Depressione

Sono soggetto a razzismo, sto malissimo.

Joshua Lüz

Condividi su:

Buongiorno/sera.
Sono un ragazzo nato in Italia a Varese, quando avevo un anno insieme alla mia famiglia sono emigrato in Svizzera italiana.
Ho fatto tutte le scuole in Svizzera, ottenuto i documenti, e vissuto la totalmente la mia vita. Eccetti alcune volte che tornavo in Italia del nord da alcuni parenti che lentamente si sono comunque staccati dai miei genitori. Quindi posso dire di non avere contatti nemmeno di tipo famigliare con l’Italia.
Purtroppo in Svizzera le cose non vanno bene quando i miei coetanei scoprono che io sono nato a Varese. È triste da dire, cambiano atteggiamento e nel giro di pochi giorni spariscono tutti. L’esempio è infelice ma è simile ad essere un ebreo tra i nazisti.
Non ricevo violenza, semplicemente le persone si staccano da me perché per loro sono l’italiano.
Purtroppo io sono italiano solo di nascita, ho anche il passaporto italiano essendo di origine italiana ma non ci ho mai vissuto.
Ho intenzione di rinunciare alla mia cittadinanza italiana ma temo che non sarà per un pezzo di carta che io smetterò di essere l’italiano per tutti.
Purtroppo sono nato a Varese e sinceramente non so come fare a nasconderlo. Inizialmente per me non era un problema. Lo è diventato quando ho visto che se lo dicevo alle ragazze con le quali flertavo si volatilizzavano, oppure quando lo dicevo ai miei amici partiva la battuta sulla pizza o sulla mafia scimmiottando il dialetto napoletano. Io ingenuamente lo dicevo quando mi veniva chiesto ora pongono discorsi in modo che non mi venga mai chiesto. Molti miei cari amici non lo sanno e spesso quando parlano male degli italiani io ascolto e mi spavento che un giorno scoprano che sono nato A Varese.
Nello stesso momento penso che non sia l’origine di una persona a dettare la persona che è e che non bisogna generalizzare. Uno può essere nato a Varese come in Congo che siamo tutti potenzialmente uguali.
Quello che mi attanaglia è invece un’altra cosa: mi attanaglia essere classificato l’italiano senza che io realmente lo sia, parliamoci chiaro io sono solo nato la, non mi rende italiano, questa cosa non ha senso, cioè se io fossi nato in Indonesia perché mia mamma stava farcendo una ipotetica vacanza lo sarei classificato come l’indonesiano? È qualcosa di folle.
Un solo dannato giorno ho passato nell’ospedale di Varese e questo mi rende per tutti l’italiano, il terone, colui che mangia la pizza e gesticola con le mani, mi trattano come uno che butta le cartacce per terra e che parla in dialetto del sud. Rendetevi conto.

6 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Salve Joshua, nel momento che stai vivendo colgo molta rabbia. Non devi e non puoi abbatterti, anzi e' il momento di affrontare questa discriminazione con più convinzione e consapevolezza. Per fare ciò hai necessità di rafforzare la tua persona, il tuo modo di essere e di sentire. Un lavoro sulle emozioni ti aiuterebbe molto a gestire la rabbia, il senso di insicurezza e di estraneità. Riuscire ad elaborare il giudizio esterno, rafforzerà la tua autostima e l'autonomia. Un saluto.

Buongiorno a lei,


ho letto più volte la sua domanda senza di fatto trovarne una se non tra le righe...nel suo stesso sentirsi "attanagliato" per essere classificato italiano senza di fatto esserlo come ha più volte ribadito e nello "spavento" che un giorno anche gli amici che ancora non lo sanno possano scoprirlo.


Leggo dei suoi tentativi di nasconderlo o di risolvere il problema rinunciando alla cittadinanza pur di non incorrere nel distacco dei coetanei o delle ragazze.


Quanto scrive mi arriva come una sorta di dichiarazione implicita di non appartenenza a quella parte di se stesso che appartiene in qualche modo alla cultura italiana.


