Depressione

Non so come riprendermi

Melany

Condividi su:

Salve a tutti, ringrazio già in anticipo chi leggendo la mia richiesta d'aiuto vorrà darmi una mano...
Sono una ragazza di 23 anni nata in una generazione che non rispecchia nulla di me e del mio carattere, e in un contesto e situazione economica dura per tutti.
Premetto che ho una situazione familiare piuttosto normale, una madre e un padre presenti che non mi hanno mai fatto mancare il cibo in tavola, ma che non potevano permettersi spese extra (siamo in 5 in famiglia con un solo stipendio, di mio padre). Sin da piccola sono stata la figlia diversa, la pecora nera: sveglia e anticonformista, anche un po' introversa. All'età di 14 anni avrei voluto iniziare a frequentare un indirizzo scolastico che mi avrebbe richiesto spese per la mia famiglia impossibili, cosa che i miei genitori non mi hanno fatto scordare: dato che mia sorella è sempre stata ai loro occhi la figlia più brava (e lo era in effetti, costante in tutto) e che frequentava una scuola comoda dal punto di vista della vicinanza, i miei mi hanno consigliato di frequentare lo stesso indirizzo. Un minimo di interesse per le materie proprie di questo indirizzo lo avevo, ma erano presenti anche materie per me quasi impossibili. Il risultato fu il mio completo fallimento: le materie che non mi piacevano tolsero del tutto l'interesse che avevo per la scuola in generale, al punto che fui costretta a non terminare il percorso di studi a seguito di una ennesima bocciatura.
Da quel momento ho cercato di fare qualcosa che non potesse deludere ulteriormente i miei genitori: visto che non potevano più permettersi di aiutarmi a completare un possibile percorso di studi, ho cercato lavoro, e sto cercando tuttora. Trovo saltuariamente qualcosa, ma la verità è che nella mia situazione trovare lavoro è quasi impossibile: già senza un diploma è dura, ma il vero problema è che per qualsiasi cosa chiedono esperienza di almeno 1 o 2 anni. Mi andrebbe bene anche pulire i bagni di qualsiasi posto, ma anche per quelli serve esperienza. Esperienza che non posso avere perché non puoi lavorare senza esperienza di 1 o 2 anni.
Ho 23 anni e i miei genitori sono stufi di vedermi fallire. Mia sorella non è mai stata una cima, eppure ha preso il diploma (seppur con risultati minimi), ha trovato lavoro (grazie ad un'amica che l'ha inserita) e fra poco andrà a convivere con il suo ragazzo.
Il calcio in culo serve a tutti, soprattutto nel mondo del lavoro, cosa per me impossibile vista la mia quasi totale incapacità a relazionarmi: ho avuto amicizie tossiche in passato, di gente che mi ha criticata alle spalle soprattutto per il mio aspetto fisico (ho avuto problemi di peso nell'adolescenza) e per il fatto che non sopporto determinate ipocrisie (la mia ultima amica stretta era una ragazza che mi ha sfruttata per arrivare a determinati scopi, e che poi ha trovato un'altra persona più utile alla sua causa mollandomi senza farsi scrupoli e senza darmi una spiegazione decente).
Voglio bene a mia sorella e alla mia famiglia, ma questo mondo inizia a farmi schifo.
Mi alzo la mattina e mi chiedo quale sia il senso di sbattersi per poi non avere nulla. Vivo le giornate con un costante senso di vuoto: so che dovrei provare più emozioni ma non provo niente se non stanchezza, tristezza e questo vuoto che non mi lascia mai.
La sera perdo tempo col telefonino, sperando di riuscire ad addormentarmi in fretta ma i pensieri mi fanno stare sveglia, e mi addormento sempre tardi.
Sono stanca di tutto, e di tutti. Vorrei solo riuscire ad addormentarmi e non dover pensare più a niente, non dovermi preoccupare più delle sentenze di mia madre che pensa che non combinerò nulla nella vita, di quelle di mia sorella che dice che mi devo solo impegnare di più perché io, secondo lei, sono forte.
Non sono forte, ho sempre avuto voglia di piangere e ce l'ho tuttora, non lo faccio solo perché non voglio far star male loro. Mi sto solo sforzando di vivere, e so che non dovrebbe essere così.
Sono stanca... E basta

4 risposte degli esperti pubblicate per questa domanda

Gentilissima ragazza,


certo che non dovrebbe essere così, non solo alla sua età, ma per chiunque. Le indicazioni pratiche (a distanza non si può far più di tanto...) da parte mia sono due.


Dal momento che il passato non lo possiamo cambiare, inutile perdere tempo a pensarci: meglio imparare a cambiare quel tanto che basta a vivere meglio il presente e, di conseguenza, programmare e costruire un futuro che assomigli il più possibile a quello che desideriamo per noi.


Presso lo Spazio Giovani del Consultorio della sua ASL di appartenenza ha la possibilità di incontrare gratuitamente uno psicologo, che può affiancarla in questo processo di cambiamento, ascoltando e accogliendo la sua insoddisfazione, la sua rabbia, la sua delusione per aiutarla a trasformarle in grinta e desiderio di "mordere" la vita.


