Depressione

20 anni e mi sento già disperso

giulio

Condividi su:

Salve,
mi chiamo Giulio e sto malissimo. Un male interiore che mi sta divorando e a cui soprattutto non trovo rimedio. Mi sento vuoto..sento che non ho un obbiettivo di vita. La mia vita è dannatamente noiosa e tranquilla. Non ho stimoli. Non provo più sensazioni che mi facciano sentire vivo. Il lavoro che svolgo è un lavoro d'ufficio che teoricamente non è male per i tempi che corrono, ma non mi sta facendo vivere.

Ho solo 20 anni, dovrei avere una voglia di spaccare il mondo e di conoscerlo mentre mi sento in una ca**o di gabbia.

La mia vita sociale è buona. Ho un'ottima compagnia di amici a cui voglio un bene dell'anima e per cui darei tutto, ma ci vediamo solo al weekend. Molti vanno all'università e quindi hanno orari limitati (anche al weekend perchè devono studiare).

Università: altra brutta storia. L'anno scorso ho provato ed è finita male. L'ho abbandonata e ho iniziato (da subito fortunatamente) a lavorare. Ingegneria troppo difficile, non mi andava di far sprecare soldi ai miei genitori. L'abbandono è stato un vero e proprio calvario. Non mi sono mai sentito tanto un fallito in vita mia. Il problema è che questa sensazione mi sta trascinando nella depressione ancora oggi. Anzi è aumentata dato che ho deciso di continuare a lavorare anche questo nuovo anno in quanto non sono ancora riuscito a capire cosa voglio fare nella mia fottuta vita. Io sto male. Lavoro chiedendomi ogni ca**o di giorno: "cosa voglio dalla mia vita?" oppure "cosa ci faccio qui?". Sono disperato. Mi sento inferiore a tutti. Mi sento un ignorante. Un cagasotto. Un vigliacco. Un nullafacente. E' incredibile quanto riesca a sentirmi solo anche mentre sto con le persone. Non sorrido più.
Sono consapevole di sembrare un'ipocrita: dopotutto ho amici, lavoro e fisicamente non sono neanche male (faccio palestra). Purtroppo però io mi sento male. Io mi sento un morto che cammina. Voglio l'adrenalina. Vorrei....che ne so.... andare un pò di tempo all'estero per mettermi alla prova e imparare l'inglese bene. Ecco voglio imparare. Ma non c'è vita in me. Vorrei soltanto riuscire ad avere quei famosi 20 secondi ci coraggio, quei 20 secondi di irrazionalità e imprevidibilità e sento che riuscirei a vivere come voglio.

Forse rischiando tanto ma pur sempre a vivere.
Grazie dell'attenzione e buonagiornata.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Daniela Cannistrà Monza e Brianza (MB)

Caro Giulio, leggendo le sue parole mi viene l'immagine di qualcuno che insegue un qualcosa di non ben definito...corre, corre, ma questa corsa non lo porta mai a destinazione, anzi piú corre piú vede il traguardo allontanarsi....come se guardare la sua realtá con degli occhiali "neri" la faccia restare sempre al punto di partenza, non permettendole di apprezzarne in qualche maniera colori e sfumature. Si ritiene inferiore, nullafacente, vigliacco...e sembra fare molta fatica a riconoscersi delle qualitä e delle risorse. Ma tanto piú vede solo gli aspetti meno funzionali di se stesso, ancora di piú questi si amplificano e diventano dei mostri spaventosi. Mi viene da chiederle quali sono le sue qualitá? Cosa apprezza di se stesso? Cosa prova per la sua persona? Cosa puó rendere la sua vita ricca e "vitale"? Fermarsi anche solo 5 minuti al giorno a riflettere su questi aspetti puó fare una bella differenza...ovviamente, a mio avviso, condividere i suoi vissuti con qualcuno che potrebbe aiutarla a "fare pace" con se stesso sarebbe utile e produttivo per lei. 


In bocca al lupo!

Caro Giulio,


credo che anzichè crogiolarti nella tua solitudine tu debba provare a guardarti dentro e capire il motivo della tua insoddisfazione. Forse hai sempre preso la strada facile perchè avevi paura di fallire, forse per comodo, forse perchè sapevi che potevi farlo. Però dentro di te una voce ti sta dicendo che non è la strada più facile quella che ti serve per realizzarti, e vale la pena investire in qualcosa di tuo e sentito, anche se richiederà tempo e fatica. Prima di mollare il lavoro e partire per un viaggio all'estero proverei a capire quali sono i tuoi interessi, e, sulla base di quelli, scegliere un lavoro e una formazione che li rispecchi. Un aiuto psicologico potrebbe esserti molto utile in questo orientamento, non esitare a chiederlo, costruisci un piano d'azione, degli obiettivi sentiti e poi mettiti subito in moto! In bocca al lupo. 

Buonasera Giulio, mi pare che abbia esposto con precisione e particolarità la situazione che vive, per quanto le crei sofferenza la capacità di parlarne è un buon indice prognostico. Le ragioni vanno ovviamente indagate, può senz'altro trovare un buon terapeuta nella sua zona e trovare i punti critici del suo malessere.


Se ha bisogno di indicazioni può contattarmi, trova i riferimenti nella mia pagina del portale,


La saluto cordialmente.

Dott.ssa Rita Gentile Livorno (LI)

Buonasera Giulio.
La sua condizione potrebbe essere migliorata con un'analisi di cosa sente e degli strumenti a disposizione, i suoi, insieme a quelli esterni, per valutare un cambiamento. Questo momento della sua vità, i 20 anni, è ideale per poter individuare una strada che la possa rendere soddisfatto e motivato e quindi con un obiettivo.
E' possibile avere una consulenza anche tramite Skype e iniziare un percorso per approfondire la sua domanda e magari per orientarsi e sviluppare un piano. Se vuole può contattarmi.
Un saluto.

Dott. Giuseppe Mori Torino (TO)

Caro Giulio


è comprensibile la tua noia, la tua tristezza e l'abulia.


Forse ti fai tante domande ma non quelle che servono a te.


Più che chiederti cosa voglio che mi pare tu lo faccia sottostare al giudizio altrui e alla desiderabilità sociale, potresti chiederti "cosa mi piace", cosa sento dentro di me che mi appaga indipendentemente da quello che possono dire gli altri. Poi vedi come puoi realizzare il tuo desiderio mettendo in conto che per riuscire nella vita occorre accettare anche compromessi e non lesinare mai in determinazione e audacia.

Buongiorno Giulio,


scrive sfogandosi senza chiedere nulla a noi.


Dalle cose che scrive sembra che lei soffra di un'ansia elevata. Le persone molto paurose costruiscono la loro vita incentrandola sul controllo. Ma una vita fondata sulla ricerca di sole sicurezze ovviamente porta come conseguenza il soffocamento della vitalita' (eccitazione interiore) di cui lei parla.


Le suggerisco quindi di chiedere un aiuto professionale per affrontare tale disagio.


Cordiali saluti 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Entrare in un tunnel e non trovare più la via di uscita!

Salve, sto vivendo un periodo davvero difficile, sono molto infelice e sento che c'è qualcosa ...

1 risposta
Vorrei sapere un po se i disturbi di mia mamma sono gravissimi

Ciao vorrei un aiuto.  Da tempo mia mamma soffre di ansia e depressione, soprattutto da quando ...

5 risposte
Credo si essere caduta in depressione

E' da quasi un anno che sono fidanzata con un ragazzo che secondo me soffre di bipolarismo, ho soppo ...

8 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.