Adolescenza

Violenza verso il padre di adolescente

berardino

Condividi su:

Io e mia moglie siamo una coppia sposata da 25 anni e abbiamo un figlio unico di 15 anni al quale abbiamo riversato sempre amore, valori e attenzioni. Fino ai 13 anni e' stato un figlio amorevole e non ci ha dato mai problemi, incentivandolo a fare sport (calcio) che frequentava/frequenta con passione. Anche a scuola fino alla 2^ media aveva un profitto medio/alto. I problemi sono nati durante il primo lockdown, quindi intorno a marzo del 2020. Inspiegabilmente (ma poi ce lo siamo spiegati) non aveva piu' voglia di studiare e stentava ad alzarsi per le lezioni in dad. tutto questo fino a giugno (chiusura delle scuole). Il 22 giugno scopriamo in casa 6 dosi di majurana. Da quel momento gli togliamo l'accesso ai soldi e altre restrizioni. Abbiamo capito che da febbraio/marzo fino all'estate ha fatto un'uso massiccio di majurana (fino a 3 sigarette di 1 grammo l’uno al giorno) e associato anche all'abuso di alcool. Dopo le restrizioni e' iniziato a diventare violento soprattutto nei miei confronti (padre) in quanto ho dovuto ricorrere ai carabinieri nel tentativo di farlo solo spaventare. Questo non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Un effetto positivo che e' sortito e' che c'e' stato un allontanamento di amicizie brutte che lo hanno allontanato per non avere problemi con le forze dell’ordine. Premetto che lui aveva disponibilità economica dovuti a soldi ricevuti durante le ricorrenze (circa 2.000 euro) e raccolti negli anni. il nostro errore e’ stato quello di avergli dato accessibilità, ma non credevamo mai che potesse accadere questo. abbiamo scoperto che frequentava amicizie anche molto piu' grandi di lui fino ai 25 anni (che gli fornivano la majurana). A luglio si era convinto di intraprendere un percorso terapeutico da una psicologa, che e' naufragato nel momento in cui e' stato ascoltato da altra psicologa dei servizi sociali per conto del tribunale dei minori dei potenza (la pratica poi e' stata archiviata). da quel momento in poi non ha voluto piu’ saperne.
Sappiamo, perche’ abbiamo messo sotto controllo il suo telefono, che lui parla di questa situazione presso i suoi amici come fatto di orgoglio anzichè di vergogna. crediamo per meravigliarli e mettersi al centro dell’attenzione. In queste discussione a me (padre) ne parla in maniera da deriderisione.
Sappiamo che da settembre fino ad oggi non ha fatto piu’ uso di sostanze. A settembre ha iniziato la scuola (liceo classico) convincendolo a fare questa scelta piu’ che altro per allontanarlo dalle vecchie amicizie (nel pese ci sono solo due scuole liceo classico- tecnologico).
Da settembre e fino ad oggi ci sono state forti discussioni sfociate in violenza nei miei confronti nel momento in cui abbiamo cercato di evitare uscite in orari non consoni ore 23.00.
Gli abbiamo comprato un cane e un motorino come promesso a seguito della scelta della scuola liceo. Questo pero’ ci da preoccupazione perche’ e’ motivo di avvicinamento delle precedenti amicizie, anche se questo non sta avvenendo.
Il problema ora e’ che abbiamo perso il controllo nel potergli dare delle regole e mia moglie (che e’ quella che ascolta un po’ di piu’) un po’ riesce ad imporsi un po’ di più, a non piu’ di tanto.
non sappiamo proprio cosa fare e a chi chiedere aiuto. Temiamo un prossimo evento di violenza fisica che non sappiamo come possa degenerare. purtroppo come famiglia siamo solo noi senza parenti.
Nostro figlio verso gli estranei o fuori della famiglia non e’ per nulla quello che assume in famiglia. Ha un carattere che vuol apparire grande ma di fatto e’ ancora bambino solo che lo esprime con la violenza.
Vorremo una qualche idea o suggerimento su cosa fare perche’ ci sembra di aver esaurito tutte le possibilita’.
Grazie per avermi ascoltato

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve, premesso che l’adolescenza è un periodo della vita molto delicato, in cui la persona si trova ad affrontare una transizione, tra l’età infantile e quella adulta, in cui dovrà gettare necessariamente le basi sopra le quali costruirà la sua personalità adulta; se i genitori sono importanti come modello educativo, nel conseguimento di questo processo, lo è altrettanto il gruppo dei pari, in quanto col passare del tempo acquisisce sempre maggior importanza nei modelli di riferimento dell’adolescente.