Allo sportello Informagiovani del suo Comune, invece, potrà recarsi per avere informazioni riguardo a corsi di formazione gratuiti, o opportunità di vario genere, tra le quali la invito a considerare seriamente la possibilità di svolgere un anno di servizio civile (retribuito poco più di 400 € al mese, per 25-30 ore la settimana), che le sarà utile non solo ad intascare qualcosa, ma anche ad iniziare a farsi quella benedetta esperienza che viene richiesta e a crearsi contatti che potrebbero servirle prima o poi.


Un ultimo suggerimento: il cellulare la sera lo molli almeno un'ora prima di andare a dormire. Vedrà che si addormenterà con maggior facilità.


Cordialità.

Ciao


hai fatto una bella ed esauriente descrizione della tua situazione attuale, in particolare del tuo stato d'animo che vive tutto con impotenza,tristezza e sofferenza. Il passato lo descrivi come fallimentare. Sembrerebbe proprio tutto senza speranza.


Bene,non scoraggiarti e incomincia un "nuovo inizio". Chiediti con calma e consapevolezza che cosa vuoi fare e realizzare e prova a darti delle risposte. Poi chiediti cosa puoi fare per mettere in atto quello che desideri e valuta i mezzi che hai e che potresti chiedere ragionevolmente a chi ti sta vicino. Sentiti protagonista delle tue scelte e metti in atto tutta la tua determinazione e la voglia di riuscire, senza farti abbattere più di tanto dagli insuccessi e dai dissensi altrui. Nella vita è importante ciò che riusciamo a realizzare con le nostre forze e non tanto raggiungere quello che gli altri si aspettano da noi.


Per ognuno di noi esiste una via da percorrere. A volte può darci soddisfazioni altre volte magari ci procura sofferenza. Quando sappiamo accettare il cammino che abbiamo deciso di percorrere possiamo trovare una certa tranquillità che è data dalla consapevolezza che abbiamo fatto ciò che era nelle nostre possibilità. Ogni giorno è un nuovo giorno e vivilo come un'opportunità da ricercare e sfruttare. Fai dipendere da te il tuo star bene e non delegare mai le tue scelte e il tuo sentirti valida.

Melany, hai una buona scrittura, coerenza e logica nel pensiero. Quindi puoi e devi sollevarti per alleviare a te stessa il peso di vivere. Siamo tutti soli e più o meno fortunati. Cerca disperatamente di impegnarti la giornata anche facendoti pagare poco o anche nulla. Se hai ancora problemi di peso inizia caparbiamente una dieta. Lascia perdere amicizie, relazioni e pensieri. Agisci. Il confronto con una sorella bella brava e fidanzata è micidiale, alimentato sempre e involontariamente dai genitori, nella convinzione il confronto sproni, invece affossa. Dai Melany, solo tu puoi alleviare il peso di vivere a te stessa e si può, te lo assicuro.

Buongiorno,


dalle sue parole colgo molta rassegnazione. La sua situazione è comprensibile e sicuramente sarebbe bene lavorare su di sè con un professionista per ricercare il suo benessere e la sua stabilità. Non trovare lavoro è molto frustrante e certamente non le porta soddisfazione, né finanziaria, né personale. Quello che posso consigliarle è comunque di non scoraggiarsi e di volersi bene. Capisco le difficoltà, ma lei è molto giovane e ha davanti a sè tutta la vita, cerchi di trovare un modo per ricominciare. Parta da quello che le piace fare. Se la sua attitudine verso la vita si modifica, potrebbe smuoversi molto intorno a lei.


Per quanto riguarda il rapporto con la sua famiglia e con i suoi amici quando avrà la possibilità economica di investire su di sè , io le consiglierei di lavorarci e di rielaborare la sua storia con un professionista, per poter superare problematiche e questioni che non la lasciano vivere serena.


Rimango a disposizione e le faccio i miei migliori auguri.


Cordiali Saluti

Vuoi scoprire tutti i contenuti per "Depressione"?

Poni la tua domanda agli esperti

Il servizio "Domande allo Psicologo" è attivo. Ogni giorno verranno selezionate le domande da inviare al circuito e da pubblicare sul sito. Non tutte le domande pervenute verranno evase.

invia domanda

Domande e risposte

La vita mi sta uccidendo

Non ho mai vissuto. Provengo da una famiglia povera. Mi è sempre mancato tutto: l'affetto dei ...

4 risposte
Depressione

Buongiorno e grazie per dedicarmi del tempo, spero mi arrivi una risposta per aiutarmi anche se ...

3 risposte
Non so più chi sono

Salve, sono una ragazza di 20 anni e sono ormai quasi 5 anni che non sto bene con me stessa. Ho ...

2 risposte

potrebbe interessarti

Questo sito web o le sue componenti di terze parti utilizzano i cookies necessari alle proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più puoi verificare la nostra cookie policy.