Depressione

Ho 29 anni penso continuamente al suicidio

Alex

Condividi su:

Buongiorno, mi chiamo Alex e ho 29 anni, è da tanto tempo ormai che medito il suicidio, ho una storia familiare molto difficile e non ho mai consultato uno psicologo o una psicoterapeuta.
Ripercorrendo il mio passato, i miei problemi cominciarono quando ero piccolo (mio fratello si ammalò gravemente quando era molto piccolo ed era seguito costantemente da mia madre negli ospedali lontani da casa nostra, mentre mio padre stava in galera, questo l'ho scoperto quando avevo 18 anni) quindi io ho vissuto con i miei nonni (i genitori di mio padre) buona parte della mia infanzia, a volte venivo ospitato da altri parenti o amici di mia madre.
La situazione si assestò più o meno durante i miei 11/16 anni di età, quando mio padre uscì dal carcere e tornammo a vivere come una famiglia "normale", mio fratello si riprese dalla brutta malattia.
Successivamente cominciò la sciagura, mio padre abbandonò la nostra casa e si prese anche i soldi (tra cui il rimborso di un incidente in cui io fui coinvolto a 14 anni, io lo venni a sapere dopo la maggiore età), io mio fratello e mia madre ci trovammo senza più nulla, nel 2012 subimmo uno sfratto e ci ritrovammo letteralmente in strada, poi piano piano siamo riusciti a ristabilirci, sempre vivendo tra mille difficoltà e con pochi soldi.
Il rapporto con mia madre non è mai stato ottimale, nel corso della relazione tossica con mio padre ha contribuito a distruggere anche la figura dei miei nonni paterni, con cui ho vissuto la maggior parte della mia infanzia, rendendomi privo di riferimenti "sani" a cui rimanere legato (premetto che i miei nonni, a quel tempo molto anziani, non si comportarono benissimo con noi durante la mia adolescenza, ospitarono mio padre),
Per quanto riguarda me, non ho fatto altro che chiudermi in me stesso, ho sofferto di disturbi di ansia e attacchi di panico per tanti anni che ho molto lentamente imparato a gestire, soffro anche di quella che penso sia una fobia sociale e una depressione che nel corso degli anni si è manifestata in vari modi, che penso sia cominciata quando ero alle superiori.
Sono sempre stato una persona introversa e riflessiva, ora mi considero fortemente disilluso e nichilista, ho problemi a legarmi alle persone, infatti ho pochissimi e selezionati amici, è da tanti anni che non mi lego a una ragazza (addirittura il mio primo bacio l'ho ricevuto da una ex ragazza perché non prendevo iniziativa).
Ultimamente i miei problemi sono riaffiorati in modo atroce, ogni mattina faccio uno sforzo immane per recarmi a lavoro (mi sono trasferito in nord italia sempre per lavoro) e ho paura del contatto sociale, il punto più basso l'ho toccato quest'estate durante una forte delusione per un'opportunità lavorativa che ho perso a Milano, e che mi ha portato a dover tornare in Sardegna (la mia terra di origine) e cercare lavoro in un settore che disprezzo, la ristorazione.
Durante questo lavoro ho avuto un conflitto con un collega (non particolarmente stimato dagli altri colleghi, anzi), che senza che io facessi nulla mi ha offeso davanti agli altri colleghi, definendomi uno sfigato e arrivando a deridermi sull'aspetto fisico senza nessun pretesto, arrivando a dire in un'occasione che pensava che fossi vergine.
Questo ha riacceso la mia insicurezza e la mia depressione e mi ha portato ad abbandonare quel lavoro, mi ha messo profondamente in crisi e ho ricominciato ad avere pensieri suicidi molto frequenti, la rabbia più profonda l'ho sviluppata per il fatto di non essere riuscito a farmi valere in quell'occasione.
Quando metto piede fuori di casa metto in discussione il mio valore come persona e il mio aspetto (fino a quell'episodio non ho mai avuto problemi di insicurezza dal punto di vista fisico, ho praticato palestra per tanti anni e mi sono stati fatti complimenti anche dall'altro sesso), ora mi sento insicuro e fragile, e come se fossero riaffiorati dei conflitti interiori non risolti che ho sepolto dentro di me, ma che ora mi stanno trascinando nel baratro.

Mi scuso per la lunghezza del testo, vorrei avere un parere vi ringrazio

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Alex, capisco benissimo che la tua infanzia e la tua adolescenza non siano state facili, soprattutto dal punto di vista affettivo (il bambino e l'adolescente necessitano di sentire la possibilità di un amore incondizionato da parte di almeno una delle figure di riferimento adulte). Per questo non è stato possibile per te costruire un sistema di sicurezza solido che non ti faccia travolgere dagli aspetti negativi del mondo e che contemporaneamente ti permetta di godere delle gioie, delle emozioni positive che la vita ti offre. Tu stai meditando una soluzione estrema, pur essendo un ragazzo con molte risorse, consapevole e resiliente senza aver affrontato la tua sofferenza in un percorso psicoterapeutico, perché?


