Separazione

Ho confessato a lei un mio tradimento con un uomo

Paolo

Condividi su:

Sono stato onesto con mia moglie, ho confessato a lei un mio tradimento con un uomo, ho detto a lei che non provo più amore per lei e tantomeno che provo attrazione sessuale. Abbiamo due figli di 20 e 16 anni che amiamo più di noi stessi, siamo sposati da 19 anni. Ho deciso di uscire di casa, dopo anche averne parlato con i miei figli, e da 4 mesi vivo con mia madre. I sensi di colpa mi stanno attanagliando e da tempo sto seguendo un percorso psicologico che mi sta aiutando nella gestione della situazione. A volte sento che sto sbagliando ma sento che non avrebbe senso un mio ritorno a casa, tornerei nella sofferenza di prima, quando non mi sentivo più legato ad una persona verso la quale nutro un profondo affetto ma niente di più. Ho sensi di colpa verso tutti, i miei suoceri, i miei figli, e ovviamente lei che non si smuove e ogni giorno mi manda messaggi d'amore, dicendomi che con l'impegno di entrambi ritroveremo l'amore e anche una attrazione sessuale che io son sicuro non tornerà più. La psicologa mi dice di bloccare questi suoi messaggi per evitare di stare male. Io non ci riesco, e quando l'ho fatto mia moglie mi ha detto che era un umiliazione in più e che vede questo periodo come una punizione che voglio infliggere per tutte le incomprensioni del passato. Mia moglie vede solo e soltanto me ed io sono bloccato. Grazie per una vostra risposta

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Paolo, le dico sinceramente che la ammiro molto per la sua onestà e per il suo coraggio. Molte persone restano nell' ombra tutta la vita, invece lei ha trovato il coraggio di restituire dignità e verità a tutti. Sua moglie probabilmente aveva capito, ma lei deve essere una tale bella persona, rispetto ad altri uomini che ci sono in giro, che  sua moglie ha preferito accettare la sua omosessualità piuttosto che perderla.Questo però è un problema di sua moglie, che io forse inizierei a chiamare ex, anche se di fatto non siete ancora separati. Non sono dell' idea che bloccare i suoi messaggi possa produrre qualcosa di buono, per quanto lei si debba tutelare da una donna che ha perso la sua ancora e che lotterà per riaverla. Deve trovare il modo di proteggersi,  ma forse la parola é la sua forza. Lei ha trovato coraggio e non fugge più, quindi, solo quando lei se la sente e nei momenti e luoghi da lei stabiliti, sia categorico, sia definitivo, parli e parli ancora fino a stordirla. Le spieghi a testa alta e senza esitazione che lei è gay, le faccia vedere 2 uomini mentre fanno l' amore e le faccia capire che questa cosa non può cambiare e che se fino ad ora ha interpretato un ruolo, sbagliando per sè stesso e per gli altri, adesso non vuole e non può fingere più.

L' alternativa è rifugiarsi nel senso di colpa e nel malessere psicofisico per espiare i suoi presunti peccati, ma a cosa le servirebbe se non a rovinare la vita a sè stesso e quindi ai suoi figli? Tiri su la testa, si assuma le sue responsabilità, perchè ad ogni scelta o non scelta seguono conseguenze. Faccia coming out 100 volte se necessario, dia udienza a chi vuole capire, senza farsi sovrastare ed annientare e riprenda in mano la sua vita. Consideri che ha solo questa di vita, solo questa in cui si chiama Paolo, é gay, vive a Macerata nel 2016 ed ha trovato il coraggio di esprimere sè stesso.Davvero se la vuole rovinare? Proprio adesso che ha trovato il coraggio?

Io credo molto in lei.

P.S. Sarebbe consigliabile che anche la sua ex moglie si avvalga di un sostegno psicologico. 

Gentilissimo Paolo, lei si è già affidato alla professionalità di una collega, la quale la sta aiutando a ritrovare il suo equilibrio e certamente i suoi sensi di colpa procedono verso un' elaborazione...purtroppo sua moglie mi sembra di capire che non ha avuto la stessa intuizione e appare congelata in uno stallo! Io cercherei di convincerla ad intraprendere un percorso! Non escluderei la possibilità di una terapia di coppia che vi aiuti ad elaborare gli eventi che vi hanno travolti, probabilmente partireste da posizioni differenti ma il collega sarà in grado di aiutare entrambi a riprendere in mano la propria vita. Spero di esserle stato di aiuto e le auguro una buona giornata 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Separazione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a chiedere la separazione dalla moglie in un modo definitivo, come posso fare?

Gentili Psicologi vi scrivo perché sono in una profonda crisi con me stesso. Ho 44 anni e ...

9 risposte
E adesso?

Buongiorno sono Roberta dalla provincia di Torino...ci sono cascata, anzi ho fatto in modo che accad ...

4 risposte
Padre separato da poco con figli piccoli. Il più grande vorrebbe stare di più con me...

Salve a tutti e grazie in anticipo per l'aiuto che mi darete. Sono da 2 mesi separato, padre di due ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.