Quanta fatica emotiva le costa il tutto ?


Perché continuare a rifiutare quella parte di sé cercando in tutti i modi di nasconderla, minimizzarla o annullarla anziché cercare di conoscerla meglio e fare amicizia con lei ?


A parte il quadro da lei riferito di un nazionalismo spiccato dei suoi coetanei svizzeri, ritengo sia importante lavorare con se stessi per arrivare a conoscere la ricchezza della sua parte italiana perché possa affiancarsi a quella svizzera o altra e diventare una risorsa in più anziché il grosso limite delle sue relazioni.


Cambiare se stessi implica cambiare le regole del gioco delle relazioni, perdere gli amici che non l'accettano per intero ma vincere nelle relazioni che valgono. Una sfida non facile ma avvincente.


Personalmente mi occupo di psicologia e psicoterapia transculturale, che offrono spunti utili di confronto eventuale sul tema.


 

Gentile Joshua,


mi piacerebbe parlare con te per sapere cosa ne pensi tu degli Italiani e dell’Italia. Sono d’accordo con te quando dici che una persona non è il luogo dove è nata, ma ciò che sente di essere. Tu chi senti di essere? La tua sofferenza mi arriva forte, come se in un periodo della tua vita in cui volessi definirti ti venisse reso molto difficile farlo. Le origini sono una cosa importante, sono alle base del nostro essere nel mondo. Forse ci sarebbe bisogno di parlare di questo per essere sicuri di potersi portare nel mondo senza difficoltà, anche se gli altri ci prendono in giro.


Spero di aver risposto un po’ a quello che scrivi.


Ti abbraccio


 

Buonasera Joshua, purtroppo combattere contro l'ignoranza della persone non è facile, anzi. Comprendo la difficoltà della situazione ma non capisco un passaggio, scrivi che sei emigrato in Svizzera all'età di un anno, di aver frequentato tutte le scuole in Svizzera, per cui sei cresciuto li con la tua famiglia e le persone che hai frequantato a scuola e fuori da questa. Non hai amici? sei completamente solo? Le persone ti conoscono per quello che sei, i tuoi pensieri, i tuoi comportamenti, vanno altre questo e si allontanano perchè sei nato in Italia?


Resto a disposizione.

Buongiorno Joshua,


il pregiudizio si può vincerlo confrontandosi direttamente con gli amici con cui hai a che fare. Parlare ed eventualmente discutere con i tuoi amici potra' essere un  modo per crescere nel rapporto con loro e, in fondo, verificare su quali elementi concreti si fonda la vostra amicizia.


Perciò mi sembra che confrontarti con i tuoi amici potrà essere essere un ottimo modo per affrontare la paura di sentirti giudicato. 


I pregiudizi sono universali, di vario genere  e si incontrano in qualsiasi ambiente.


 


 


 


 

Quello che lei racconta è di una gravità assoluta da un punto di vista sociale, culturale. Io sono italiana e sentire dire certe cose fa malissimo ma nonostante questo sono fiera di esserlo perchè l'Italia è tanto altro, non solo pizza, ecc. senza elencare il valore e la bellezza del nostro territorio perchè è indiscussa.


Per aiutarla posso solo domandare: ma lei come si sente dentro? Quale identità si sente?. Non ha un nome italiano. Ha vissuto sempre in Svizzera e quindi lei si dovrebbe sentire svizzero e non italiano e quindi per coerenza di sentimento interno può dire di essere svizzero. Mi auguro però che sia un cittadino svizzero che non abbia lo stesso pregiudizio e chiusura mentale dei suoi amici. 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Come affrontare i pensieri suicidi e il sentirsi inadeguati?

Sono una ragazza di 20 anni, determinata, sognatrice e a detta degli altri “brillante” ...

4 risposte
E' depressione la mia?

Salve, mi sono iscritta qui perchè ho bisogno di essere aiutata in questo periodo della mia ...

1 risposta
Non so come riprendermi

Salve a tutti, ringrazio già in anticipo chi leggendo la mia richiesta d'aiuto vorrà ...

4 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.