E' normale che non vuole parlare con il padre?

Anna Chiara

salve, sono la mamma di un bambino di 3 anni. io e il mio bambino viviamo al sud con i miei genitori perchè da un anno e mezzo sono separata dal suo papà dopo una convivenza durata sempre un anno e mezzo. il padre subito dopo la separazione si è allontanato e non si è occupato di suo figlio per qualche mese. dopo 6 mesi ha deciso di trasferirsi al nord e ora torna giù solo 2 volte l'anno per una settimana in cui vede il bambino per buona parte del giorno tutti i giorno. i nostri rapporti sono sul limite del “buono“. soprattutto cerco di mantenerli tali per il mio bambino. ma lui (mio figlio) non vuole parlare con suo padre quando è via. nè per telefono nè con videochiamata. ho paura anche che alcuni suoi comportamenti (il non voler provare cibi nuovi, il continuo distrarsi, i capricci e i dispetti) siano dovuti a questo abbandono che lui sente provenire dal padre. ha anche iniziato a pormi una domanda specifica sul perchè papà va via da casa nostra anche quando è in vacanza. come dovrei comportarmi con i suoi modi capricciosi e paurosi? è normale che non vuole parlare con il padre? cosa posso fare per tranquillizzare le sue paure? grazie

2 risposte degli esperti per questa domanda

Il fatto che il padre sia assente non lo aiuta nella costruzione del rapporto, considera inoltre che il tuo bambino ha comunque ancora tre anni, vive nella concretezza, nell'immediato. Per aiutarlo puoi parlargli del padre e pian piano invogliarlo a chiamarlo telefonicamente. Cerca di creare un ambiente di crescita sereno per lui, sii disponibile, tranquilla e serena tu tanto per iniziare, rassicuralo nei momenti di paura.Quando il padre lo viene a trovare lasciagli dei momenti tutti loro, sarà poi il padre stesso a dover spiegare al bimbo dove va quando va via.

Gentile Anna Chiara,

è comprensibile che suo figlio si rifiuti di parlare con un papà che vede e sente poco, ma questo non gli fa bene. Per un bambino, è difficile dare un senso alla separazione fra i genitori, per questo è fondamentale la presenza di adulti che, con amorevolezza e gentilezza, lo accompagnino in questa difficile fase di cambiamento.

Ha provato a parlare con il suo ex di queste sue preoccupazioni? 

 

Un caro saluto