Famiglia e bambini

Il mio ex marito mi tratta come una sconosciuta e sto subendo da parte sua continui martiri

ANNA

Condividi su:

sto cercando aiuto da un po' per una stanchezza di vita che oramai mi pervade e vorrei sapere dove trovare altre energie.ero sposata con un uomo che per carattere mi trascurava parecchio..mi sono invaghita di un altro platonicamente e da lì ho chiesto la separazione (senza avere avuto una relazione affettiva e sapendo che non l'avrei mai avuta) perchè non sentivo amore da parte sua mentre questa affezione nuova e tenera mi dava gioia. lui dopo un mese di cattiverie (ABBIAMO DUE BAMBINI OGGI DI 5 E 6 ANNI) anche davanti alla bambina piu' grande accusandomi di cose assurde e non vere e di crudeltà verbali di cui mi attribuisce tutt'ora la colpa...ritrova una nuova vita solo dopo UN MESE dando a me la conferma che non mi amava oramai chissa da quanto tempo (con una giovane di 25 anni). praticamente oramai ci convive da 11 mesi.io dopo tre mesi riprovai a ritornare anche per i bambini ma lui aveva già deciso che io ero un'estranea e sono rimasta paralizzata da tanto gelo e dal fatto che mi trattasse come una sconosciuta parlandomi di questa (prendendo però il sesso che è durato almeno per 6 mesi)...automaticamente difendendo la nuova. io che a parte la lingua lunga sono il classico pezzo di pane, sto subendo da parte sua continui martiri..negazioni sui suoi diritti di padre, accuse su cose assurde, accusata di essere una piagnona che lo fa apposta per farlo sentire in colpa, di trattarlo male (quando in realtà il mio trattarlo male è una risposta al suo farlo a me), mi occupo dei bambini per i doveri e lui solo per i piaceri, mi chiama tipa che si sistema le cose a suo comodo quando è esattamente vero il contrario, i suoi genitori per dispetto a me negano aiuti per quanto riguarda i bambini ed io che lavoro fuori casa e non ho la pausa pranzo spesso ho difficoltà ai limiti del licenziamento, io non ho nessuno sono sola e non capisco il motivo di questo trattamento..so solo che si è circondato di bugie sul mio conto dicendo cose assurde...e ho una paura fattuta di parlare con lui. i bambini lo amano e lui ha già presentato loro la nuova e quando gli ho fatto notare che esistono dei tempi da rispettare per i bambini lui mi ha attaccato facendomi intendere che non dovevo mischiarmi con la sua vita.mi impedisce di andare a trovare i bambini quando stanno con lui e io sento attraverso i miei bimbi il peso di questo e la loro difficoltà...cosa che io non faccio..lui previa comunicazione puo' venire quando vuole.dice che io non ho nessun diritto legale a chiedergli aiuto se non posso prendere i bimbi a scuola..mentre non è assolutamente vero..in sintese è palese e tangibile che mi sta MOBBIZZANDO sapendo che per amore dei bimbi io abbozzo. solo che io non smetto di piangere quando sono sola..ho perso le enrgie, anche i passanti se ne accorgono..mi faccio trattar male anche da chi calpesta i piedi per strada e chiedo scusa io perchè non dovevo passare di là. mi sento debole spaventata e incapace di reagire e fuggo di fronte al nuovo.quando squilla il telefono ed è lui che vuole parlare coi bimbi mi batte il cuore dipanico. sono andata ad un consultorio dove la consulente mi ha descritto la situazione come SCHIZOFRENICA...ossia troppo in troppo poco tempo dicendo che tutto sommato me la stavo cavando...ma io ora sono a pezzi e non so se riuscirò a subire ancora quegli atteggiamenti da parte di quello che io oramai considero un pazzo.lui si sta accanendo volutamente contro la mia persona per scacciarla...e io non so come reagire per farlo smettere ...senza far male ai bambini. se ci ligli dico di finirla lui mi fa passare per la mamma cattiva che litiga col papa e non vuole instaurare la pace.se faccio pace..ui mi spolpa viva approfittandosene..io sono nel baratro piu' assoluto..per amore dei bimbi sto abbozzando troppo..c'è un modo furbo che a me non viene e che posso usare per fargli cambiare atteggiamento senza che ricada sui bimbi....?io sono così stanca....tra un po' fa un anno che non ho un sorriso e una tregua

5 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile utente, dovrebbe riprendere in mano la sua vita e la sua dignità. E' altamente consigliabile che si affidi ad un bravo/a terapeuta che sappia sceverare e mettere in giusta luce gli aspetti problematici di questo suo matrimonio e della separazione. Le consiglio in particolare le tecniche rappresentazionali della Terapia della Gestalt perchè di immediata efficacia, purchè siano ovviamente ben utilizzate e sfruttate dal terapeuta.

Dott. Matteo Fattore Piacenza (PC)

La legge e' dalla parte sua. Non può' e non deve lasciare che il suo ex marito la distrugga. I suoi figli sono la cosa più' importante che lei deve difendere con tutte le forze anche a costo di mettere in mezzo avvocati e denunce. Suo marito non la vuole più' ma deve anche essere consapevole del fatto che prima di lui è' stato lei a lasciarlo e quindi non deve rimpiangere un passato che le dava dolore. Forse non è' stata la cosa migliore lasciarlo ma ad oggi sicuramente non serve avere paura di chi non ha potere legale su di lei è sui propri figli. Loro soffriranno per le cattiverie che sentono continuamente dalla bocca del papà', tuttavia lei con il suo amore li può' difendere e così' facendo difendere se' stessa dal senso di inadeguatezza e fallimento che la sta perseguitando. Lei è' una buona madre! Oggi conta esserlo ogni giorno sempre di più' soprattutto quando si ha a che fare con la cattiveria. Forza e coraggio!