Le faccio i complimenti nell’essersi rivolto alle forze dell’ordine, in quanto di fronte a un comportamento violento non vi siete piegati e, in questo modo, avete mandato il chiaro messaggio che a ogni azione c’è una reazione, dove il ragazzo si è dovuto assumere le responsabilità del suo comportamento.


È noto che l’uso protratto della cannabis può causare un calo motivazionale, rendendo il soggetto apatico, anedonico, disinteressato verso la realizzazione di obiettivi, con la tendenza a procrastinare gli impegni e le responsabilità. Viste le chiare difficoltà di portare il ragazzo in terapia, quello che io mi sento di consigliarvi, caldamente, è un percorso di “terapia indiretta”, ovvero che agisca sul ragazzo attraverso le sedute che voi genitori farete (senza la di lui), in questo modo si verranno a creare dei piccoli cambiamenti che a partire da voi, tramite un “effetto a cascata”, andranno a ricadere all’interno del clima famigliare e, inevitabilmente, causeranno anche dei cambiamenti su vostro figlio.


Cordiali saluti Dr. Marco Maiani

Gentile Signore,


tratto bambini e adolescenti.


Le scrivo perchè la sua lettera mi ha sollecitato una certa preoccupazione e credo sia opportuno mettersi subito al lavoro.


Se suo figlio non vuole andare in terapia potreste cominciare con l'andarci voi, lei e sua moglie, e poi vedere nel tempo cosa accade.


Potrebbe darsi che ad un certo punto anche il ragazzo  decida di seguirvi. Ad ogni modo, anche se così non fosse il vostro lavoro sarebbe comunque importante per tutta la famiglia e aprire nuove strade.


Non so in che città risieda, se vuole può contattarmi, sarò lieta di darle indicazioni e di parlare, senza impegno, con lei.


La saluto cordialmente augurandole buone cose per il vostro futuro


Carla Masolino

Gentile Berardino,


come prima cosa complimenti per cercare in tutti i modi di aiutare vostro figlio.


Come mai dopo il colloquio coi servizi sociali non è più voluto andare dalla psicologa privata?


Lui quale motivazione ha dato per l'inizio dell'uso di sostanze stupefacenti e per l'alcool?


Come è tra di voi il clima in casa e la comunicazione?


Tenete in considerazione anche il fatto che è in "piena" adolescenza e si sta mettendo alla prova, sta cercando di strutturare la sua identità ma anche la sua forza, la socialità nei gruppi amicali e quanto lui si possa spingere oltre senza che voi lo "lasciate" solo o non intervenite.


Anche se adesso riniziare è difficile dovreste cercare di spigargli "col cuore in mano" le vostre paure e preoccupazioni ma anche fargli presente che voi sareste pronti e vorreste col tempo dargli fiducia. Fargli capire che quello è stato un momento e che tutti insieme si potrebbe anche ripartire e più forti di prima. Quando date una regola o un " no" cercate sempre di immedesimarvi in lui e di spiegare che potreste capire lo stato d'animo x ma che secondo voi si deve fare "così.... citando l'argomento specifico" per questi motivi. Alla fine chiedere anche a lui cosa ne pensi? Prova un attimo a fermarti come abbiamo fatto io e mamma o io e papà e ragionare non solo su di te ma anche per noi come genitori.


Ci vuole tempo, costanza, determinazione ma anche molta forza.


Vi consiglio di provare ancora con un supporto psicologico individuale essendo per di più minore. I colloqui sono sempre coperti da segreto professionale ma sono anche previsti degli incontri di restituzione alla famiglia ogni tot tempo stabilito insieme.


Se, invece, lui non fosse d'accordo proponete voi una terapia famigliare dicendo che ne avete proprio bisogno voi e che avete anche bisogno di lui. Può essere comunque sempre un modo dove il nucleo viene accolto e aiutato. Inoltre, è sempre più "semplice" provare a mantenere la calma in questo contesto piuttosto che non a casa.


Resto disponibile per informazioni, richieste aggiuntive o se volesse rispondere in privato alle domande poste (per poterle dare un rimando più dettagliato) e/o per una eventuale consulenza online.


Cordialmente


Dott.ssa Federica Ciocca


Psicologa e psicoterapeuta


Ricevo a Torino, provincia (Collegno) e online

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Adolescenza"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Sconforto per scelta universitaria

Buongiorno, sono una studentessa di 19 anni, da poco diplomata al liceo scientifico con pieni voti...

2 risposte
Figlia adolescente introversa

Da qualche tempo sono molto preoccupata, mia figlia quasi 14 anni non ne vuole sapere di relazionars ...

2 risposte
Mia figlia ha bisogno della mia presenza per dormire

Mia figlia di dodici anni ha ancora bisogno della mia presenza per dormire. La sera andiamo tutti a ...

6 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.