Depressione

Mi sento inutile, e non vedo per me un futuro. Come posso cambiare?

Mery

Condividi su:

Salve a tutti,
Mi chiamo Mery, sono una ragazza di 26 anni, ed è la prima volta che provo a parlare, o in questo caso scrivere, dei miei problemi così apertamente. In passato ho provato ad aprirmi con amici in modo molto più “leggero” e le cose non sono andate sempre bene. Inoltre porto paura e vergogna di parlare con medici e dottori, il che mi porta a vivere con i miei problemi, anche di salute, senza fare niente a riguardo.
Il problema maggiore che mi sembra di vivere è una totale apatia che mi porta a vivere la vita molto passivamente, mi accontento, non do peso a moltissime cose, ad esempio la morte di nonni, e zii, molto poco mi tocca, mi sembra quasi di non avere sentimenti. Tutto continua e a me non importa più di tanto. Anche solo scrivendolo mi sembra di essere una sociopatica. Ho l'istinto compulsivo di mentire alle persone per mascherare la mia vita. Mi vergogno in un certo senso di quella che è la mia vita reale, molto vuota e priva di amicizie ed esperienze, così provo il bisogno di mentire, creando storie e persone dal nulla solo per far sembrare che in realtà viva una vita piena. Non riesco a relazionarmi alle persone, provo paura e vergogna di interagire con gli altri, soprattutto uomini, e quindi tendo a chiudermi a riccio dietro un’acidità che a quanto pare mi appartiene. Ad oggi, non ho mai avuto un ragazzo, ho baciato due ragazzi solo perché completamente ubriaca, cosa della quale mi sono pentita. Provo vergogna del mio corpo, ma di nuovo mi manca la spinta per fare qualcosa. Mi è stato detto di essere carina, ma io rifiuto il complimento, vedendomi un mostro. Due anni fa ho preso coraggio ed ho partecipato ad un programma che ti porta a vivere e lavorare all'estero. Lì mi sono in un certo senso aperta di più, coltivando della amicizie, per lo più superficiali, ma di nuovo la paura ha fatto in modo che allontanassi tutti con milioni di bugie, perché mi sentivo inferiore a tutti gli altri, e provavo vergogna per la mia inesperienza su tante cose. Sono da poco tornata da un viaggio di 10 mesi in Australia, dove ho fatto un lavoro che non mi piaceva, ma che non avevo il coraggio di lasciare perché avevo paura di trovarne un altro e confrontarmi con persone nuove e cose che magari non ero in grado di fare. Ho il vizio di sottovalutarmi, sono laureata, parlo tre lingue, ho vissuto all'estero, ho girato un po’ il mondo e ho visto più posti di chiunque altro nella mia famiglia, tutto ciò però vale meno di zero per me, come se fossero cose inutili delle quali non importa a nessuno. Sono contenta con il vivere chiusa in una stanza, l’ho fatto per anni, vivendo tra casa e scuola, senza fare nient’altro se non guardare tv e leggere libri. Ho creato un mondo completamente parallelo nella mia testa quando avevo circa 12 anni, una vita fantastica e meravigliosa, sulla base di un film che mi piaceva, e coltivo quella fantasia tutt'oggi. Quei personaggi sono i miei amici immaginari di cui parlo alla gente quando mi chiedono cosa abbia fatto ieri, mi aiutano a sentirmi meno sola quando passo le giornate senza parlare a nessuno, cosa che quando vivevo da sola succedeva spesso. Adesso sono tornata a vivere con i miei genitori, con i quali non ho un rapporto idilliaco, mi sembra di essere tornata a quando avevo 16 anni, nulla è cambiato da allora. Non vedo davanti a me un futuro delineato, non so cosa fare della mia vita, ho una paura incredibile di essere solo un fallimento. Quando avevo 18 anni ho quasi tentato il suicidio, cosa che non ho poi detto a nessuno, ci sono voluti anni per dirlo ad una mia amica e poi a mio fratello. La cosa che mi spaventa di più è che quella mi sembra l’unica soluzione per me, come l’unica cosa che potrebbe salvarmi da questa vita vuota e apatica. Davvero non so come uscire da quest'impasse.

3 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentile Maria,


per cambiare esiste un solo modo: fare una buona psicoterapia, che è appunto un'arte/scienza del cambiamento - una tecnica trasformazionale, in direzione del proprio vero Sé, ovvero della propria atuorealizzazione.


Non c'è un'altra opzione - consigli e cose del genere sono solo 'chiacchiere di treno'.


Quanti consigli ci hanno dato e/o ci danno i nostri genitori? O i nostri parenti? Od amici più stretti?


Quando c'è una nevrosi in corso, solo un intervento professionale può, sui tempi medi e lunghi, migliorare o proprio risolvere il problema.


Cordiali saluti.

Cara Mery, possiamo proprio dire che ti sei costruita la tua prigione mattone dopo mattone. Infatti quando uno costruisce una realtà inventata, basata sulle finzioni, poi ne diventa prigioniero ed è quasi costretto a continuare con le finzioni per mantenerla. All'inizio può sembrare divertente ma poi diventa una servitù. Questa tua lettera comunque mi sembra il primo passo verso una apertura che finora è mancata. Vorrei potesse essere la piccola pallina di neve che diventa una valanga, o la piccola crepa nel vetro che poi lo sbriciola. Continua ad aprirti. Anche poco a poco.


Un caro, e comprensivo saluto.


 

Salve


Le consiglio vivamente di intraprendere un percorso psicologico che l'aiuti a guardare meglio queste sue paure.


Non sembra che lei non abbia esperienza piuttosto sembra che non riesca ad appropriarsene e ad elaborarla come ricchezza interiore.


La invito a contattarmi in privato se desidera, il web infatti può certamente aiutare per iniziare a cercare un aiuto, ma non può sostituirsi alla realtà della relazione terapeutica, che è quella che lei dovrebbe mobilitarsi per cercare.


 


 

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

Inizio depressione forse psicotica

Autodiagnosi di inizio depressione forse psicotica. Come muovermi? Come anticiparla prima che prenda ...

4 risposte
Un mese fa il mio ragazzo ha perso il padre a causa del coronavirus.

Buonasera, Un mese fa il mio ragazzo ha perso il padre a causa del coronavirus. Stavamo affrontando ...

4 risposte
Non voglio uscire dalla depressione

Mi chiamo Angela e ho 15 anni da un anno sono in cura dalla depressione e dell"'autolesionismo, il ...

3 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.