Questa sarebbe la via migliore, considerando anche la tua capacità di riflessione, che potrebbe aiutarti a rielaborare il tuo grande dolore e a trovare le modalità per sperimentare il piacere e le emozioni positive, te lo meriti, ma questa è anche una tua responsabilità: hai fatto un importante passo scrivendo qual è la situazione ora è necessario fare il grande salto e iniziare ad innescare dei cambiamenti che ti permettano di provare maggior gratificazione attraverso la relazione psicoterapeutica. Ci sono tante altre possibili soluzioni più funzionali per te rispetto a quella a cui stai pensando. Sei giovane hai ancora tanto da scoprire su di te, sugli altri, sulle relazioni, la tua vita non si esaurisce a quello che hai sperimentato finora e comunque per arrivare a 29 anni significa che sei stato in grado di utilizzare le tue risorse per andare avanti e se hai chiesto aiuto continui ad avere dei desideri, dei bisogni, dei progetti.


Rivolgiti con fiducia ad uno psicologo psicoterapeuta.

Buongiorno Alex,


intanto grazie per la fiducia che mostra nell'affidare una storia cosi complessa e difficile nelle mani di un professionista che a onor del vero non la conosce da vicino. Faccio questa premessa perchè personalmente posso solo immaginare la quota di dolore che ha dovuto per così tanto tempo gestire. Leggendo la sua storia ho avuto la netta sensazione di un qualcosa di indifeso che non ha mai potuto vivere un senso reale di protezione e di conseguenza non abbia mai potuto coltivare fiducia ne in ciò che c'è al di fuori di se ne tantomeno dentro di se. Quando si inizia a covare dentro di se il desiderio di annullamento credo che sia proprio il sentire che si stia spegnendo. Questo però implica il fare appello proprio a quell'intima capacità di provare a chiedere (così come ha fatto qui!) e darsi la possibilità di lavorarci un po sopra con l'aiuto di qualcuno. Riscrivere pezzi della nostra storia non è cosa semplice e veloce ma se lei si è trovato qui a scrivere per dare voce al suo dolore mi sento di affermare che questo tipo di risorsa è un qualcosa di prezioso e che le sta dicendo che può provarci e che un po di forza per farlo c'è. Non esiti a prendere contatto con un professionista li dove vive (se non lo ha già fatto) per cercare di darsi una possibilità.


Le mando un caro saluto.


 

Buongiorno Alex,


la sua è davvero una storia famigliare travagliata.


Come lei stesso dice, sembra che il conflitto con il collega abbia fatto riaffiorare conflitti, insicurezze e paure, che da ciò che racconta la accompagnano da tempo.


Un percorso psicoterapico potrebbe esserle utile per andare a fondo, analizzando tali problemi e trovando insieme al terapeuta delle strategie per superarli.


Saluti

Buongiorno, Alex, come lei consapevolmente dice, la sua infanzia ed adolescenza vissute in maniera così disagiata soprattutto dal punto di vista psicologico, non le hanno permesso di strutturare un'adeguata fiducia di base e un buon schema di attaccamento alle figure di riferimento. Tutto parte da lì, purtroppo...


Ovviamente lei non è portato a fidarsi di alcuno, nè ad instaurare veri rapporti di amicizia od amore. Sono ferite molto difficili da rimarginare, ma non è impossibile attuare un percorso riparativo, mi creda, e poter vivere una vita soddisfacente. Ho visto casi in cui con pazienza un bravo terapeuta è riuscito a ricucire e a ricreare la fiducia in pazienti reduci da esperienze simili alla sua e cresciuti in famiglie disorganizzate. Perchè non tentare? Perchè negarsi la possibilità di vivere una vita soddisfacente?


Mi scriva in privato, se crede. Resto a disposizione. Un caro saluto

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Mi sento inutile, e non vedo per me un futuro. Come posso cambiare?

Salve a tutti, Mi chiamo Mery, sono una ragazza di 26 anni, ed è la prima volta che provo a ...

3 risposte
Depressione, ansia e ossessioni da molto tempo

Salve dottori, sono una ragazza di 21 anni iscritta al primo anno di Medicina. Ho provato il test ...

1 risposta
Come affrontare una possibile depressione?

Premetto che non sono mai stata in terapia ma avrei voluto, per problemi economici non ho mai avuto ...

5 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.