo non ha iniziato ad uccidermi l'anima.
In questo clima, le mie relazioni interpersonali (specialmente con i ragazzi) sono sempre state nulle se non orribili.
Non ho mai avuto un amico maschio per cui non avessi provato un qualche tipo di infatuazione o attrazione amorosa; penso per il mio bisogno di riconoscere una figura amorevole e paterna altrove, visto che da mio padre potevo prendere solo che mi desse 10 euro a settimana.
Ovviamente, tutte queste relazioni con il sesso maschile si sono rivelate fallimentari, e più vado avanti più mi deludono, portandomi sempre di più verso la diffidenza assoluta e confermando la mia tesi inconscia di vita: "Non perdere il controllo perché altrimenti soffri."
Se chiedeste a tutti i ragazzi che hanno conosciuto come sono fatto, loro vi direbbero: ossessivo, problematico, brutto, feticista (perché oltre a tutto ciò ho anche un parzialismo sessuale), strano, indeciso e manipolatore...
Sicuramente ho un bella lista di etichette e insulti, che potrebbero essere veri, ma in mia discolpa posso solo dire che cercavo amore.
Cercavo e cerco qualcuno che mi accetti, che mi ascolti, che non mi ripeta ogni due secondi quanto sia sbagliato e che mi voglia bene così come sono.
Ma purtroppo così non avviene...
Inoltre non esco spesso, o almeno, non come i miei coetanei.
Amici maschi mai visti e amiche femmine poche (ma buone, almeno quello.)
E ho ancora numerosi inoltre: non vado bene a scuola, sono arrivato a 41 assenze perché alcune mattine non ho minimamente voglia di alzarmi dal letto.
Ora, io mi chiedo...
Perché vivere? "Perché la vita è bella."
La vita di un altro sarà bella, la mia vita fa egregiamente schifo.
Mi domando spesso perché non mi uccida e ponga fine a me e al mio disastro di vita, poi spero...
Spero in qualcosa che non esiste, a quanto pare.
Ho deciso che se non trovo un buon motivo per vivere io me ne vado.
Perché non ce la faccio più.
Non sono adatto per stare al mondo.
E vorrei tanto che qualcuno mi abbracciasse, senza la paura che da un momento all'altro mi pugnali alle spalle, per dirmi che mi sbaglio e che non faccio così schifo come penso.
(scrivo qui non perché non mi fidi della mia terapeuta, ma perché avevo urgente bisogno di sfogarmi).

Con tanto affetto e dispiacere, D.

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Ciao Davide, mi spiace davvero tanto leggere tanta sofferenza nelle tue parole. Capisco quanto debba essere difficile per te dare un senso a tutto questo, ma a me sembri una persona davvero straordinaria. Scusa se te lo domando: hai mai intrapreso una terapia familiare? Magari di pari passo a quella individuale? Un caro saluto e un grande in bocca al lupo per tutto, ti auguro di trovare finalmente un abbraccio sincero.

Gentile Davide,


il tentativo di controllo è qualcosa di destinato al fallimento perchè la vita è fatta di molte cose su cui non possiamo avere il controllo. Comprendere e accettare questo significa accettare la vita in tutte le sue sfaccettature, non in senso passivo e fatalista ma  imparare a cogliere ciò che di buono ha da offrirci e a trasformare le esperienze negative in apprendimenti che ci saranno utili in futuro.


Per tanto tempo ha affrontato da solo tutto questo dolore ed in questo è stato molto coraggioso ma un coraggio ancora maggiore lo ha dimostrato chiedendo aiuto: questo è il primo importante passo per arrivare a dare una risposta alla domanda che ci ha formulato, trovare almeno un motivo per vivere.


La risposta a questa domanda è sua, personale, nessuno può fornirgliela ma può essere guidato ed accompagnato in questo viaggio di scoperta di se stesso perciò continui nel percorso di psicoterapia che ha intrapreso, non si lasci scoraggiare dalle difficoltà che incontrerà lungo il suo cammino. Anche se potrà volerci del tempo, sono sicura che troverà la risposta a questa domanda e che, anzi, troverà  più di un solo motivo per apprezzare la vita!


Un grande in bocca al lupo!

Carissimo Davide,


davvero il dolore che porti e’molto pesante come un macigno, ma riscoprire il senso della propria vita è un’esperienza non soltanto tua, ma di ogni essere umano. Anche la tua vita ha un senso non solo per chi ti ha messo al mondo ma anche per gli altri, al di là di essere perfetti o no, o di piacere o non piacere per quello che si è. Ciò che essenziale in questo momento per te è imparare ogni aspetto di te e riuscire a ritrovare un equilibrio che non sei riuscito ad avere in assenza di un adeguato sostegno specifico da parte dei tuoi genitori, parenti o amici. Non ti chiudere in te stesso e cerca di circondarti di persone con cui ridere e poter trascorrere momenti di leggerezza, di piccole cose che ti permettono di vedere il sole in questo tuo cielo nuvoloso, ombroso. Dietro le tue nuvole esiste il sole. Ti auguro di poterlo intravedere e gustare. Grazie che esisti non solo per te stesso, ma anche per gli altri.


Un cordiale saluto

Guarda, e' raro che io risponda,ma nel tuo caso mi e' proprio venuto spontaneo dirti che, per la tua eta' trovo che tu scriva bene, non dico in senso letterario, ma semplicemente in modo chiaro e sintatticamente e grammaticalmente corretto. Certo c' e' un po' troppa enfasi espressiva ma non sono un critico letterario. Quindi volevo solo suggerirti, prima di andartene ( dove poi in un probabile nulla cosi' nulla da non poterlo neanche percepire come tale? allora tanto vale giocarsela qua) di provare un pò a sviluppare questo ed eventuali altri aspetti espressivi della tua personalita'. Non si sa mai ....potrebbe valerne la pena.
Ciao

Caro Davide 


Il motivo per vivere è la tua stessa vita. Il controllo del mondo esterno purtroppo non ci appartiene e non deve appartenerci. Ma ci appartiene la nostra vita che ha un valore assoluto e trovare la consapevolezza che dietro ad un nostro disagio c'è nient'altro he la natura umana ed emozioni che non chiedono il permesso di esprimersi ma a volte ci travolgono. Cerchi un percorso che la aiuti a scoprire quanto è bello amare se stessi e credere di avere i messi per ritrovare la serenità. Perché lei ha in sé tutto il necessario per credere chela sua vita può solo andar bene perché è lei stesso ad avere la cosa più bella che le serve.


 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Informare un adolescente di un tradimento.

Ho un marito che mi sminuisce e parla male di me a mia figlia adolescente; Non gli dice mai di no ...

5 risposte
Come posso risolvere il problema con i miei genitori?

Ciao, sono Ilaria e ho 18 anni. Il mio problema sono i miei genitori: mia madre è sempre ...

4 risposte
Come aiutare mia figlia?

Questa sera mia figlia 15 anni mi ha confessato di non stare bene nel suo corpo,è un po' ...

22 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.