Ansia

Crisi ansiose seguite spesso da periodi di leggera depressione

Riccardo

Condividi su:

Buongiorno, da molti anni soffro periodicamente, di crisi ansiose seguite spesso da periodi di leggera depressione. La cosa si manifesta principalmente con la continua ed impellente necessità di fare profonde inspirazioni; la sensazione è come quando, durante una corsa od uno sforzo, senti il bisogno di ossigenare e di "rompere il fiato". Il problema principale è che con gli anni, questo stato di cose è divenuto, perlomeno nei periodi più negativi, un pensiero fisso e quasi ossessivo che mi condiziona molto le giornate e le attività che svolgo. Tutto iniziò nel lontano 1995 (all'epoca ero un discreto fumatore)quando casualmente vidi alcune tracce di sangue nell'espettorato, Ciò mi creò una notevole tensione e paura di avere qualche malattia polmonare; casualmente il fare dei respiri profondi mi dava una sensazione di sicurezza sul fatto di non avere niente, come poì è stato realmente. Da quel periodo però il pensiero di dover fare questi respiri non mi ha praticamente più abbandonato, creando di fatto le situazioni ansiose sopra descritte. In genere riesco a convivere con tale "problema" che pur presente, mi diviene secondario e controllabile; in altri periodi dell'anno diventa invece predominante, portandomi piano piano a situazioni quasi angosciose . Ho seguito in passato dei corsi collettivi di psicologia presso la ASL della mia zona, oltre poi a praticare, dietro consiglio medico, periodi di cura con ansiolitici ecc. Non ho mai praticato seriamente un percorso da uno psicologo, cosa che intendo fare molto presto, visto che finora il problema non l'ho risolto. Quale è il vostro parere? Quali i consigli che potete darmi? Grazie per la risposta. Cordiali saluti

8 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Riccardo, come lei stesso ha intuito, quando un sintomo, oltre ad essere disturbante, perdura bisogna fare qualcosa e concordo con lei sull'utilità di fare un percorso con uno psicoterapeuta. Il mio consiglio è quello di "provare" più di un professionista, dopo essersi accertato della sua formazione, perchè nel nostro lavoro conta molto anche la relazione che si instaura fra terapeuta e paziente. E' molto importante che lei valuti anche come si trova con il suo psicoterapeuta. Può chiedere di fare un colloquio e di avere informazioni riguardanti il professionista stesso e il suo modo di lavorare ("consenso informato") e decidere dopo essere stato informato e averne ascoltati più di uno. Partire con una buona dose di fiducia e di motivazione è la migliore partenza Cordiali saluti

Caro Riccardo, un problema d'ansia come il suo è sicuramente molto fastidioso e può interferire pesantemente con la vita sociale e lavorativa. Fortunatamente i disturbi d'ansia possono essere trattati in modo efficace con una terapia psicologica che, a differenza di quella farmacologica, non è solo sintomatica, ma introduce cambiamenti duraturi e fornisce al paziente strumenti e risorse per prevenire eventuali ricadute. Ciò non toglie che i due tipi di intervento possano inizialmente essere abbinati. Attualmente, come già ha suggerito una collega, la psicoterapia che offre migliori esiti per i disturbi d'ansia è quella cognitivo comportamentale (www.apa.org American Psychological Association; National Instutute of Mental Health www..nimh.nih.gov ). Cari auguri

Credo sia opportuno, in base alla sintomatologia che mi descrive, iniziare al più presto un percorso psicoterapeutico. Cordialmente

Salve Riccardo, sicuramente rivolgersi ad uno psicoterapeuta è la scelta migliore, in modo che lei possa divenire consapevole delle dinamiche che sono alla base del suo problema ed acquisire le tecniche specifiche per affrontarlo al meglio. In genere la psicoterapia più indicata per i disturbi d'ansia è quella di tipo cognitivo-comportamentale, il mio suggerimento è dunque quello di cercare un terapeuta che segua questo orientamento nella sua città. Intanto la sintomatologia che descrive mi fa pensare che i sintomi ansiosi sono una risposta ad eventi particolari che lei non riesce ad integrare nei suoi vissuti quotidiani, infatti, non sta sempre male allo stesso modo, ma in alcuni momenti la cosa si accentua. Provi a scrivere le volte in cui i sintomi sono più forti e provi a notare se ci sono collegamenti tra le varie situazioni, questo le darà delle informazioni inaspettate che spesso sono sufficienti a percepire il problema come un qualcosa che ha una sua coerenza e non come una malattia che arriva e che bisogna soltanto aspettare che passi. Le faccio i miei auguri.

Il problema che descivi oggi può essere affrontato e risolto anche in tempi brevi (di solito lo sblocco avviene prima della decima seduta) con un intervento mirato e studiato, apposito per questo tipo di disturbi. Pertanto, ti si invita a visitare il sito www.psicoterapiabrevemarche.it proprio per renderti conto di come si lavora. Alcuni giorni della settimana si lavora anche ad Arezzo per cui se contatti si fissa un appuntamento e si valuta la situazione. Cordiali saluti

Le consiglio di farsi seguire da un terapeuta. Ha problemi d'ansia che non vanno sottovalutati, dovuti ad una paura di morire che ha aperto "ferite" di cui non è consapevole. Con simpatia

Gentile Riccardo, gli stati ansiosi e depressivi di cui parla, potrebbero essere un sintomo di qualcosa che si è semplicemente manifestato attraverso il timore di avere qualche grave malattia legata fumo, che la conduce a mettere in atto il comportamento relativo alla respirazione a cui fa riferimento. Gli ansiolitici sono sintomatici, pertanto possono dare sollievo, ma non indagano l'origine del malessere. Pertanto, viste le precedenti esperienze e l'interesse nei confronti di un percorso psicologico, questo può essere consigliabile per approfondire ciò che si nasconde dietro alla manifestazione del suo disagio. Saluti

Caro Riccardo, la paura di avere una malattia tubercolare è la punta dell'iceberg dello stato ansioso a cui ti riferisci. Dal racconto, ci sono poche tracce per fare una diagnosi precisa, si evince il perdurare dell'ansia e dell'insicurezza. L'essere stato un fumatore non giustifica il comportamento verso l'angoscia di una malattia, ma visto che ci sono stati degli approcci alla psicologia consiglio di consultare uno psicologo psicoterapeuta, che possa aiutarti a capire gli stati ansiosi che si succedono. Gli ansiolitici sono necessari per la fase acuta, ma non risolvono il problema. Presso la casa di cura Leonardo, a Sovigliana, ci può essere lo specialista che può aiutarti. Auguri

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Ansia"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come combattere vomito da stress

Buongiorno, ho 28 anni e da quando sono adolescente in certi periodi la mattina mi sveglio con il ...

6 risposte
Il mio ragazzo soffre di insonnia, attacchi d'ansia, tic, come posso aiutarlo?

Il mio ragazzo soffre di attacchi d'ansia ed insonnia a causa degli esami e delle varie pressioni da ...

4 risposte
Capire se stessi

Gentili psicologi, vi allego una lettera che scrissi qualche settimana fa. Non ha un soggetto, non ...

1 risposta

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.