Depressione post partum

Pensate che questo piccolo distacco possa nuocere al bambino?

bianca

Condividi su:

Salve, sono mamma di un bimbo di 5 mesi e mezzo e cerco di affrontare un periodo di profonda crisi generale con l'aiuto di una psicoterapia. Ho deciso di tornare a lavorare la prossima settimana. Si tratta di un impegno di tre giorni la settimana consecutivi ma fuori città. Ho stabilito che porterò con me il bimbo, e mia madre, a settimane alterne. Quando non lo porterò starà con i nonni e la sera normalmente a casa con mio marito, che è un papà dedito e assolutamente presente. In pratica il bimbo sarà lontano da me una volta ogni due settimane per 3 gg fino a giugno, ma assolutamente accudito e coccolato dalle altre figure della famiglia. Nonostante questo, vivo con ansia questo momento, divisa tra il bisogno di ritrovare una mia dimensione personale e paura e senso di colpa dall'altro. Pensate che questo piccolo distacco possa nuocere al bambino? E, nel caso al primo esperimento dovesse soffrirne, sarebbe più giusto mollare o insistere per farlo abituare e tranquillizzare? Grazie mille a chi vorrà rispondermi.

2 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima, 

Una madre ha sicuramente un'importanza fondamentale nella crescita del suo piccolo, ma da quello che scrive i suoi allontanamenti saranno sporadici e il bambino rimarrebbe comunque con delle figure familiari, già presenti nella sua vita. 

In ogni caso, non si fasci la testa prima di cadere: valuti la reazione di suo figlio  alla separazione da lei e, In base a questa, prenda  la sua decisione. 

Resto a disposizione 

Dott. Luigi Frezza Catania (CT)

Gentile Bianca,

il bisogno di ritrovare la propria dimensione a volte si accompagna con ansia e senso di colpa, che creano difficoltà a modificare lo status quo verso una situazione a noi più congeniale.

In particolare, Le domando:

  • Quando si sono manifestate la prima volta l'ansia e il senso di colpa rispetto al lasciare Suo figlio ai Suoi familiari?
  • Quali strategie ha già messo in atto per fronteggiare l'Ansia e il Senso di colpa?
  • In che modo la soluzione che ha trovato, di portare il bimbo con lei e di lasciarlo al papà e ai nonni a settimane alterne, La aiuta a fronteggiare l'Ansia e il Senso di colpa?
  • Quali sono i valori per Lei importanti, alla base del bisogno di ritrovare la Sua dimensione personale?
  • In che modo questi valori possono aiutarLa a fronteggiare l'Ansia e il Senso di colpa?

Resto a Sua disposizione, qualora volesse rispondere alle mie domande e condividere con me le Sue riflessioni.

Un saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione post partum"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mia moglie è affetta da una depressione post parto con fenomeni aggressivi

Buonasera sono sposato con mia moglie da 2 anni, siamo fidanzati da 8 (contesto cattolico credente)...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.