Depressione

Depressione da solitudine

Giacomo

Condividi su:

Salve
Mi chiamo Giacomo, ho 18 anni e vivo nella zona di Senigallia.
Da un anno a questa parte mi sono reso conto di essere praticamente solo. Prima non ci facevo caso perché tornavo a casa ogni giorno da scuola e facevo altro mentre i giorni/mesi passavano senza che me rendessi conto.
Solo una settimana fa ho capito che tutte le persone che conosco sono praticamente "solo conoscienze". I compagni di classe hanno creato gruppi solidi e ormai in quinto superiore mi sembra impossibile entrarvi. Da quando me ne sono reso conto a scuola non mangio più e ogni volta che qualcuno dice la parola "amico" mi si chiude lo stomaco e sale una tristezza infinita. Ormai mi sento leggero solo quando esco da scuola e il pomeriggio, e anche quando penso di essere leggero ripenso al fatto che potrei essere fuori con amici a fare altro. Un altra cosa che ho notato è che in classe qualsiasi cosa facciano gli altri, dal parlare tra loro al passarsi i compiti sia qualcosa in cui mi evitano, mi escludono. Ormai sono rimasto con solo una persona che posso definire amico, cioè un ragazzo distante 400 km da me con cui gioco alla xbox alcune sere. Con lui sto bene ma so che non continuerà e questo mi spaventa.
Con la famiglia, al contrario che con le conoscenze esterne, ho un rapporto inverso. Sono estremamente legato alla famiglia (soprattutto mia madre, con cui ho un rapporto speciale) e non so cosa farei senza di loro.
Vorrei cominciare a parlare di questi problemi con un esperto quindi se siete della zona gradirei sapere se mi potreste aiutare, basta anche solo un consiglio.
Grazie

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Caro Giacomo,


comprendo come la situazione che descrivi sia per te fonte di disagio e sofferenza.


Credo che per te possa essere utile trovare uno spazio tuo, dove poter conoscere ed approfondire aspetti della tua personalità, i tuoi desideri e bisogni per comprendere meglio come questi influiscano nelle relazioni che intessi con gli altri.


Un percorso psicologico potrà esserti utile in questo senso.


Resto a tua disposizione, ricevo a Pesaro e a Fano, ma anche online.


Un caro saluto


Dott.ssa Irene Salvatori

Salve Giacomo,


immagino la difficoltà di questo momento, le amicizie sono sempre importanti sopratutto durante l'adolescenza. Con un gruppo di amicizie già formato é più difficile inserirsi, ma non impossibile. Alcuni suggerimenti su due piedi:


-prova a farti conoscere per quello che sei, per una tua caratteristica che può essere apprezzata dagli altri, sii tu quindi a farti avanti (es. prova a passare agli altri i tuoi compiti in una materia che ti riesce; prova a organizzare un gruppo di studio, oppure prova a inserirti in una partita di calcio);


- prova a fare uno sport di squadra il pomeriggio, che ti possa aiutare a conoscere persone della tua età che altrimenti non incontreresti);


- prova anche a coltivare un rapporto con cugini o vicini di casa, ecc..


Di certo non puoi aspettarti che siano gli altri ad includerti se loro si trovano bene tra di loro. Chiuderti in te stesso, per quanto doloroso sia questo momento, non é una soluzione. Ogni atto di consapevolezza ha un costo.. ora sta a te trovare le risorse,  dentro di te, per trasformare questo momento di dolore in un'occasione di crescita. Se da solo non riesci c'è sempre la possibilità di rivolgerti a un professionista.

Ciao Giacomo


fai bene a cercare un aiuto in zona che ti possa seguire. Io posso darti solo qualche consiglio. Anzitutto sdrammatizza la situazione in quanto può essere normale avere qualche difficoltà di rapporti alla tua età. Poi chiediti più praticamente cosa ti piacerebbe fare giorno per giorno e vedi cosa puoi mettere in atto per realizzarlo. Esempio: vuoi uscire con amico? Prova a contattare qualcuno per fare delle cose(passeggiate, sport, acquisti..) e mettiti a disposizione senza troppe esigenze. Se poi capita che non trovi nessuno esci per conto tuo e fai quelle cose che ti sarebbero piaciute e il giorno dopo riprovi con gli amici. Senza fretta e senza sentirti deluso. Vedrai che piano piano qualcuno lo trovi. Frequenta gli ambienti che conosci e che sai sono frequentati anche dagli amici. Si sorridente e aperto anche se non non riesci a fare grandi cose. Prova ad essere presente alla vita sociale degli altri senza abbatterti se percepisci di non essere protagonista. Ricorda sempre che quello che ti piace e vuoi fare ha sempre valore indipendentemente dalla adesione degli altri. Gusta anche le piccole cose che riuscirai a fare e pensa sempre che la vita è bella anche quando non tutto si realizza.

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Non riesco a capire che mi succede

Salve, è da tanto tempo che mi sento strano, forse addirittura dalle elementari o inizio medie...

2 risposte
Cosa significano questi "segnali"?

Perché sono cambiata? A partire dall'estate dell'anno scorso non sono più come prima...

2 risposte
È davvero tutto sbagliato?

Buonasera, Sono una ragazza di 28 anni, sposata con due bambini. Tutta la mia vita risultava perfet ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.