Carissima Anna mi dispiace moltissimo per tutto quello che sta attraversando ed immagino che per una donna e mamma sia davvero troppo! Secondo la mia esperienza uomini che dopo la separazione si comportano in questo modo sono persone che hanno dei problemi personali anche importanti. Purtroppo spesso mi sono trovata di fronte a problemi di questo tipo essendo esperta in consulenza alle coppie e famiglie. Non credo che lei debba trovare un modo furbo da utilizzare...é già stata molto brava a chiedere un sostegno e si vede anche che é una persona con molte risorse. Per evitare che lui abbia tutto questo potere su di lei bisogna comprendere cosa lui ha rappresentato nella sua vita....cosa l'ha spinta a sposarlo, a quali suoi bisogni lui rispondeva. É chiaro che lui sa come colpirla e farle del male. Ma le cose cambierebbe se lei riesce a privarlo di questo potere. Essendo stati una coppia lui la conosce bene e la ferisce proprio nel suo ruolo di madre e non le permette di essere serena negandole l'aiuto anche pratico con i bambini. Le ricordo che i suoi figli hanno dei diritti ben precisi che il loro papà deve rispettare e se lei ha difficoltà oggettive nella gestione quotidiana lui é obbligato per legge ai suoi compiti da padre. Da ciò che ha scritto mi sembra di capire che ciò che la ferisce di più é la solitudine e l'indifferenza che riceve...cerchi di rompere questo circolo vizioso trovando delle persone a cui appoggiarsi...chieda aiuto alla sua famiglia o amici così da non sentirsi sola e da non farsi ferire da suo marito. Se lei vuole rimango a disposizione anche per comunicazioni via mail. Un caro saluto,

Dott.ssa Maria Potere Pescara (PE)

Cara Anna, la situazione che lei descrive è molto complessa. Capisco il suo dolore e il suo senso di resa, ma credo che lei dovrebbe riprendere in mano la sua vita, per lei, non solo per i suoi bambini. Continuare a combattere contro quest'uomo, ne vale veramente la pena? Si è posta questa domanda? Provi ad interrogarsi su questo, cosa merito io, cosa meritano i miei figli? Forse non è una guerra la risposta, ma questo è solo il mio parere, la sua risposta sarà senza dubbio adeguata alla sua situazione. Se riesce a farsi aiutare da qualcuno in questa situazione, magari la aiuterebbe a vedere le cose da un altro punto di vista, a capire cosa è meglio fare. Non ci sono consigli per far smettere quest'uomo di comportarsi così, lei sola può cambiare il suo modo di reagire e di vivere, non quello di suo marito. Un caro saluto

Gentile Signora, la sua è una situazione abbastanza complessa e pesante. Oltre la separazione stessa ha dovuto subire tutti questi comportamenti scorretti da parte del suo ex. La prima cosa che mi viene in mente da consigliare è quella di rivolgersi ad un avvocato per regolamentare la separazione, gli orari di visita, l’assegno di mantenimento e se necessario valutare se fare presente al giudice il fatto di essere maltrattata verbalmente davanti ai figli, poiché tutto questo si ripercuote anche su di loro. Non so quale sia la sua posizione economica, ma si può fare assegnare un avvocato dal tribunale se non può permettersi di pagarlo. Spesso non c’è un modo “gentile” per separarsi e in questi casi è opportuno farsi aiutare dalla legge e da un supporto psicologico, soprattutto quando tra i coniugi ci sono ancora dei conflitti in atto. In questa fase delicata della sua vita, in cui è arrivata sfinita e priva di energie, sicuramente le sarebbe di aiuto farsi supportare psicologicamente nel suo percorso di separazione, ma anche per ricostruire la sua autostima che da quello che scrive sembra essere a pezzi. E’ arrivato il momento di riprendersi la sua vita e voltare pagina. Inutili i sensi di colpa, che la fanno solo stare peggio. Il suo malessere attuale non può che riflettersi anche sul benessere dei suoi figli. Mi sembra anche che adotta un comportamento di sottomissione nei confronti del suo ex, cosa che a lui dà più forza che mai. Lavorando su se stessa potrebbe arrivare ad esprimere le sue di esigenze e rimanere ferma davanti un uomo che pensa di avere potere su di lei. Ovviamente mi mancano tante altre informazioni che andrebbero valutate per poter esprimere un parere più preciso sul problema che presenta. Rimango a sua disposizione.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Famiglia e bambini"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Bambino di 8 anni

Salve, ho 3 figli , la prima ha 12 anni, il secondo ha 8 anni e la terza ha 6 anni. Scrivo per mio ...

6 risposte
Bambino di 9 anni non accetta il distacco

Buongiorno, ho un bimbo di 9 anni, figlio unico. Per evitare di tenerlo a Milano nei mesi di giugno ...

11 risposte
Come mi devo comportare? Ho l'impressione di perdere del tutto il rapporto con mia figlia

Buon pomeriggio, sono la mamma di una bellissima bimba di 13 anni, avuta dal primo matrimonio che ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.